Il Boss Katana Artist MkII è uno degli amplificatori della serie Katana che il produttore giapponese di elettronica musicale Boss ha rinnovato. La linea Mkll di cui fa parte il nostro combo è stato rivelata per la prima volta al NAMM 2020 in California al Anaheim Convention Center.

Nel complesso, il Katana Artist MkII Combo di Boss guadagna punti per il suo funzionamento intuitivo e il suono convincente, ma il simulatore di speaker non è convincente

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Il combo che proveremo, il Boss Katana-Artist MkII Combo, porta la bandiera della gamma, e vanta numerosi aggiornamenti e una sezione effetti ampliata. Il test che segue ci mostra cosa è stato aggiunto e quali aree hanno guadagnato dal punto di vista tecnico e sonoro.

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

In giapponese, il termine “katana” indica una lunga spada a due mani usata dai samurai, un’arma potente e impressionante la cui fabbricazione è un’arte secolare. Non esiste da secoli, ma comunque il marchio Boss esiste dal 1973; il primo prodotto è arrivato sul mercato nel 1974 ed era un preamplificatore per chitarra acustica.
Con la serie Katana, Boss ha ora raccolto l’esperienza degli ultimi decenni e offre una serie di amplificatori rivisitati con la nuova linea MkII, al vertice della quale si trova il nostro amplificatore che proveremo oggi.

Il combo è rivestito da un tolex nero, ha angoli in plastica nera per la protezione e dà subito un’impressione di alta qualità al primo sguardo. Con i suoi 19 kg, non è certo un prodotto leggero, ma la maniglia di trasporto in plastica ne facilita il trasporto. Il combo poggia su quattro spessi piedini in gomma.

Il pannello di controllo occupa un quarto del frontale ed è situato sopra la cassa. Contiene tutte le impostazioni, disposte in modo chiaro sulle manopole e sugli interruttori corrispondenti. All’estrema sinistra si trova l’’input, a destra della quale è possibile selezionare un totale di cinque tipi di amplificatore con l’aiuto della manopola Amp-Type. L’interruttore Variation in alto raddoppia il numero di tipi di amplificatore offerti, ciascuno con una variante dell’amplificatore selezionato.

È possibile selezionare i seguenti tipi:

  • Brown – suono principale simile al suono Brown del Boss Waza Head.
  • Lead – offre un’ampia gamma di suoni, dal crunch all’hi-gain.
  • Crunch – crunch denso
  • Clean – può essere utilizzato anche per gli assoli in combinazione con il booster.
  • Acoustic – ingresso acustico dedicato per chitarre acustiche con pickup.

Ogni impostazione del tipo di amplificatore è dotata di un proprio LED, in modo da poter identificare l’amplificatore selezionato anche a distanza. La sezione amplificatori comprende anche il controllo del gain e del volume che sono dotati di manopole in plastica facili da utilizzare con segni di scala bianchi. Segue l’equalizzatore, composto da bassi, medi e alti, ovviamente disponibile per tutti gli amplificatori. A destra si trovano gli effetti, fino a cinque in totale e regolabili con tre potenziometri. Fatta eccezione per il controllo del riverbero, i potenziometri booster/mod e FX/delay sono impilati, quindi hanno ciascuno due funzioni. Sopra di essi si trovano dei pulsanti con LED integrati, con i quali è possibile selezionare gli effetti e che forniscono contemporaneamente informazioni in diversi colori su quale sia quello attualmente attivo. Le manopole regolano l’intensità dell’effetto.

Il Katana Artist offre i seguenti effetti:

  • Booster: Blues Drive, Clean Boost, Overdrive, Mid Boost, Distortion, Treble Boost
  • MOD: Chorus, DC- 30, Phaser 90E, Comp, Flanger 117E, Limiter, Chorus
  • FX: Tremolo, Phaser 90E, T. Wah, Flanger 117E, Heavy Octave, Pitch Shifter
  • Delay: Digital Delay. SDE- 3000, Analog Delay, Digital Delay, Tape Echo ,Modulate
  • Reverb : Plate Reverb, Spring Reverb, Hall Reverb

Inoltre, sotto il controllo FX/Delay è presente un piccolo pulsante che può essere utilizzato per impostare il tempo. Non appena una manopola viene ruotata completamente a sinistra, l’effetto corrispondente viene disattivato e il LED si spegne. Le impostazioni vengono sempre mantenute alla successiva accensione dell’amplificatore. Continuiamo con i Presence, Master e Solo, situati nell’unità di impostazione del tono a destra dell’EQ. Il controllo Presence, che ha effetti sull’output finale, lavora su frequenze medie e alte e per questo risulta interessante per dare più spazio alla chitarra nel mix. Il Master regola il volume generale e Solo (che, tra l’altro, si trova solo sull’Artist Amp) determina il volume quando la funzione Solo viene attivata con il piccolo interruttore accanto, sulla destra. L’unità di impostazione dei toni consente di memorizzare un totale di otto impostazioni e quattro interruttori preimpostati, che possono anche essere richiamati di conseguenza.

L’opzione seguente è anch’essa esclusiva dell’Artist e si chiama Tone Shape. Questa unità consiste in un interruttore Global EQ che attiva o disattiva l’effetto e dispone di tre tipi di equalizzatore (verde, rosso e arancione) tra cui poter scegliere. Questi tre tipi di equalizzatore possono essere modificati e caricati sul computer utilizzando un software speciale scaricabile dal sito web del produttore, poiché non possono essere modificati dall’amplificatore stesso. Subito sotto si trova il selettore quadruplo Contour, che seleziona un totale di tre caratteristiche sonore.
Segue il selettore Cab Resonance, che seleziona tre impostazioni e modifica la risonanza dello speaker collegato. Questa opzione è presente solo sui modelli 100/212 Combo, Top e Artist.

Le scelte sono:

  • Vintage: rappresenta il suono caldo di un diffusore vintage.
  • Moderno: offre il suono di un diffusore moderno con frequenze basse potenziate.
  • Deep: offre un suono con forti frequenze basse.

Il Katana Artist è inoltre dotato di un selettore che consente di farlo funzionare a 0,5 watt, 50 watt o 100 watt; la selezione è effettuata tramite un selettore a scatto. L’unica cosa che manca è l’interruttore on/off, che completa la serie di controlli sul frontale.

Pannello posteriore

Il Katana Artist consente di collegare diversi altoparlanti. Se si desidera utilizzare un altoparlante esterno da 8 ohm, è possibile utilizzare la corrispettiva presa. Sono disponibili anche due prese da 16 ohm.

Grazie al design semi-aperto, si può ammirare lo speaker Boss Waza incorporato, il cui retro è rivestito di lacca verde opaca, evocando così un’associazione con il leggendario Celestion Greenback. Tuttavia, si tratta di uno sviluppo di proprietà Boss, che (rispetto al Greenback) eroga 100 watt invece di 25 watt.
Sul pannello posteriore sono presenti anche un MIDI-IN e una presa USB 2.0, quest’ultima per il collegamento a un computer, di cui parlerò in dettaglio più avanti. Naturalmente è presente anche una presa aux-in mini-jack stereo per il collegamento di un lettore audio esterno o simili.

Sono disponibili due prese per controller a pedale offerti da Boss, ma non sono incluse nell’acquisto, il che è un po’ un peccato, soprattutto perché l’amplificatore è pubblicizzato per l’uso dal vivo. Se si desidera collegare un pedale effetto esterno (mono) o simile, è possibile integrarlo tramite le prese send/return disponibili, che consentono di alimentare l’effetto in serie o in parallelo.
A destra si trova un interruttore a scorrimento con la dicitura Expand, che può essere utilizzato per collegare due amplificatori Katana MkII e farli funzionare come un set stereo. Tuttavia, questo è possibile solo con il Katana 100, il 100/212, il Top e naturalmente l’Artist.

Tramite una presa line-out il segnale può essere indirizzato a un secondo combo per ottenere una configurazione stereo.]
Tramite una presa line-out il segnale può essere indirizzato a un secondo combo per ottenere una configurazione stereo

La line-out può essere utilizzata per collegare l’amplificatore a un sistema PA o di registrazione; qui è disponibile un segnale corretto in frequenza. Manca solo la connessione Power Amp In, che bypassa il preamplificatore e invia il segnale direttamente al finale di potenza.

Software Tone Studio

Boss offre il download del software Tone Studio, compresi i driver, sul proprio sito web. Può essere installato su PC o Mac, e sul mio Macbook con OS Mojave è andato tutto liscio. Può essere utilizzato per effettuare impostazioni più approfondite, come la gestione del loop FX in serie o in parallelo e l’accesso all’amplificatore collegato via USB.

Ecco alcune immagini:

Nel complesso, il prodotto dà un’impressione di alta qualità e robustezza e dovrebbe essere in grado di affrontare la vita di palcoscenico più duri.

Per i seguenti esempi, posiziono un SM57 davanti allo speaker e utilizzo una Fender Telecaster, un’acustica Takamine con pickup e una Gibson Les Paul dotata di due humbucker.
Per prima cosa, passo in rassegna i cinque tipi di amplificatore, attivando l’interruttore Variation nel secondo passaggio. Inizio con l’amplificatore acustico, con il quale registro i seguenti esempi con l’impostazione Modern Cab Resonance.
Ecco i primi due esempi con la chitarra acustica:

0:00
0:00
Acoustic Amp 1
Acoustic Amp 2

L’Acoustic Amp offre un suono con basse frequenze pronunciate; con l’interruttore Variation attivato vengono aggiunte le frequenze medio-superiori, dando al suono un po’ più di assertività. Ora passo al clean. In questo esempio suono con la Telecaster.

0:00
0:00
Clean 1
Clean 2

Il Katana Artist offre un suono pulito e incisivo che trasmette il tipico suono della Tele. Il canale Variation indica un suono leggermente modificato, con un po’ più di gamma media, che diffonde un po’ di fascino vintage.
Il passo successivo è la posizione di tipo crunch del selettore dell’amplificatore.

0:00
0:00
Crunch 1
Crunch 2

A mio parere, la maggior parte dei modeling amps fallisce in questo ambito, ma il Katana Artist MkII è sorprendentemente arioso e potente. Gli attacchi sono straordinariamente diretti e nitidi, il che rende autentica la sensazione di suonare. Il Variation fornisce anche un suono alternativo, più prominente nella parte dei medio-alti rispetto al primo canale, cosa che fornisce una maggiore assertività.
Ora si passa all’impostazione Lead. Negli esempi che seguono, utilizzo la mia Les Paul.

0:00
0:00
Lead 1
Lead 2

Qui il suono è prevalentemente “grosso”. In combinazione con la Les Paul, l’amplificatore offre un suono rock denso che, anche in questo caso, risulta piacevolmente naturale e lascia trasparire gli attacchi. Non appena si attiva il Variation,  si ha un suono più moderno. Anche se il controllo del gain è in posizione centrale, qui arriva una distorsione decente senza rendere il suono troppo impastato.
Per ultimo, ma non meno importante, ascoltiamo l’impostazione Brown, sempre con la Les Paul.

/Il Combo Boss Katana Artist MkII offre un suono autentico e variabile ed è facile da usare
0:00
0:00
Brown 1
Brown 2

Non del tutto dissimile dal suono principale, il Brown-Type è un po’ più aperto e nitido, il che si nota soprattutto quando si suonano le corde basse. Anche in questo caso, c’è molto gain nella posizione centrale.
L’effetto delle diverse forme timbriche può essere ascoltato nei prossimi esempi. Per questo, ho selezionato l’amplificatore crunch.

0:00
0:00
Crunch Amp – Tone Shape OFF
Crunch Amp – Tone Shape Verde
Crunch Amp – Tone Shape Rosso
Crunch Amp – Tone Shape Arancione

Boss consente di ottenere diverse caratteristiche di base con le diverse forme di tono, che ovviamente aumentano notevolmente le opzioni tonali.
Naturalmente mi interessa anche sapere cosa fa la funzione Cab Resonance, quindi passo una volta a tutte e tre le opzioni. Prima ascolto il Vintage, poi il Modern e infine l’impostazione Deep. Rimango sul Crunch.

0:00
0:00
Crunch Vintage
Crunch Modern
Crunch Deep

Lo stesso discorso fatto per i Tone Shapes può ovviamente essere applicato anche alla Cab Resonance, perché qui l’utente ha a disposizione uno strumento utile per cambiare drasticamente il suono in alcune parti – molto bene! Prima di continuare con gli effetti, passo in rassegna le tre impostazioni di Contour. La prima impostazione è la posizione off, da lì in poi si va verso destra.

0:00
0:00
Contour OFF
Contour 1
Contour 2
Contour 3

Per i miei gusti, c’è troppo poco da fare all’interno delle diverse impostazioni: ascoltando attentamente, credo di poter rilevare delle differenze qua e là, ma non si tratta di differenze notevoli.
Poi ho suonato gli effetti, ciascuna delle tre varianti con il mio Duesenberg Starplayer nel canale pulito dell’amplificatore. Il file audio mostra di quale effetto si tratta.

0:00
0:00
Reverb Verde
Reverb Rosso
Reverb Arancione
Delay Verde
Delay Rosso
Delay Arancione
FX Tremolo verde
FX T.Wah rosso
FX Arancione Octave
MOD Chorus Verde
MOD Flanger
MOD Phaser Arancione

Il fatto che il Katana Artist abbia fatto centro non dovrebbe sorprendere nessuno. Tutti gli effetti fanno un’ottima impressione e possono essere utilizzati molto bene. Nessuno di essi è eccessivo e, grazie alla semplicità di funzionamento, la loro impostazione è un gioco da ragazzi.
Per la sezione boost ho scelto il crunch dell’amplificatore.

0:00
0:00
Boost off
Boost verde
Boost rosso

Anche la sezione boost fa un’ottima impressione e, grazie alle diverse opzioni, stravolge il suono. Mi piace molto!
Naturalmente, mi interessa anche il suono che la simulazione degli speaker restituisce. Nel primo esempio, potete sentire l’amplificatore con il microfono nell’impostazione Brown e poi con il segnale corretto in frequenza.

0:00
0:00
Segnale microfonato
Segnale corretto in frequenza

Purtroppo, la simulazione dello speaker non mi convince. Rispetto al segnale microfonato, suona piatto, duro e troppo presente nelle medie e alte frequenze.

Grazie alla lavorazione robusta e di alta qualità e al funzionamento semplice e intuitivo, il Katana Artist MkII Combo lascia un’impressione complessivamente molto buona e dovrebbe essere in grado di affrontare la maggior parte delle sfide che gli vengono poste.
Non si ha nessun dubbio in termini di suono, perché il combo è estremamente flessibile e può offrire suoni autentici e potenti. Non cerca nemmeno di suonare come altri amplificatori famosi, il che mi piace molto. Il fatto che anche gli effetti incorporati siano di alta qualità non deve sorprendere, vista la lunga storia del produttore in questo settore. L’unica cosa che non mi ha convinto è la simulazione dello speaker ed è un peccato che non sia incluso un interruttore a pedale, soprattutto perché Boss pubblicizza l’amplificatore come un prodotto per i musicisti dal vivo. Ma il rapporto qualità-prezzo è complessivamente buono.

Boss Katana-Artist MkII

Boss Katana-Artist MkII

Valutazione dei clienti:
(31)

Specifiche tecniche:

  • Produttore: Boss
  • Nome: Katana-Artist MkII
  • Tipo di amplificatore: Amplificatore combo
  • Paese di produzione: Malesia
  • Suoni di base: Acustico, Clean, Crunch, Lead, Brown
  • Effetti: Booster, Mod, FX, Delay, Riverbero
  • Controlli: Tipo di amplificatore, Guadagno, Volume, Bassi, Medi, Alti, Booster/Mod, FX/Delay, Riverbero, Presenza, Master, Solo
  • Interruttori: Tone Shape, Power Control, Cab Resonance, Expand, Tap FX Loop: seriale/parallelo opzionale
  • Costruzione: semi-chiusa
  • Potenza: 100 watt
  • Finale di potenza: Analogico di classe AB
  • Altoparlanti: 1 altoparlante WAZA Craft G12W
  • Dimensioni: 630 x 515 x 248 mm (LxAxP)
  • Peso: 19 kg
  • Prezzo al dettaglio: 722,00 Euro (febbraio 2023)

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Gianmarco Gargiulo