Con il Lehle P-Split Stereo, il produttore tedesco presenta una versione stereo del P-Split III. Il fondatore dell’azienda Burkhard Lehle si è guadagnato un’ottima reputazione in tutto il mondo con “problem solver” di alta qualità, sistemi di circuiti e trasformatori per il mondo della chitarra. Oltre ai buffer, ai pedali per il volume e l’espressione e ai looper di effetti, l’ampia gamma comprende anche gli splitter. Tuttavia, il P-Split Stereo è molto più di un semplice splitter, in quanto si fa carico di un gran numero di compiti utili nell’amplificazione della chitarra.

Lehle P-Split Stereo

Lehle P-Split Stereo – in breve

  • Splitter stereo, summing unit di segnali stereo, DI box stereo e problem solver
  • interruttore di fase e massa per ogni canale
  • non richiede alimentazione
  • trasformatori Lehle Transformer HZ di alta qualità
  • prodotto in Germania

Struttura e funzionamento del Lehle P-Split Stereo

Il P-Split Stereo è alloggiato in un involucro metallico molto robusto, di colore arancione, che misura 150 x 98 x 35 mm (L x L x A). Tutte le connessioni si trovano sul lato anteriore e corrispondono in linea di massima alla struttura a due canali della versione mono P-Split III. Qui abbiamo un ingresso e un’uscita DIR e ISO per il canale destro e sinistro in formato jack da 6,3 mm. L’uscita DIR passa il segnale di ingresso originale direttamente all’uscita. Con le due uscite ISO, invece, il segnale viene inviato attraverso un trasformatore Lehle HZ separato, in grado di elaborare segnali ad alta e bassa impedenza. Inoltre, isola galvanicamente le due uscite ISO, evitando così loop di massa e ronzio. Il segnale può essere prelevato dalle uscite ISO in modo asimmetrico o simmetrico.

Se si desidera inviare il segnale della chitarra a due amplificatori, possono verificarsi problemi di ronzio e di fase. I due pulsanti di fase, che ruotano la fase di 180 gradi, aiutano in quest’ultimo caso. Gli interruttori di terra, che collegano a terra delle due uscite se necessario, eliminano eventuali problemi di ronzio. La base offre due fori per montare il P-Split su una pedaliera dopo aver svitato il coperchio. Molto apprezzabile è il fatto che il P-Split Stereo funziona in modo puramente passivo e quindi non necessita di alimentazione.

Ecco come sono stati registrati i campioni audio del Lehle P-Split Stereo nel test

Per i file audio uso un Ibanez AZ e un Ortega Nylonstring, che suono direttamente nella mia interfaccia audio, una RME Fireface UFX, oppure tramite un Laney L5 o un Peavey Classic 20. La configurazione esatta varia molto e viene spiegata più dettagliatamente nel paragrafo corrispondente.

Come è tipico di Lehle, anche il P-Split Stereo è sinonimo di massima fedeltà sonora

Per cominciare, voglio convincermi della fedeltà del segnale del P-Split Stereo. A questo scopo, collego la mia chitarra all’ingresso e DIR- e ISO-Out direttamente a due ingressi della mia interfaccia audio per confrontare i due segnali. Come previsto, non rilevo alcuna differenza di suono, il che dimostra l’alta qualità dei trasformatori.

0:00
0:00
DIR Out
ISO Out

Nel prossimo esempio, utilizzo il P-Split Stereo come semplice DI box e suono una chitarra acustica con pickup piezoelettrico all’ingresso. Collego l’uscita ISO in modo simmetrico alla mia interfaccia audio. Anche in questo caso, ottengo il segnale come sono abituato, senza ronzio o rumore di fondo.

0:00
0:00
Funzione DI Box con chitarra acustica

Per l’utilizzo con due amplificatori è sufficiente anche la versione semplice del P-Split III. A tal fine, è sufficiente collegare la chitarra all’ingresso e le uscite DIR e ISO ai due amplificatori. Questi ultimi poi passano direttamente all’interfaccia tramite i diffusori microfonati o, come nel mio caso, tramite le uscite di linea degli amplificatori. Anche in questo caso non ci sono problemi di ronzio o di cancellazione di fase, motivo per cui posso lasciare inalterata l’impostazione del Lehle P-Split Stereo.

0:00
0:00
Amp Split standard
La lavorazione e il comportamento “on the road” sono di prim’ordine e i componenti sono di altissima qualità.

Le opzioni di connessione del P-Split Stereo non lasciano nulla a desiderare

Anche l’uso di tre amplificatori sarebbe possibile, perché se si collega un solo segnale di ingresso in mono, il P-Split Stereo funziona come uno splitter triplo. Se l’ingresso L IN non viene utilizzato, viene collegato a ponte internamente. A tal fine, si collega la chitarra all’ingresso R IN e la si collega all’amplificatore tramite le uscite isolate R DIR, R ISO e L ISO.

Ipoteticamente, si potrebbe anche collegare un quarto segnale tramite L DIR, ma questo non sarebbe isolato. In linea di principio, il campo di applicazione dello strumento Lehle è estremamente vario e può rapidamente spiazzare un principiante. Pertanto, una spiegazione più dettagliata dei percorsi dei cavi sul sito web o nel manuale non sarebbe certamente una cattiva idea – ma questo è un problema solo a livelli molto alti.

La particolarità della versione P-Split Stereo rispetto al P-Split III è la possibilità di inviare contemporaneamente il segnale stereo ramificato al FOH o a un’interfaccia audio. A questo scopo, si collega un pedale stereo, nel mio caso un Flashback Delay TC Electronic, a L IN e R IN, si inviano L DIR e R DIR al mixer o all’interfaccia audio e L ISO e R ISO agli amplificatori. Sentirete prima il segnale del mio amplificatore e poi il suono stereo precedentemente registrato, che ho ottenuto con un plug-in SLO di Neural DSP. Come previsto, questa configurazione funziona perfettamente.

0:00
0:00
Split dell'amplificatore tramite le uscite DIR – Segnale dell'amplificatore
Segnale stereo registrato

La funzione di summing passivo è utile se si desidera lasciare la scheda effetti cablata in stereo anche se un solo amplificatore è collegato in mono.

Per il summing stereo, si entra in L IN e R IN con la configurazione stereo e poi si collega R ISO all’amplificatore o all’interfaccia audio. Anche in questo caso, il mio Flashback Delay viene utilizzato con un’impostazione ping-pong. Si può notare chiaramente come i miei feedback stereo vengano “trasformati” in un segnale mono.

0:00
0:00
Summing stereo – segnale originale stereo
Summing stereo – segnale mono sommato

Con il Lehle P-Split Stereo, il produttore tedesco presenta una versione stereo del P-Split III. Il fondatore dell’azienda Burkhard Lehle si è guadagnato un’ottima reputazione in tutto il mondo con “problem solver” di alta qualità, sistemi di circuiti e trasformatori per il mondo della chitarra. Oltre ai buffer, ai pedali per il volume e l’espressione e ai looper di effetti, l’ampia gamma comprende anche gli splitter. Tuttavia, il P-Split Stereo è molto più di un semplice splitter, in quanto si fa carico di un gran numero di compiti utili nell’amplificazione della chitarra.

Il Lehle P-Split Stereo offre un concept ben studiato e può essere utilizzato in modo estremamente flessibile

Specifiche Tecniche:

  • Costruttore: Lehle
  • Nome: P-Split Stereo
  • Tipo: splitter stereo, summing unit, DI box stereo e problem solver
  • Paese di produzione: Germania
  • Connettori: 2x Input, 2x ISO out, 2x Direct Out (jack da 6,3 mm ciascuno)
  • Interruttore: 2x fase, 2x massa
  • Consumo di energia: non richiede alimentazione
  • Dimensioni: 150 x 98 x 35 mm (L x L x A)
  • Peso: 615 g
  • Prezzo al pubblico: 232,00 Euro (maggio 2023)
Lehle P-Split Stereo

Lehle P-Split Stereo

Valutazione dei clienti:
(2)

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Emanuele Pellegrino