Il Friedman IR-D è il secondo progetto di questo genere del produttore. Mentre l’IR-X era basato sul suono del leggendario BE-100, il nuovo arrivato promette di catturare il suono dei Dirty Shirley o dei Twin Sister in formato pedale. Come l’IR-X, utilizza due valvole preamplificatrici 12AX7, una simulazione digitale dell’amplificatore di potenza e una funzione cabloader basata su IR. L’IR-D sarà convincente come il suo fratello color oro?

Friedman IR-D

Friedman IR-D in breve

  • Preamplificatore valvolare a due canali in formato pedale
  • Basato sul circuito Dirty Shirley/Twin Sister
  • Due valvole preamplificatrici 12AX7
  • Simulazione di cabinet commutabile su base IR e boost
  • Editor (PC e Mac)
  • Paese di produzione: Cina

Struttura e funzionamento dell’IR-D Friedman

Con le sue dimensioni di 146 x 170 x 63 mm, il Friedman IR-D ha la stessa forma dell’IR-X. Anche in questo caso, troviamo un alloggiamento in metallo nero, anche se con una piastra di copertura argentata, e una finitura di assoluto livello. Il pannello superiore ospita i potenziometri per entrambi i canali sotto forma di Boost, Volume, Gain, Bass, Middle e Treble. Due interruttori a tre posizioni per canale selezionano tre IR di cabinet e tre diverse “strutture”, oltre a un interruttore Bright per ciascuno di essi. Scopriremo più avanti il significato di questi interruttori.

Sotto i controlli ci sono tre footswitch, utilizzati per attivare i canali e la funzione boost. Tutti offrono una funzione secondaria che può essere utilizzata per disattivare la simulazione dei diffusori o il percorso di loop-in tenendoli premuti. In questo modo è possibile salvare anche le preimpostazioni MIDI. Sul lato esterno destro sono presenti due mini potenziometri che determinano il livello del booster. Il pannello frontale si occupa di tutte le connessioni. Sono presenti un ingresso e un’uscita bilanciata con ground lift, un loop-in mono e un’uscita phones. Sono inoltre presenti una connessione MIDI e una USB, nonché l’ingresso per l’alimentatore, che deve fornire all’IR-D una tensione compresa tra 9 e 12 volt e 800 mA. La fornitura comprende un manuale, quattro piedini in gomma adesivi, l’alimentatore e un cavo USB.

Come per l’IR-X, il candidato al test offre un editor scaricabile dal sito web per Mac e PC. Questo si presenta con un’interfaccia grafica attraente e intuitiva, anche se le opzioni classiche dell’editor, come la modifica delle posizioni dei controlli, non sono presenti nel software. Queste impostazioni devono essere effettuate sul pedale stesso. Tuttavia, sono possibili impostazioni dell’amplificatore come Presence e Thumb, nonché impostazioni MIDI. Un blocco del boost commutabile consente inoltre di mantenere attivo l’aumento di livello quando si cambia canale. Gli IR della simulazione del cabinet sono determinati dal pannello laterale sinistro.

Qui il software offre una selezione di 13 IR di fabbrica, tre dei quali sono già stati trasferiti al dispositivo per ogni canale. È inoltre possibile utilizzare le icone delle cartelle per trasferire facilmente le proprie convoluzioni all’IR-D. Sono disponibili 128 posizioni preimpostate per salvare le proprie impostazioni tramite l’editor. Tuttavia, queste possono essere modificate solo via MIDI o nel software. È possibile modificare solo le impostazioni di Channel, Boost On/Off, FX Loop On/Off, Cab IR, Presence e Thump, quindi non le impostazioni del controller.

Ecco come sono stati registrati i file audio del Friedman IR-D per la parte pratica

Per i file audio, prima faccio suonare il Friedman IR-D con Cab Sim attivato nella mia interfaccia audio, una RME Fireface UFX. Successivamente, il pedale viene posizionato davanti al mio amplificatore, un Fender Bassman top del ’73, e nel Return del mio Peavey 5150. Entrambi gli amplificatori sono dotati di un Celestion PreRola Greenback 4×12″. Le chitarre sono specificate in ogni esempio.

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Il Friedman IR-D offre due canali identici

A differenza dell’IR-X, il Friedman IR-D ha due canali identici. Ciò ha senso nella misura in cui questi possono essere utilizzati con impostazioni completamente diverse, ma anche con IR di diffusori diversi. In termini di suono, l’IR-D si basa sul popolare Dirty Shirley, che a sua volta mira a riprodurre il suono di un Marshall JTM45 modificato. Come nel caso dell’originale, abbiamo a che fare con un classico suono di distorsione britannico, che tuttavia è un po’ più pieno in gamma bassa e in cui la tipica bellezza del Plexi non è così prominente. I conoscitori del JTM45 sanno che produce anche eccellenti puliti a bassa uscita, ma che questi possono portare rapidamente al breakup.

La situazione è molto simile in questo caso, poiché i suoni puliti completamente cristallini possono essere ottenuti solo con impostazioni di gain inferiori alle ore 11, quando l’interruttore Structures è posizionato al centro. La struttura è densa e molto “marshallata”, ma con un tocco moderno. I suoni tipici del JTM45 sono possibili tanto quanto quelli contemporanei con molto gain. Sebbene l’IR-D non sia un vero amplificatore metal, le riserve di gain e la struttura della gamma media sono progettate in modo tale da poter essere posizionate in modo flessibile in quasi tutti gli stili. Il feeling e la dinamica sono esemplari e il pedale è molto piacevole! Grazie all’interruttore Bright, l’IR-D può essere perfettamente adattato a diversi tipi di pickup.

I due canali identici offrono tutto, dai puliti cristallini, ai suoni rock simili a quelli di un Marshall JTM45, ai riff e ai lead moderni e ricchi di gain

Il selettore Structures dell’IR-D offre tre livelli di gain

Il selettore Structures, che si trova anche sul Dirty Shirley, cambia le riserve di gain disponibili. La posizione centrale è la più pulita, seguita dalla posizione bassa e dal massimo gain nella posizione alta. La facilità di utilizzo del pedale è estremamente elevata e l’IR-D si armonizza perfettamente con il mio J.Rockett Archer! La funzione boost fornisce una porzione extra di volume e distorsione. Il volume boost è progettato in modo tale da prendere il sopravvento sul controllo del volume del canale, rendendo quest’ultimo inefficace.

Questo può essere complicato quando si esalta un suono pulito: se abbasso il gain del canale e compenso con il volume, il livello di boost dovrebbe essere già più alto del volume del canale per ottenere un effetto. In questo caso, però, entrano in gioco i trim pot montati lateralmente, che possono essere utilizzati per aumentare le riserve di boost di base. I cabinet di fabbrica offrono un’ampia gamma di modelli e rendono l’IR-D un pedale molto versatile. Per impostazione predefinita, sono disponibili due diversi cabinet Greenback 4×12″ e un cabinet G12-50GL 1×12″. Tuttavia, l’editor consente di accedere a una serie di altri modelli, tra cui i cabinet V30, Electro Voice e Creamback. Rispetto al mio IR preferito, quelli di serie si comportano molto bene e sono assolutamente funzionali.

0:00
0:00
Clean – Stratocaster
Break Up – Strat
Mid Gain – Les Paul
High Gain – Les Paul
Cab Check – Stratocaster
Bright Switch – Les Paul
Structures Switch – Les Paul
Boost – Les Paul
Clean + JRAD Archer – Les Paul
Eigene IR – Les Paul

Ecco come suona il Friedman IR-D di fronte a un amplificatore di potenza e a un amplificatore

Infine, faccio suonare l’IR-D sia in un amplificatore di potenza che nell’ingresso di un amplificatore. A questo scopo, collego il send dell’IR-D al mio amplificatore, saltando così la simulazione dell’amplificatore di potenza. In alternativa, naturalmente, è possibile disattivare completamente la simulazione dei diffusori e riprodurre il suono attraverso l’uscita normale. Anche questa applicazione si rivela completamente priva di complicazioni e il pedale guadagna punti in entrambi gli scenari!

0:00
0:00
Nell'input dell'amplificatore – Fender Bassman – Les Paul
Amplificatore di potenza – Peavey 5150 Return – Les Paul

Il Friedman IR-D è un pedale progettato in modo intelligente e versatile, con opzioni di connessione molto pratiche. Non c’è nulla che possa ostacolare il looping degli effetti, l’uso diretto nella console o davanti a un vero amplificatore o finale. I due canali identici offrono tutto, dai puliti cristallini e dai suoni rock simili a quelli del Marshall JTM45 ai riffing moderni e ricchi di gain o ai lead. A differenza dell’IR-X, l’IR-D è più orientato al vintage con medi leggermente più incisivi e si rivolge maggiormente agli appassionati di rock classico o indie, anche se è eccellente per i suoni moderni.

Gli interruttori Structures e Bright e le funzioni di boost rendono il preamplificatore molto versatile. L’IR-D è anche un eccellente amplificatore da pedaliera. Gli IR cab disponibili offrono un’ampia gamma di cabinet classici e sono molto ben selezionati. Se ciò non bastasse, è possibile creare facilmente i propri IR nell’intuitivo editor. Il prezzo potrebbe non essere un affare, ma a mio parere è giustificato per un preamplificatore valvolare a due canali con una tale qualità e così tante funzioni. Vale la pena di provarlo!

Friedman IR-D Dual Tube Preamp

Friedman IR-D Dual Tube Preamp

Valutazione dei clienti:
(2)
Il Friedman IR-D offre un’ampia gamma di suoni, dal pulito al moderno, al vintage

Specifiche Tecniche

  • Produttore: Friedman
  • Modello: IR-D
  • Tipo: Preamplificatore valvolare per chitarra con simulazione di diffusore basata su IR
  • Paese di produzione: Cina
  • Controlli: 2x Boost, Volume, Treble, Middle, Bass e Gain, 2x mini controlli Gain Boost
  • Interruttori: 3 footswitch, 2x Cab-IR, Bright, Structures, GND-Lift
  • Connessioni: Ingresso, uscita bilanciata, send, return ( ciascuna con jack da 6,3 mm), uscita phones out (mini jack), ingresso alimentazione (9-12V), MIDI (5-pin), USB
  • True bypass: no
  • Funzionamento a batteria: no
  • Consumo di energia: 800 mA
  • Dimensioni (L x L x A): 146 x 170 x 63 mm
  • Peso: 786 g
  • Prezzo: 599,00 euro (aprile 2024)

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Riccardo Yuri Carlucci
Ultime pubblicazioni di Riccardo Yuri Carlucci (vedi tutte)