Il DSL 40 Combo è il più potente amplificatore per chitarra in formato combo della nuova serie DSL di Marshall. Come suggerisce il nome, il nostro candidato ha 40 watt di potenza valvolare ed è dotato di uno speaker Celestion V-Type da 12″.

Il DSL 40C non risparmia sulle opzioni di controllo e sulle funzioni; da questo punto di vista, è identico al 100 watt che abbiamo già messo alla prova. Colpisce il fatto che sia già disponibile a un prezzo molto buono: il prezzo di vendita consigliato è di soli 699 euro.

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Cabinet/Aspetto Estetico

Il Combo è realizzato in multistrato di betulla massiccio ed è rivestito in tolex nero, come prevedibile. È abbastanza compatto, ma non certo leggero. Con i suoi 23,5 kg, non è piacevole trasportarlo sulle lunghe distanze, anche se la maniglia in plastica è piacevolmente ergonomica. Ma come tutti sappiamo, nei negozi di bricolage si trovano tavole con ruote piuttosto economiche che rendono la vita più facile. Il combo ha una tenuta antiscivolo grazie a quattro grandi piedini in gomma ed è dotato di protezioni in plastica nera su tutti gli angoli.

La parte posteriore è perlopiù chiusa, solo una piccola fessura nella parte inferiore e una griglia alta 10 cm lasciano passare l’aria; quest’ultima permette di vedere chiaramente le valvole all’interno. In posizione iniziale, ci sono due EL34 nella sezione finale e quattro ACC83 nel preamplificatore.

Il segnale amplificato della chitarra viene poi spinto nell’atmosfera attraverso un Celestion V-Type da 12″ con un massimo di 40 watt. La parte anteriore è coperta da un rivestimento nero per proteggere l’altoparlante. Nella parte superiore, sopra il logo Marshall, brilla il pannello frontale color oro.

Pannello di controllo

Il pannello di controllo presenta la consueta disposizione dei combo Marshall, ovvero è completamente invertito a specchio rispetto alla parte superiore. Come già detto, il Combo è dotato di opzioni di controllo identiche a quelle della testata da 100 Watt. Ci sono due canali, Classic e Ultra, e per ognuno è possibile scegliere tra due suoni di base.

Nel canale Classic si tratta di Clean e Crunch, nel canale Ultra si possono selezionare OD1 e OD 2, quindi in tutto ci sono quattro suoni di base diversi, che vengono classificati in base al grado di distorsione. Il gain e il volume possono essere regolati separatamente in ogni canale, mentre il controllo dei toni è suddiviso: alti, medi e bassi nella sezione preamplificatrice e presence e resonance a seguire. È presente anche un selettore di tono che abbassa la gamma media. La quantità di riverbero può essere regolata separatamente per ciascun canale con il controllo Reverb.

All’estrema destra del pannello di controllo si trovano i due controlli master (Master 1, Master 2), che vengono selezionati tramite l’interruttore Master Select. Il colore del LED (verde o rosso) indica quale controllo master è attualmente in uso.

Questo è un buon modo per impostare un volume per l’assolo e uno per i passaggi ritmici, ad esempio, o per regolare il livello di uscita di chitarre diverse. I controlli master sono nuovi, i modelli più vecchi non avevano un master, i due controlli di volume dei canali determinano il rispettivo volume finale. Purtroppo, solo i canali e il loop di effetti possono essere attivati e disattivati con l’interruttore a pedale in dotazione, ma non il master.

Per avere sufficienti possibilità di commutazione e controllo nell’uso sul palco, è sicuramente necessaria una barra di commutazione più grande e presumo che il connettore a 5 pin/MIDI sul retro venga utilizzato per questo. All’estrema destra si trova l’interruttore di accensione e standby, che funziona anche per la riduzione di potenza. Se si preme l’interruttore nero verso l’alto, l’amplificatore funziona a metà potenza (20 watt), se lo si preme verso il basso, funziona a piena potenza.

Pannello posteriore/connettori

Il pannello posteriore è ben fornito di connessioni per gli speaker: ne abbiamo cinque sul lato destro, contrassegnate in rosso, con le quali dovrebbe essere possibile qualsiasi configurazione di diffusori con casse aggiuntive. Lo speaker interno è collegato all’uscita da 16 ohm. Segue una connessione jack da 6,3 mm (Emulated Out), alla quale viene emesso il segnale con la simulazione del diffusore.

Qui è possibile collegare le cuffie o un mixer per la registrazione o la ripresa diretta dal vivo. Il segnale viene emesso anche in modalità standby, in modo da poter registrare l’amplificatore senza alcun rumore. La presa mini-jack accanto (Audio In) è per le sorgenti di segnale con livello di linea (lettore MP3, ecc.).

Anche questa funziona in modalità standby, in modo da poter giocare con le tracce di jam in cuffia senza disturbare i vostri coinquilini.

Segue l’input per l’interruttore a pedale in dotazione e, accanto, la presa di send e return per il loop FX in serie, che si attiva tramite l’interruttore sul frontale o con l’interruttore a pedale. All’esterno si trova il già citato connettore a 5 pin/MIDI; non appena avremo informazioni precise sulle funzioni MIDI, le aggiorneremo qui.

Il combo DSL40 è ora posizionato davanti a un microfono Neumann TLM103 e potete ascoltare il segnale non elaborato nelle registrazioni seguenti. Una premessa: con i suoi 40 watt, il combo è assolutamente adatto a band e palchi e ha un suono deciso. Le riserve di pulito sono anche abbastanza elevate da poter utilizzare l’amplificatore in una grande band funk & soul con batteria, basso, tastiere e fiati. I canali e le modalità sonore sono ben assortiti in termini di suono e volume. Se non si vogliono creare distorsioni sonore estreme in un canale, si può anche gestire il controllo di tono, che viene utilizzato da entrambi i canali.

Canale Classico – Clean

L’equalizzazione è molto facile da usare,  sottolineo che io di solito non alzo i controlli molto in alto, soprattutto con gli alti. Valori elevati degli alti possono essere piuttosto velenosi, e anche la  gamma della frequenza  dei medi è piuttosto alta, per cui è meglio usare dosi esigue di alti o di presence.

Naturalmente, dipende sempre dalla chitarra utilizzata, ma rimane un dato di fatto che il suono può essere adattato molto bene al proprio strumento. D’altra parte, una gamma di alti un po’ più importante offre di solito una buona assertività nel contesto della band, e l’amplificatore ne è dotato in tutti i canali.

Nei prossimi tre esempi avrete un’idea delle diverse variazioni sonore del canale Clean. Prima un suono Strat piuttosto nitido, poi il Funky Tele e un suono Jazz piuttosto morbido con il massimo riverbero. Quest’ultimo suona molto bene e rimane piacevolmente in sottofondo anche con un elevato contenuto di effetti. Nel quarto esempio si possono ascoltare cinque diverse impostazioni del controllo del riverbero (ore 7, 9, 12, 15, 17).

0:00
0:00
Clean Mode: Picking (Strat)
Clean Mode: Funky Style (Tele)
Clean Mode: Latin Jazz Style (ES-335)
Clean Mode: Riverbero – Impostazioni varie (Strat)]

Canale classico – Crunch

In modalità crunch, il suono è corrispondentemente più sporco, iniziando con un suono leggermente overdrive “a ore 9” e finendo con un mid gain strozzato all’impostazione massima, anche se questo è più probabile con pickup più potenti. Il risultato è ascoltabile nel terzo esempio con una Les Paul.

La modalità crunch reagisce bene all’attacco e alle azioni con il potenziometro del volume della chitarra; lo si può sentire molto bene nel primo esempio, dove l’attacco è un po’ più leggero all’inizio e un po’ più duro nella seconda metà.

Con un attacco più duro, il grado di distorsione aumenta e il suono diventa un po’ più appuntito.

Grazie alle quattro diverse modalità, si è pronti per molti stili musicali, dal blues al metal, e si dispone di suoni credibili
0:00
0:00
Crunch Mode: Variazione della dinamica (Strat)
Crunch Mode: Blues Style (Tele)
Crunch Mode: Maximal Gain (Les Paul)]

Canale Ultra – OD1

Con l’OD1, i bassi livelli di distorsione continuano più o meno dove il Crunch Channel si interrompe.

Alle basse impostazioni di gain, si ottiene un piacevole suono mid-gain con un chiaro carattere Marshall, noto e apprezzato da molti decenni. Il suono può ancora essere variato bene nei livelli di distorsione medi toccando la chitarra, mentre con impostazioni di gain più elevate il suono si comprime maggiormente e diventa più difficile controllare il livello di distorsione con il tocco.

In compenso, però, c’è un ricco sustain che però non è un puro platform; anche a livelli di distorsione elevati, è possibile intervenire sul volume della chitarra. Lo si può sentire nel secondo esempio, in cui ho alzato il volume della chitarra prima a metà e poi al massimo. Vale la pena di lavorare in modo un po’ più estremo anche con il controllo di tono di questo canale. In questo esempio, ho alzato molto i medi e ridotto molto gli alti.

0:00
0:00
Modalità OD1: Stile Mid Gain Stones (Tele)
Modalità OD1: Reazione al potenziometro del volume della chitarra con impostazioni di gain più elevate (SG)

Canale Ultra – OD2

Con l’Ultra Channel c’è anche una buona porzione di sustain e compressione, nell’immagine in galleria questa modalità è vicina all’OD1, ma il suono è ancora un po’ più caldo. Nonostante l’elevato gain, tutto viene comunque trasmesso in modo chiaro e distinto. Lo si può sentire nel primo esempio, in cui ho suonato una piccola melodia e alcuni arpeggi di accordi sulla chitarra baritona (accordatura drop A).

Prima con un gain a “ore 9”, poi a “ore 14”. Nonostante gli alti livelli di distorsione e di gain, gli attacchi e i toni della chitarra sono chiaramente distinguibili, e questo addirittura su una chitarra baritona! Naturalmente, questo canale è molto adatto anche per i suoni lead; il secondo esempio lo mostra.

In questa impostazione, il suono reagisce in modo eccellente al picking con un livello di distorsione più elevato e, anche a basso volume, si inclina sottilmente negli overtones armonici, il che è molto divertente da suonare.
Naturalmente abbiamo anche qualcosa per il metal, per il quale l’interruttore tone shift può essere usato abbastanza bene per abbassare i medi.

Per i riff veloci sulle corde basse, tuttavia, non si dovrebbe alzare troppo il controllo del gain, perché dalle ore 14 in poi può diventare un po’ spugnoso, a seconda della chitarra. Il gain a ore 13 in questa modalità è perfettamente adeguato per riff metal grintosi. Tuttavia, il rumore di fondo è piuttosto forte in questa modalità; se suonate molto nell’intervallo di gain elevato, dovreste assolutamente inserire un noise gate nel percorso di ingresso del loop.

0:00
0:00
Modalità OD2: Trasparenza del suono con diverse impostazioni di gain (Les Paul Baritone)
Modalità OD2: Suono lead – prima il pickup al manico e poi quello al ponte (Les Paul)
Modalità OD2: Suono Mid Scoop ad alto gain (Les Paul)

Infine, c’è un esempio di suono con l’ emulated out. Ad essere sincero, non mi è piaciuto molto, perché la discrepanza in frequenza tra il segnale del diffusore e l’emulated out è piuttosto elevata. Se si suona a casa con cuffie standard, è effettivamente utilizzabile, perché molte cuffie hanno più alti nel loro bagaglio, e l’emulated out compensa in qualche modo questo problema. Tuttavia, non consiglierei l’uscita per inviare il segnale della chitarra al mixer sul palco. Negli esempi seguenti si può ascoltare il segnale microfonato e poi la stessa impostazione dell’amplificatore tramite l’uscita Emulated Out.

Il Marshall DSL40C Combo della serie DSL-R del 2018 si presenta come un prodotto molto flessibile per l’uso sul palco. L’amplificatore ha molta potenza e le riserve di clean sono abbastanza elevate da essere ascoltate nella band anche senza distorsione.

Grazie alle quattro diverse modalità Clean, Crunch, OD1 e OD2, le caratteristiche del suono sono molto variabili e si è preparati per molti stili di musica, dal blues al metal, con suoni ufficiali. L’equalizzatore ha un’elevata efficienza, per cui lo spettro sonoro può essere adattato molto bene alla chitarra utilizzata. Se siete alla ricerca di un combo flessibile per la band e il palco, dovreste assolutamente dare un’occhiata al DSL40C e ascoltarlo. Il rapporto qualità-prezzo è sicuramente molto buono!

0:00
0:00
Modalità OD1: Segnale microfonato (Les Paul)
Modalità OD1: Emulated Out (Les Paul)]

Il Marshall DSL40C Combo della serie DSL-R del 2018 si presenta come un prodotto molto flessibile per l’uso sul palco. L’amplificatore ha molta potenza e le riserve di clean sono abbastanza elevate da essere ascoltate nella band anche senza distorsione. Grazie alle quattro diverse modalità Clean, Crunch, OD1 e OD2, le caratteristiche del suono sono molto variabili e si è preparati per molti stili di musica, dal blues al metal, con suoni ufficiali. L’equalizzatore ha un’elevata efficienza, per cui lo spettro sonoro può essere adattato molto bene alla chitarra utilizzata. Se siete alla ricerca di un combo flessibile per la band e il palco, dovreste assolutamente dare un’occhiata al DSL40C e ascoltarlo. Il rapporto qualità-prezzo è sicuramente molto buono!

 Il combo Marshall DSL40C è un combo flessibile per band e palcoscenico, dal funk e blues al metal
Marshall DSL40CR

Marshall DSL40CR

Valutazione dei clienti:
(112)

Specifiche tecniche:

  • Produttore: Marshall
  • Modello: DSL40C-R
  • Tipo: Amplificatore combo a valvole
  • Potenza di uscita: 40 Watt
  • Configurazione dei tubi: 4x ECC83 (preamplificatore), 2x EL34 (finale)
  • Speaker: 1x 12″ Celestion V-Type
  • Manopole del pannello di controllo: 2x gain, 2x volume, 2x riverbero, 2x master, bassi, medi, alti, presenza, risonanza
  • Interruttori del pannello di controllo: Modalità canale, cambio di tonalità, selezione master
  • Connessioni posteriori: 5x Speaker Out, Send, Return, Emulated Out, Audio In, MIDI
  • Dimensioni: 620 x 524 x 257 mm (L x A x P)
  • Peso: 23,5 kg
  • La fornitura comprende: Interruttore a pedale
  • Prezzo di listino : 699,00 Euro

Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi,
pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Gianmarco Gargiulo