Il fatto che l’Electro Harmonix Hell Melter sia una distorsione per la gamma heavy è già evidenziato dal produttore nelle prime righe della descrizione del prodotto. Si parla di distorsione “chainsaw”, death metal vintage grind. Tra i produttori di pedali per effetti, Electro Harmonix è un vero e proprio gigante e l’elenco dei suoi utilizzatori di spicco sembra un Who’s Who della musica rock. Dalla sua fondazione nel 1968 da parte di Mike Matthews, sono stati realizzati numerosi pedali innovativi, molti dei quali sono diventati dei grandi classici.

Electro Harmonix Hell Melter – in breve

  • Distorsione metal senza compromessi
  • Ampie possibilità di controllo
  • Controllo semi-parametrico dei medi
  • Modalità Normal e Burn
  • Made in USA

L’Electro Harmonix Hell Melter offre numerose opzioni di controllo

Come si addice a un discreto pedale di distorsione metal, l’Hell Melter offre anche più opzioni di controllo rispetto ai classici pedali overdrive e di distorsione. Naturalmente, questo include anche un ampio controllo dei toni. Non ci sono solo un potenziometro per gli alti e uno per i bassi, ma anche un controllo semi-parametrico per i medi, composto da due potenziometri. Con Mid-Freq si imposta la frequenza desiderata e la si potenzia o la si taglia con il controllo Mid Lvl posto di fronte. Nella posizione a ore 12 del controllo di tono, la gamma di frequenze rimane inalterata.

I due grandi potenziometri si occupano di regolare il livello di distorsione e il volume di uscita del pedale, mentre altri due si occupano del noise gate integrato e del rapporto dry/wet. Anche se a prima vista sembra insensato aggiungere il segnale pulito a una distorsione metal, presto mi è chiaro il perché. Ha sempre senso lasciar trasparire una parte del segnale pulito della chitarra a livelli di distorsione estremamente elevati per dare maggiore definizione al suono, ma di questo parleremo più avanti. Sul retro si trovano i due interruttori a pedale per attivare la distorsione e il booster integrato, regolato all’interno del pedale da un potenziometro. Un piccolo interruttore a levetta modifica l’intensità della distorsione tra Normal e Burn. I due ingressi e le uscite e la presa per l’alimentazione a 9 volt si trovano sul lato anteriore.

L’Hell Melter va provato con i potenziometri al massimo

La base per gli esempi sonori è ancora una volta il mio vecchio Marshall JMP senza volume master, che è impostato completamente pulito. La chitarra utilizzata è una Gibson SG dotata di classici humbucker PAF con uscita media. Il controllo di tono effettivo non influenza la struttura della distorsione, ma è possibile “piegare” il segnale in uscita in modo estremo. Per portare il tutto all’estremo, il produttore consiglia di impostare tutti i controlli al massimo, tranne Gate e Dry Level come punto di partenza. Quindi, per iniziare, ecco le “impostazioni di fabbrica” prima in modalità normale e poi in modalità burn.

0:00
0:00
Tutti i controlli impostati al massimo – Modalità Normale
Tutti i controlli impostati al massimo – Modalità Burn

L’Hell Melter si presenta come un pedale high-gain senza compromessi 

Per gli altri esempi sonori, ho impostato il controllo di tono sulle seguenti regolazioni più neutre: High a ore 13, Low a ore 12, Mid Freq a ore 14, Mid Level a ore 11. Passiamo alle riserve di gain disponibili per il pedale. Qui non si accettano mezze misure: infatti solo abbassando completamente il controllo del gain si ottiene un po’ di distorsione in meno. Non appena si supera l’impostazione a ore 8, si è già al 90% delle riserve di gain disponibili. Il seguente esempio di suono contiene cinque impostazioni, a partire dal controllo del gain completamente abbassato. Proseguo con le seguenti impostazioni: ore 8, ore 12, ore 15 e max.

0:00
0:00
Effetto del controllo del gain: min, ore 8, ore 12, ore 15, max

Un pizzico di segnale in presa diretta favorisce la definizione ad alto gain

Anche se a prima vista sembra controproducente aggiungere il segnale pulito della chitarra a una distorsione high-gain, a piccole dosi ha perfettamente senso. Soprattutto in caso di gain molto elevato, una piccola dose di segnale in presa diretta può restituire al suono un po’ della definizione e dell’attacco che si perdono naturalmente con un’elevata compressione. Per i miei gusti, l’impostazione a ore 9 è decisamente la migliore, perché qui il suono è ancora naturale. Ecco le cinque impostazioni del controllo Dry: minimo, ore 9, ore 12, ore 15 e massimo. 

0:00
0:00
Effetto del controllo Dry Mix: min, ore 9, ore 12, ore 15, max
L’Electro Harmonix Hell Melter Distortion offre un buon suono high-gain che può essere modellato grazie all’efficace equalizzatore

Il controllo di tono dell’Hell Melter consente di intervenire in modo massiccio sul suono

Il controllo dei toni è composto da bassi, alti e medi semi-parametrici. Il sofisticato equalizzatore non influenza la struttura della distorsione, ma fornisce risultati sonori estremi quando necessario. Ecco come funzionano i controlli Low e High. Si possono ascoltare le tre regolazioni a ore 9, 12 e 15.

0:00
0:00
Funzionamento del controllo Low: ore 9, ore 12 e ore 3
Funzionamento del controllo High: ore 9, ore 12 e ore 15

Le possibilità del controllo dei toni sono davvero enormi e in questo test possono essere mostrate solo a grandi linee. Mi piace soprattutto l’efficacissimo controllo semi-parametrico dei medi. Ecco due esempi delle possibilità sonore: nel primo esempio, il controllo del mid level è impostato a ore 9, nel secondo esempio a ore 15. Entrambi i file audio sono composti da tre parti, in cui il controllo Mid Freq è impostato prima a ore 9, poi a ore 12 e infine al massimo.

0:00
0:00
Mid level a ore 9 – Controllo della Freq. media a ore 9, ore 12, max
Mid level a ore 15 – Controllo della Freq. media a ore 9, ore 12, max

È possibile ottenere un suono equilibrato anche con la massima distorsione

Infine, ecco tre impostazioni con la massima distorsione nella modalità Norm, nella modalità Burn e nella modalità Burn con una componente Clean lievemente mixata. A differenza dell’impostazione standard, che si può ascoltare nei primi due esempi sonori, questa volta l’equalizzatore è impostato su neutro. Allo stesso tempo, il controllo di Level non manda in overdrive lo stadio d’ingresso del mio vecchio Marshall JMP. 

0:00
0:00
Gain Max, High a ore 13, Low a ore 12, Mid Freq a ore 14, Mid Level a ore 11, Norm Mode
Gain Max, High a ore 13, Low a ore 12, Mid Freq a ore 14, Mid Level a ore 11, Burn Mode
Gain Max, High a ore 13, Low a ore 12, Mid Freq a ore 14, Mid Level a ore 11, Dry Level a ore 09, Burn Mode

L’Electro Harmonix Hell Melter Distortion è un distorsore heavy/rock/metal di prima categoria che si distingue per la sua concezione e la versatilità delle impostazioni. Il sofisticato EQ consente non solo un buon adattamento al proprio amplificatore per chitarra, ma anche suoni sorprendenti. Sebbene il pedale sia in grado di convincere nelle gamme di gain elevate, non è possibile impostare suoni distorti o crunch. Tuttavia, il pedale non è stato progettato per le sessioni di blues. Quindi, se vi piace il suono di un pedale dal tono grosso, dovreste dare un’occhiata più da vicino a questo prodotto. 

L’Electro Harmonix Hell Melter Distortion è un pedale dal sound grosso e senza compromessi
Electro Harmonix Hell Melter Distortion

Electro Harmonix Hell Melter Distortion

Valutazione dei clienti:
(2)

Specifiche Tecniche

  • Produttore: Electro Harmonix
  • Nome: Hell Melter
  • Tipo: pedale di distorsione
  • Origine: USA
  • Controlli: Level, Distortion, High, Mid Level, Mid Freq, Low, Dry Level, Gate
  • Interruttore: Normal/Burn
  • LED: Effetto attivo, Boost
  • Footswitch: Bypass dell’effetto, Boost
  • Connettori: In, Out, collegamento all’adattatore di rete
  • Consumo di energia: 140 mA
  • Funzionamento a batteria: Sì
  • Dimensioni (L x P x A): 121 x 102 x 57 mm
  • Peso: 590 g
  • Prezzo: 199,00 euro (Settembre 2023)

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Emanuele Pellegrino
Ultime pubblicazioni di Emanuele Pellegrino (vedi tutte)