Il Vemuram Budi-G Boost è un prodotto dell’omonima azienda giapponese, specializzata nella produzione di pedali effetto boutique di alta qualità per chitarristi. Nel giro di pochissimo tempo, l’azienda di Tokyo è passata dall’essere un segreto da insider a uno dei produttori di pedali più in voga. Purtroppo, i prezzi sono considerevoli. Il nostro test vi dirà se il Vemuram Budi-G Boost vale i soldi spesi.

Vemuram Budi-G Boost

Vemuram Budi-G Boost in breve

  • Pedale boost con caratteristiche di leggera distorsione 
  • Può essere utilizzato anche come overdrive separato
  • Eccellente come stadio di roast aggiuntivo per pedali drive o amplificatori valvolari
  • Ampia gamma dinamica
  • Elaborazione del segnale ampiamente neutrale
  • Alloggiamento in ottone
  • Prodotto in Giappone

Il Vemuram Budi-G Boost è dotato di un alloggiamento in ottone

Gli alloggiamenti dei pedali artigianali Vemuram sono relativamente pesanti perché realizzati in ottone. Secondo il produttore, l’uso della lega rame/zinco non è legata solo a motivi estetici. Grazie alle sue eccellenti proprietà di conduzione elettrica, il materiale è particolarmente adatto a filtrare le frequenze di interferenza sul palco e in studio. A differenza di altri produttori di pedali, Vemuram ha uno o due trim pot incassati e accessibili dall’esterno, che consentono all’utente di personalizzare meglio il suono in base alle proprie esigenze.

Nel caso del Budi-G Boost, il trimmer si trova nella parte anteriore e serve a regolare con precisione la distorsione. Il controllo boost, che regola il volume di uscita, il controllo gain per il grado di saturazione e i due controlli degli alti e dei bassi offrono ulteriori opzioni di regolazione. Per inciso, non ho sentito la mancanza di un controllo dei medi, ma ne riparleremo più avanti. Il footswitch completa il quadro.

Il Vemuram Budi-G Boost è molto più di un semplice pedale boost

Il termine “boost” non rende giustizia al pedale nel suo complesso, perché il Vemuram Budi-G Boost è decisamente molto versatile. Oltre a un controllo di tono a due bande, il pedale offre caratteristiche di distorsione eccezionali, anche se non molto elevate. Oltre all’intero circuito, anche l’uso di transistor FET, che si avvicinano molto al suono delle valvole, gioca un ruolo importante nel suono equilibrato. Il pedale quindi non solo “sfrigola” il segnale della chitarra in modo statico, ma reagisce anche in modo sensibile all’attacco. Vedo quindi il Vemuram Budi-G Boost come un’estensione del circuito di preamplificazione dell’amplificatore per chitarra.

Ho testato il pedale con un VOX AC 30 e un Marshall JMP 100 degli anni ’70 e ho ottenuto subito ottimi risultati sonori in entrambi i casi. Per il test, alla fine ho deciso a favore del buon vecchio Marshall, sul famoso confine tra pulito e distorto. A parte l’ultimo esempio suonato, che utilizza una Gibson SG, potete ascoltare la mia vecchia Stratocaster del 1977, che ho riadattato con pickup Kloppmann qualche anno fa.

Il Vemuram Budi-G Boost convince anche come eccellente overdrive

Andiamo subito al sodo e analizziamo le riserve di gain disponibili. L’esempio audio è composto da sette parti, a partire dal segnale pulito. Il controllo del gain si sposta da ore 9 a ore 11, 12, 14 e 16 fino alla posizione massima con il potenziometro completamente aperto.

0:00
0:00
Esempio 1: prima senza pedale, poi controllo del gain a ore 9, ore 11, ore 12, ore 14, ore 16 e infine l'impostazione massima con il potenziometro completamente aperto

Il controllo dei toni non serve solo per adattarsi all’amplificatore, ma anche alla situazione e all’uso previsto. Se il pedale viene utilizzato solo come booster o per potenziare un amplificatore per chitarra altrimenti relativamente pulito, il controllo dei bassi viene di solito lasciato a ore 12. Se si vuole aggiungere una distorsione aggiuntiva a un amplificatore o a un pedale overdrive, è bene ridurre un po’ i bassi in modo che il suono non risulti soffocato. Ecco come funziona il controllo dei bassi in tre fasi, da ore 9 a ore 12 a ore 16.

0:00
0:00
Esempio 2: Il controllo dei bassi in tre diverse posizioni: ore 9, ore 12 e ore 16

A differenza del controllo dei bassi, il controllo degli alti mi piace di più a ore 12 sia sugli amplificatori puliti che su quelli distorti. Ad alte impostazioni, diventa un po’ troppo vetroso per i miei gusti.

Il pedale non solo fa una bella figura come booster full-range/treble/midrange, ma anche come pedale overdrive singolo
0:00
0:00
Esempio 3: Funzionamento del controllo degli alti in cinque posizioni: ore 8, ore 10, ore 12, ore 14, posizione massima

Con il G Boost, è possibile non solo sovraccaricare l’ingresso di un amplificatore o di una distorsione a valle, ma anche saturare il suono senza sovraccaricare l’ingresso. I risultati più “naturali”, che si avvicinano maggiormente al suono di una valvola distorta, si ottengono nella posizione a ore 12 del controllo di gain. Se suonate un JCM 800, con questa impostazione non riuscirete a smettere di gioire. Ho impostato il mio amplificatore a metà corsa per tutti i seguenti esempi suonati. Nel primo esempio è possibile ascoltare il riff senza pedale. Nel secondo, il controllo del gain è impostato a ore 10 con una leggera spinta aggiuntiva. Infine, nel terzo, il controllo del gain è impostato sulla mia posizione preferita a ore 12.

0:00
0:00
Esempio 4: Riff senza pedale
Esempio 5: Gain ore 9 Bassi e alti ore 12 Boost ore 9
Esempio 6: Gain ore 12 Bassi e alti ore 12 Boost ore 10

Anche con l’impostazione massima del gain, il pedale ha un suono molto gradevole e classico. Non sentirete un suono metallico, ma non è per questo che il pedale è stato progettato. Nel primo esempio si può sentire ancora la Stratocaster e nel secondo la mia Gibson SG.

0:00
0:00
Esempio 7: (Strat) Gain a ore 16, bassi e alti a ore 11, boost a ore 14
Esempio 8: (Gibson SG) Gain a ore 16, bassi a ore 11, alti a ore 12, boost a ore 14

Il Vemuram Budi-G Boost è un pedale boost/overdrive super-trasparente con una grande dinamica. Non altera quasi mai il suono e sembra davvero una distorsione valvolare e non uno strumento che si sovrappone. Il pedale non solo fa una bella figura come booster full-range/treble/midrange, ma anche come pedale overdrive a sé stante. Mi è piaciuto di più con l’impostazione a gain medio, dove funziona in modo simile a una valvola preamplificatrice aggiuntiva. Sia come amplificatore di volume, per rafforzare e ispessire elegantemente il suono, sia come overdrive indipendente, il Budi-G Boost brilla in ogni caso e per me è uno dei migliori pedali degli ultimi anni. Se c’è qualcosa da criticare, è il prezzo elevato, attualmente di poco inferiore ai 400 euro.

Il Vemuram Budi-G Boost ha una finitura di prima classe e fa una bella figura sia come booster che come overdrive
Vemuram Budi-G Boost

Vemuram Budi-G Boost

Valutazione dei clienti:
(1)

Specifiche Tecniche

  • Produttore: Vemuram
  • Modello: Budi-G
  • Tipo: Pedale Boost/Overdrive
  • Prodotto in Giappone
  • Transistor: 3 FET
  • Controlli: Boost, Bass, Treble, Gain
  • Potenziometro Trim: per la regolazione precisa del livello di distorsione e dell’headroom
  • LED di stato: Effetto attivo
  • Footswitch: bypass dell’effetto
  • Ingresso e uscita: Jack da 6,3 mm
  • Alimentazione: adattatore di rete opzionale da 9 V CC (spina a barile da 2,1 x 5,5 mm, polo negativo interno)
  • Consumo di energia: 2 mA
  • Dimensioni (L x P x A): 70 x 113 x 50 mm
  • Peso: 396 g
  • Prezzo: 399,00 Euro (febbraio 2024)

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Riccardo Yuri Carlucci
Ultime pubblicazioni di Riccardo Yuri Carlucci (vedi tutte)