Con l’Harley Benton DNAfx GiT, il marchio di casa Thomann fa il suo debutto nel mondo delle unità compatte di amp modeling e multieffetto. Rispetto alle sue dimensioni, il nuovo arrivato è dotato di un numero sorprendente di funzioni. L’offerta comprende 55 modelli di amplificatori, un loader IR, una drum machine, un looper e innumerevoli effetti, il tutto a un prezzo di listino piacevolmente basso.

Harley Benton DNAfx GiT

Certo, il concetto di multieffetto economico in formato gig bag non è del tutto nuovo, perché se si osservano il paese di produzione, le dimensioni, i cursori e le connessioni, ad esempio, di un Mooer GE150 o di un NUX MG-300, non si può negare una certa somiglianza. Inoltre, una rapida occhiata al software utilizzato e alla denominazione interna dei modelli di amplificatori rivela che questi sono identici alla controparte Mooer. Se si tratti di un clone o dell’edizione Harley Benton dello stesso prodotto non posso dirlo con certezza, ed è per questo che vogliamo semplicemente valutare il dispositivo in base a ciò che è e a ciò che può fare.

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Il design e le connessioni

L’Harley Benton DNAfx GiT si presenta in un alloggiamento in plastica argentata con fondo in metallo e ha le dimensioni estremamente compatte di 23,5 x 16 x 5 cm. I controlli sono tutti sulla parte superiore, comprese tre manopole, due delle quali sono cursori con funzione push. Sotto di esse si trovano nove LED blu per i blocchi di effetti e, nella fila sottostante, sei pulsanti in plastica, anch’essi dotati di LED.

A sinistra del pannello di controllo si trova un display multicolore di 4 x 5 cm che mostra chiaramente i preset, ma anche le funzioni di editing.

All’estrema destra si trova il pedale d’espressione, anch’esso in plastica, che, grazie all’ampia superficie tratteggiata e alla piacevole resistenza, consente di lavorare comodamente con i piedi. Alla sinistra del pedale si trovano due footswitch per la modifica dei preset e per altre operazioni, come vedremo in seguito.

Le connessioni, un ingresso e due uscite, si trovano sulla parte frontale e sono in formato jack da 6,3 mm, mentre la pratica domestica è semplificata da un ingresso ausiliario e un’uscita per cuffie in formato mini-jack. Anche le opzioni di connettività per computer e dispositivi mobili sono state prese in considerazione, con una porta USB di tipo B e una porta micro USB. All’estrema destra si trova l’ingresso per l’alimentatore in dotazione, che deve fornire 9 volt e 300 mA. Non sono previsti né un pulsante di accensione né connessioni MIDI. La base è saldamente avvitata all’alloggiamento ed è dotata di sei piedini in gomma che garantiscono la resistenza ai graffi e allo scivolamento.

Anche se la maggior parte dei controlli è in plastica, la struttura sembra relativamente robusta e la lavorazione non è approssimativa. La dotazione comprende un manuale in tedesco e in inglese, l’alimentatore e un cavo USB.

Il funzionamento

Il DNAfx GiT è stato progettato come unità multieffetto da pavimento con funzione di amp modeling e simulazione di diffusori basata su IR. In pratica, il pedale Harley Benton offre nove diversi blocchi di effetti, costituiti da un modulo FX/Comp, Distortion/Overdrive, Amp, Cab, Noise Gate, EQ, Modulation, Delay e Reverb. All’interno dei blocchi, è presente una selezione estremamente ricca di effetti classici molto diffusi:

  • FX/Comp: una scelta di 6 wah, compreso l’auto wah, e 2 modelli di compressore.
  • DS/OD: 20 diversi modelli di overdrive, distorsione e fuzz.
  • Amp: 55 modelli di amplificatori, tra cui tre per chitarra acustica
  • Cab: 26 IR Cabinet più 10 slot liberi
  • Noise Gate: 3 noise gate
  • EQ: scelta di 6 tipi di EQ (anche per il basso)
  • Mod: 19 diversi effetti di modulazione come chorus, phaser, flanger, pitch shifter, tremolo, ma anche filter
  • Delay: 9 tipi di delay, compresi quelli stereo
  • Riverbero: 7 tipi di riverbero

L’unità effetti offre 200 preset di fabbrica, tutti sovrascrivibili. I preset  possono essere selezionati tramite i due footswitch, che possono essere utilizzati per scorrere i preset in entrambe le direzioni, oppure tramite la manopola Value. Infine, il volume complessivo è determinato dalla manopola Master.

L’editing

La creazione di preset personalizzati si effettua sull’unità stessa, utilizzando le manopole Mode e Value. Per farlo, seleziono il preset che voglio modificare e ruoto la manopola Mode per accedere alla sezione dei blocchi di effetti. Ruotando ulteriormente la manopola Mode si accede ai blocchi, che si attivano o disattivano premendo la manopola, segnalati dai LED blu presenti al centro dell’unità. La manopola Value mi porta ora ai parametri, che posso selezionare e modificare premendo la stessa manopola. Il salvataggio si effettua con il pulsante Save.

Tuttavia, la programmazione è molto più comoda con l’aiuto dell’editor. La mia ricerca iniziale dei download del manuale e del software sul sito web di Harley Benton non è stata coronata da un successo. Dopo aver letto brevemente la descrizione del prodotto sul sito web di Thomann, tuttavia, ho scoperto che i link per il download sono disponibili direttamente sulla pagina del prodotto Thomann.

L’installazione e la connessione tramite porta USB sono avvenute senza problemi e l’editor funziona in modo meravigliosamente intuitivo e chiaro. Dei piccoli accorgimenti, come il fatto che non è necessario fare clic sull’icona di una manopola prima di poter apportare modifiche, ma è il movimento del puntatore del mouse che attiva la manopola, sono una grande accelerazione del flusso di lavoro. Nell’editor, i preset possono anche essere rinominati, copiati o salvati sul computer mediante trascinamento.

Una caratteristica che sicuramente arricchisce estremamente il DNAfx GiT è la simulazione dei diffusori basata su Impulse Response. Nel blocco cabinet sono disponibili 26 IR, tra cui anche la simulazione di un amplificatore per chitarra acustica. Gli IR interni consentono di scegliere tra 26 diversi microfoni, che possono essere continuamente regolati nella loro distanza e posizione rispetto alla cassa virtuale. È presente anche una simulazione del finale di potenza commutabile, in cui è possibile scegliere tra valvole EL34, EL84, 6V6 e 6L6.

Inoltre, in questo blocco ci sono 10 slot liberi per caricare IR di terze parti tramite l’editor, che è estremamente intuitivo: è sufficiente fare clic sul piccolo simbolo + accanto allo slot di memoria vuoto e selezionare un IR dal disco rigido. Questo viene riconosciuto e accettato sia in formato 48 kHz che 44,1 kHz. Tuttavia, la selezione e il posizionamento del microfono sono omessi per gli IR di terze parti.

Il blocco cabinet interno può essere disattivato globalmente per tutte le preimpostazioni e separatamente per i canali destro e sinistro. Ciò significa che si può, ad esempio, suonare con l’uscita sinistra in un amplificatore senza simulazione di cassa e allo stesso tempo in una DAW con simulazione di cassa.

Il pedale d’espressione offre due funzioni che vengono commutate premendolo con decisione – una funzione molto utile se, ad esempio, si ha bisogno di un pedale di volume in modalità normale che si può convertire in un wah premendolo. In linea di principio, il pedale d’espressione può essere assegnato liberamente a qualsiasi funzione e il range del pedale può essere calibrato nel menu EXP. È stata pensata anche una funzione tap, che però viene eseguita manualmente sull’unità. Basta battere ritmicamente sul pulsante Tap, che pulsa in rosso.

La drum machine

È presente anche una drum machine, che si attiva tramite il pulsante Rhythm. Qui l’utente può scegliere tra 40 ritmi di batteria e 10 tempi di metronomo, che possono essere regolati in velocità e volume.

Il looper

Il looper si attiva tenendo premuto il footswitch destro e consente di registrare fino a 80 secondi. Tutte le altre funzioni, come la sovraincisione, la riproduzione, lo stop o la cancellazione del loop, sono realizzate tramite i due footswitch.

L’accordatore

L’accordatore viene attivato con il footswitch sinistro. Questo footswitch imposta anche l’altezza della frequenza di riferimento del La, tra 435 e 445 Hz, e determina se l’accordatore silenzia o esclude il segnale all’accensione.

Le impostazioni di sistema

Le impostazioni di sistema consentono di accedere alle regolazioni di base, come il livello di ingresso, il volume di uscita per la connessione USB o la luminosità del display LCD. Inoltre, vi è la possibilità di disattivare globalmente il blocco Cabs se si desidera collegare il pedale a un amplificatore o a un finale di potenza. Qui possono essere eseguiti anche gli aggiornamenti del software, il reset alle impostazioni di fabbrica o i backup dei preset.

La porta micro USB collega il DNAfx a uno smartphone, tablet o DAW compatibile come interfaccia audio. La maggior parte degli utenti di PC avrà bisogno di installare un driver Asio aggiuntivo, come Asio4All.

Nella prima parte della prova pratica, il DNAfx stereo viene riprodotto direttamente nella RME Fireface UFX e poi nella mia DAW.

È bello che i preset di fabbrica che richiamo sembrino solo poche volte un po’ troppo carichi di effetti e mostrino invece uno spaccato relativamente buono del potenziale sonoro. Anche i suoni più particolari che si riescono a tirar fuori durante l’uso non sono sottorappresentati.

0:00
0:00
P002 Clean Pass
P006 Ballad
P008 Tremolo
P017 DS Solo
P023 DS 912
P036 VX 30 2

Per rendersi conto di ciò che il DNAfx GiT ha veramente da offrire, bisogna osare e programmare i propri preset. Grazie al funzionamento molto intuitivo, ciò può essere fatto abbastanza rapidamente, anche se l’editor è ovviamente di grande aiuto.

Inizio con un suono pulito e seleziono US DX, che emula un Fender Deluxe Reverb. Il cabinet corrispondente viene immediatamente suggerito nel blocco cab, ma può essere cambiato in qualsiasi momento. I suoni puliti sono nitidi e morbidi e con il pickup al manico è possibile generare toni jazz caldi e piacevoli.

0:00
0:00
Clean Fender Deluxe ponte e manico
Jazzy al manico

Ora veniamo al momento del low gain/crunch. Per questo test uso prima un Fender Blues Deluxe e ci posiziono davanti un Tubescreamer. Il tipico suono “Texas Blues” e le caratteristiche familiari del suono di gamma media del Tubescreamer sono ottenute relativamente bene. Anche le caratteristiche sonore tipiche del Vox possono essere individuate, ma in entrambi i casi ci sono chiare differenze rispetto ai modelli originali. Con qualche piccolo ritocco, tuttavia, il suono può essere portato in una direzione abbastanza adatta all’uso.

0:00
0:00
Fender Blues overdrive con Tubescreamer
Vox AC 30

Ora passo a un’impostazione di gain più elevata con un’emulazione del 5150, che è denominata “PV5050” nel DNAfx GiT. I preset ad alto gain funzionano perfettamente, ma con il mio tocco opportunamente dosato si nota chiaramente la dinamica limitata, come è lecito aspettarsi da dispositivi digitali di questa fascia di prezzo.

0:00
0:00
5150 Dynapick
L’Harley Benton DNAfx GIT genera tutti i suoni più comuni con una qualità accettabile, ma ci sono punti deboli nella dinamica

Passiamo ora agli effetti, che sono forniti di tutto ciò di cui un chitarrista ha bisogno, più alcuni elementi particolari come i ring modulators o filtri speciali.

La qualità degli effetti più comuni, come delay, chorus, tremolo o riverbero, mi sorprende piacevolmente, tanto che i classici suoni di base possono essere riproposti senza problemi. Vale la pena ricordare che la funzione tap del DNAfx GiT funziona solo per il delay e non per il rate di modulazione.

Gli effetti di Pitch Shift sono considerati particolarmente esigenti in termini di richiesta per il processore, ed è qui che il basso prezzo di vendita diventa evidente, perché il tracking dell’octaver, che è incluso nel blocco del Pitch Shift, funziona in modo piuttosto impreciso in termini di sintonia, e lo spostamento su intervalli alti causa la comparsa di suoni artefatti sulle frequenze alte.

0:00
0:00
Delay Tremolo
Auto Wah con Octaver

Il suono del wah è una piacevolissima sorpresa e mi sono detto: facciamo allora il programma completo stile Hendrix. Scelgo un modello Plexi, chiamato PLX-100, carico il mio IR di una cassa Marshall pinstripe del ‘68 e lascio andare libero il mio piede. Il rivestimento del pedale si rivela confortevole e si ha una sensazione molto diretta nel tradurre la pressione. Tuttavia, non oso prevedere fino a che punto il pedale, in plastica relativamente sottile, possa resistere a un uso aggressivo e continuo.

0:00
0:00
Wah – Plexi con IR di terze parti

È presente anche un simulatore acustico, in grado di dare a una chitarra elettrica il tipico tocco di una corda d’acciaio. Non venderei la mia dreadnought di alta qualità per questo, ma è sufficiente per fornire un suono acustico di supporto dal vivo.

0:00
0:00
Western

Nei prossimi esempi ascolterete l’identica impostazione, suonata con lo stesso riff. Prima nella DAW, poi in un amplificatore e infine in un preamplificatore. State ascoltando una Ibanez Artist, dove uso prima l’humbucker al ponte con il potenziometro del volume aperto e poi l’humbucker al manico con il potenziometro del volume chiuso.

Per prima cosa, carico il mio IR nel pedale e la mia intuizione iniziale viene confermata: gli IR di terze parti ben scelti migliorano ancora una volta il suono in modo significativo. Per coloro che temono di perdere tutte le opzioni di impostazione, come la selezione del microfono, il posizionamento e la distanza, quando utilizzano le proprie IR, vorrei far notare che i parametri possono essere modificati in modo marginale e, in linea di principio, questo si potrebbe fare anche con qualsiasi equalizzatore.

0:00
0:00
IR di terze parti

Ora provo il dispositivo in collegamento con un amplificatore reale. Per questo test utilizzo un Peavey Classic 20 e collego il pedale al ritorno. Disattivo il blocco della cassa per il preset, anche se in teoria potrei disattivarlo globalmente per tutti i preset.

0:00
0:00
Collegato all’amplificatore

Il pedale ora si trova direttamente davanti all’ingresso del mio amplificatore, che cerco di impostare in modo relativamente lineare:

0:00
0:00
Collegato all’input

Entrambe le impostazioni con l’amplificatore reale mi sembrano altrettanto convincenti e persino un po’ più potenti della versione diretta. In questo caso, l’applicazione più sensata sarebbe ovviamente quella di suonare direttamente nel finale di potenza dell’amplificatore.

L’Harley Benton DNAfx GiT è una soluzione all-in-one realizzata in modo impeccabile che si adatta a qualsiasi gig bag come un peso piuma e con dimensioni molto compatte.

La varietà sonora e la flessibilità sono sorprendenti e molte piccole caratteristiche, come la possibilità di caricare IR di terze parti, di assegnare simulazioni di cabinet ai canali separatamente, nonché l’editor attraente e funzionale, sembrano molto pratiche e ben studiate. Il funzionamento è molto intuitivo e la programmazione, sia con l’editor che manualmente, si rivela un gioco da ragazzi. Tuttavia, a un prezzo così basso, è necessario scendere a compromessi in termini di qualità del suono. Anche se tutti i suoni più comuni possono essere ottenuti con una qualità accettabile, c’è ancora una chiara differenza in termini di dinamica e autenticità rispetto ai leader di mercato molto più costosi, come la serie Line 6 Helix o i dispositivi Boss.

Tuttavia, il principiante o chi è alla ricerca di una soluzione di backup maneggevole e portatile ottiene molto in rapporto alla spesa, perché prodotti analoghi hanno un prezzo superiore al DNAfx GiT.

Harley Benton DNAfx GiT

Harley Benton DNAfx GiT

Valutazione dei clienti:
(407)
Con il DNAfx GIT, Harley Benton offre una soluzione compatta all-in-one, anche se difetta un po’ in dinamica e autenticità

Specifiche tecniche

  • Produttore: Harley Benton
  • Nome: DNAfx GiT
  • Tipo: Unità multieffetto e amp modeler
  • Paese di produzione: Cina
  • Connessioni: Ingresso, 2x uscita (jack da 6,3 mm ciascuno), Aux In, uscita cuffie (mini jack ciascuno), 2x USB (tipo B, Micro USB), ingresso alimentazione.
  • Controlli: Mode, Value, Master
  • Interruttori: 2x footswitch preimpostati, 6 pulsanti funzione
  • True bypass: no
  • Consumo di energia: 300 mA
  • Dimensioni (L x L x A): 23,5 x 16 x 5 cm
  • Peso: 850 g
  • Prezzo al pubblico: 149,00 Euro (Marzo 2023)

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Riccardo Yuri Carlucci
Ultime pubblicazioni di Riccardo Yuri Carlucci (vedi tutte)