Le chitarre acustiche dreadnought Yamaha FG3 e FGX3 si ispirano ai leggendari modelli giapponesi Nippon Gakki Red Label degli anni ’60, ancora oggi apprezzati per il loro bel suono nonostante  all’epoca il loro prezzo fosse decisamente poco accessibile. Le Yamaha FG3 e FGX3 si ispirano inequivocabilmente alla FG180, una chitarra acustica introdotta nel 1966 e consegnata per la prima volta nel 1967 con il leggendario Red Label nel corpo.

Immagine/Yamaha_FG3__FGX3_002_FIN

Il modello FGX3 è inoltre dotato del cosiddetto sistema di pickup Atmosfeel a 3 vie, in cui il segnale di un pickup piezoelettrico e di un pickup a contatto può essere miscelato con quello di un microfono interno. 
Per comprendere le differenze tra le Yamaha FG3 e FGX3 e darvi una panoramica più ampia e precisa abbiamo messo entrambe le chitarre al microscopio per voi.

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Cosa è compreso

Fortunatamente le Dreadnought, di produzione cinese, vengono consegnate con una borsa rigida di alta qualità in cui possono essere trasportate comodamente e ben imbottite. Entrambe le chitarre sono dotate di una chiave esagonale per la regolazione del manico. La FGX3 viene fornita anche con una copertura opzionale per la buca della cassa e due batterie AA che alimentano il sistema di pickup attivo. A un primo esame, entrambi gli strumenti si presentano con una finitura molto buona e pulita, solo i tasti non sono lucidati al cento per cento. Le chitarre sono incordate in fabbrica con corde Elixir.

Yamaha FG3X

Yamaha FG3

Corpo

Esistono diverse descrizioni dei legni utilizzati per il modello storico. In alcuni casi si parla di legni completamente laminati per il top, le fasce e il fondo, ma alcune specifiche parlano anche di un top in abete massiccio. I nuovi modelli Yamaha sono completamente equipaggiati con legni massicci. L’abete Sitka è utilizzato per il top, il mogano per il fondo e le fasce e l’ebano per il ponte.

Yamaha FGX3

Yamaha FG3

Una caratteristica particolare, secondo il produttore, è il trattamento del top con il cosiddetto processo A.R.E. (Acoustic Resonance Enhancement), in cui i legni vengono trattati con calore, umidità e pressione dell’aria per accelerare il processo di invecchiamento del legno e quindi influenzare positivamente il suono. Come i loro modelli, le due chitarre, quasi identiche nell’aspetto, hanno un design semplice e ordinato, ma a mio avviso catturano subito l’attenzione per la finitura opaca del top, che tende leggermente all’arancione. Già nel 2016 è stato realizzato un modello anniversario per il 50° compleanno della serie FG. Sulla base del bracing di questo modello, il bracing nel corpo è stato leggermente rivisto per le nuove chitarre, al fine di migliorare la risposta del registro inferiore.

Il manico

Il manico è realizzato in mogano africano, mentre l’ebano è utilizzato per la tastiera con i suoi 20 sottili tasti. Il design del manico rimane discreto, con solo punti poco visibili sulla tastiera per facilitare l’orientamento del musicista. Il capotasto misura 44 mm. Il design accattivante della paletta è basato sul modello originale della serie Red Label. Gli accordatori Gotoh Open Gear cromati sono utilizzati per garantire una buona accordatura, mentre la lunghezza della scala è di 634 mm.
L’FGX3 ha anche un perno per la tracolla montato alla base del manico.

Elettronica

Lo Yamaha FGX3 si presenta con un ulteriore sistema di pick-up a 3 vie, che Yamaha ha battezzato Atmosfeel. In pratica, si tratta di un pickup piezoelettrico al ponte che, in combinazione con un pickup a contatto e un microfono incorporato nel corpo, si occupa della ripresa del segnale, consentendo di miscelare tutte e tre le sorgenti. Come già accennato all’inizio, il sistema di pickup attivo non funziona con un blocco da 9V come di consueto, ma con due batterie AA, che si inseriscono comodamente nell’ingresso jack incorporato nel perno del cinturino. Per il resto, il controllo del sistema è piuttosto semplice. Solo tre potenziometri sul telaio superiore regolano il volume generale, il rapporto di mix tra i due pickup e il microfono e l’equalizzazione dei bassi.

Al primo ascolto, entrambe le Yamaha FG3 e FGX3 sono quindi molto piacevoli da suonare. Come accennato all’inizi, i tasti, piuttosto sottili non sono lucidati, il che offusca leggermente la prima impressione complessivamente molto positiva. Se si “massaggiano” un po’ di più le corde, la consistenza ruvida dei tasti diventa un po’ evidente anche nel suono. Fortunatamente, questa piccola impurità può essere rapidamente corretta da un professionista.
Il modello FG3 si presenta nel dettaglio con un suono pieno, tipico dei modelli dreadnought, che risulta molto arioso e vivace nel registro basso, rendendo così il flatpicking e lo strumming una gioia assoluta fin dal primo minuto. Inoltre, la FG3 sembra sorprendentemente vivace, a tutto vantaggio degli assolo, che normalmente non sono la materia principale dei modelli dreadnought.

Il modello FG3 si presenta con un suono pieno, tipico dei modelli dreadnought, arioso e vivace nel registro basso

Nel confronto diretto, la versione FGX3 è un po’ più sobria e smorzata, il che ha senso per uno strumento con un sistema di pickup. Chiunque abbia mai montato un sistema di pickup su una chitarra acustica particolarmente sa di cosa sto parlando. Semplicemente, si corre il rischio di trovarsi di fronte al feedback in un attimo; tuttavia, stiamo parlando di sfumature. Tutto sommato, l’FGX3 non suona in modo così chiuso, ma è ancora molto simile all’FG3 nella sua direzione di base. Sono curioso di vedere quali saranno le mie prime impressioni davanti al microfono.

Nel complesso, l’FGX3 suona in modo più sobrio, con un suono non così chiuso come quello dell’FG3

Un microfono a condensatore Neumann TLM 103 è pronto per le registrazioni di oggi, puntato sulla chitarra all’altezza del 12° tasto e a una distanza non eccessiva. Il segnale del microfono entra in un preamplificatore Golden Age Pre-73 MK II. Il segnale del pickup dall’FGX3 va a sua volta nell’ingresso DI del mio preamplificatore Focusrite ISA. Tutti i segnali vengono poi convertiti da un’interfaccia Motu.

  Iniziamo con il fingerpicking e ascoltiamo prima il modello FG3 attraverso il microfono Neumann. Sentirete poi lo stesso picking con l’FGX3 e registrerò anche il segnale del pickup. Ho già mixato leggermente il microfono interno del pickup.

0:00
0:00
FG3 – Fingerpicking – Mic
FGX3 – Fingerpicking – Mic
FGX3 – Fingerpicking – PU

Anche se le chitarre suonano in modo molto simile quando vengono registrate di fronte al microfono, il suono dell’FG3 è un po’ più nitido e vivace. Anche il suono acustico un po’ più sobrio dell’FGX3 fa un’ottima figura in questo contesto. Ma mi piace anche il carattere sonoro del suo sistema di pickup.

Naturalmente, un pickup ha sempre il suo suono, ma fortunatamente non c’è la classica colorazione fredda e statica dei pickup piezoelettrici, si ottiene un segnale abbastanza naturale. Molto bello!
Tuttavia, il sistema di pickup non è completamente privo di rumore. In un contesto live, tuttavia, questa circostanza non dovrebbe costituire un problema. Quindi, per chi suona da solo o in studio, questo può essere fastidioso.

Riprendo in mano l’FG3 ed eseguo un classico strumming/flatpicking. Devo dire che trovo la risposta timbrica della chitarra assolutamente stimolante per questi stili di esecuzione.

0:00
0:00
FG3 – Flatpicking – Mic

Nel prossimo esempio, vorrei mostrare come si sviluppa in dettaglio il suono del sistema di pick-up quando viene aggiunto il microfono interno.
Dapprima ascolterete solo la combinazione di pick-up piezoelettrico e a contatto, poi alzerò il microfono a metà. Nell’ultima parte dell’esempio, il potenziometro del microfono viene alzato completamente, il che corrisponde a un rapporto di miscelazione del 50%.

0:00
0:00
FGX3 – Soundcheck Sistema pick-up

Il sistema di pickup si comporta esattamente come in altri sistemi che prevedono un microfono interno. Se lo si mixa un po’, il suono diventa un po’ più morbido e anche un po’ più dinamico. Se invece si alza troppo il volume del microfono, il suono diventa molto pesante. A seconda della situazione, sarà necessario sperimentare un po’. L’equalizzatore dei bassi può essere utilizzato anche per attenuare le basse frequenze, il che può tornare utile in diverse situazioni. Tuttavia, non bisogna mai alzare troppo il volume del microfono. Questo vale anche per il feedback, per il quale il dispositivo di eliminazione del feedback fornito dal produttore è ovviamente un’utile aggiunta.
Per il resto, il sistema di pick-up, anche in combinazione con il microfono Neumann, fa una bella figura, come si può sentire nell’esempio successivo.

0:00
0:00
FGX3 – Fingerpicking – Mic & PU

Naturalmente, il modo migliore per conoscere le chitarre è sempre l’uso quotidiano. Ho quindi organizzato una piccola sessione di registrazione e ho registrato le chitarre in un contesto tipico di una canzone country.
Ancora una volta, l’FG3 mi ha assolutamente convinto. La chitarra ritmica principale, che inizia anche la canzone, l’ho registrata con questo modello. Ma anche il suono del pickup dell’FGX3, che ho usato esclusivamente per la chitarra solista, fa un’ottima figura, secondo me. Nel complesso, entrambe le chitarre sono state assolutamente facili da gestire durante il missaggio del brano.

0:00
0:00
FG3 e FGX3 – Canzone d'esempio

Le chitarre Yamaha FG3 e FGX3 Dreadnought offrono, sicuramente, prestazioni convincenti nei test. Il carattere sonoro vivace e autentico dell’FG3 e il sistema di pickup dell’FGX3 sono particolarmente degni di nota. Tuttavia, sarebbe bello se anche i tasti fossero lucidati in modo ottimale fin dalla fabbrica. Ma questo non mi impedisce di consigliare entrambe le chitarre per un test. Anche se al momento il costruttore ha fissato solo un prezzo di vendita consigliato, lo stesso mi sembra abbastanza ragionevole per le prestazioni offerte.

Entrambe le chitarre continuano abilmente la tradizione FG di Yamaha e brillano per l’ottima suonabilità e per il suono acustico vivace e autentico. (Qui entrambi i modelli insieme nella foto con una vecchia FG-312 a 12 corde).
Yamaha FGX3 NT

Yamaha FGX3 NT

Valutazione dei clienti:
(2)

Specifiche Tecniche:

  • Produttore: Yamaha
  • Modello: FG3 E FGX3
  • Tipo: Dreadnought senza e con sistema di pick-up
  • Paese di origine: Cina
  • Top: abete Sitka (trattato A.R.E.)
  • Fondo e fasce: Mogano
  • Ponte: ebano
  • Manico: Mogano africano
  • Tastiera: Ebano
  • Tasti: 20
  • larghezza del capotasto: 44 mm
  • Lunghezza scala: 634 mm
  • Pickup (FG3X): 3 vie atmosfeel, attivo
  • Opzioni di controllo: Volume master, mic blend, EQ
  • Accordatrici: Gotoh Open Gear Chrome
  • Accessori: borsa rigida inclusa
  • Prezzo: FG3 899,00 Euro RRP/FGX3 1.099,00 Euro RRP

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Gianmarco Gargiulo