Se oggi volete essere competitivi come musicisti o band, non basta solo suonare di qualità, ma occorre anche offrire una qualità d’immagine. Ci sono molti modi per farlo: telefono cellulare, tablet, fotocamera reflex o videocamere per video musicali – quasi tutte le edizioni odierne di questi dispositivi sono adatte per livestream, video musicali o registrazioni di concerti. Tuttavia, la videocamera classica offre tuttora le più svariate possibilità e funzioni adatte alle riprese. Abbiamo dato un’occhiata al mercato e abbiamo trovato alcune apparecchiature per band che arrivano fino ai 3000 euro.

Videocamere per video musicali

Il prossimo (o forse il primo) livestream di una band, un video promozionale o un concerto importante sono dietro l’angolo, ma la videocamera che avete trovato in cantina registra ancora su nastro, ha un’uscita video analogica e riceve la somma del mixer tramite una presa jack da 2,5 millimetri. Ciò che anni fa era sufficiente per documentare i propri figli durante una vacanza al mare, oggi è eclissato dalla qualità video persino dei telefoni cellulari economici. Il nostro breve elenco non è certo esaustivo: abbiamo selezionato nove videocamere – da quelle più economiche a quelle che ormai non lo sono più – dal mercato dei video, ormai quasi ingestibile, per le quali vale la pena distruggere il salvadanaio.

1. Videocamere e budget dei musicisti

Tra l’altro, il termine “economico” è sempre relativo nel mercato della tecnologia video: se siete abituati ai prezzi degli apparecchi audio, dovrete fare un respiro profondo quando si tratta di prezzi dei prodotti video. Al prezzo di una buona chitarra o di uno straordinario sintetizzatore, l’acquirente disposto ad acquistare tecnologia video semi-professionale non può che trovare un prodotto di qualità. Per questo motivo, la nostra guida alle videocamere per band si concentra su tre categorie: fino a 1000, fino a 2000 e fino a 3000 euro.

Naturalmente, nella selezione sono stati inseriti anche i requisiti più importanti che i musicisti esigono da una telecamera: tutte le telecamere elencate hanno ingressi audio standard, uscite video per lo streaming e sono anche abbastanza facili da usare, perché non tutti noi siamo specialisti dei video. Dato che il mercato di questo settore offre una miriade di modelli con dotazioni simili e che a volte differiscono solo nei dettagli, i modelli presentati sono da intendersi principalmente come esempi e guide per la scelta dell’attrezzatura video più adatta.

2. Cosa valutare quando si sceglie una videocamera

Quando, presso i rivenditori o online, si inizia a cercare una nuova videocamera, con la scheda tecnica e i nostri suggerimenti, ci sono alcune regole di base da seguire:

Videocamere per video musicali: look televisivo o cinematografico?

Tenete presente la destinazione d’uso della telecamera e prestate attenzione a ciò che i marchi presentano nelle specifiche. Il mercato delle telecamere è attualmente diviso tra quelle che offrono un “look televisivo” – nitidezza, colori reali e contrasto elevato – e quelle che coltivano un “look cinematografico” – bassa profondità di campo, basso contrasto e meno colore. Mentre il “look cinematografico” (soprattutto con un po’ di post-elaborazione) è ottimo per i video musicali, per una registrazione o uno streaming dal vivo sono più che altro una sofferenza: si è costantemente fuori fuoco, l’esposizione è difficile e il funzionamento è spesso poco ergonomico.

La risoluzione non è tutto.

Certo, un video in 4K su un grande televisore fa il suo effetto, ma gran parte del vostro pubblico guarderà i vostri video in HD sul cellulare o sul tablet, magari anche in SD tramite connessione dati, e quindi l’investimento aggiuntivo per una maggiore risoluzione non servirà a nulla. Inoltre, maggiore è la risoluzione, maggiore deve essere la velocità del computer per l’editing e il supporto di memoria necessario. Se il budget lo consente e il computer ha una potenza sufficiente: il vantaggio di una risoluzione più alta come il 4K per i video, come per le foto, è che le riprese contengono una quantità maggiore di dati. Ciò significa che è possibile utilizzare una sezione o zoomare su una scena durante il montaggio e comunque ottenere informazioni sufficienti per l’output in HD. La conversione dei video 4K in formato HD con il computer di solito funziona perfettamente.

A proposito di supporti di memoria

La maggior parte delle fotocamere oggi registra su schede SD. Queste sono economiche e disponibili ovunque, tuttavia anche qui non bisogna necessariamente puntare sull’offerta più economica del rivenditore. Le schede di memoria di marca sono di solito più resistenti e sicure nel funzionamento, anche se in genere le SD non si avvicinano alle capacità dei formati di memoria professionali. Questi supporti con denominazioni esotiche come P2, CFast, XQD ecc. sono più affidabili e meno soggetti a errori – in alcuni casi perfino superflui – tuttavia sono anche (considerevolmente) più costosi e di solito non compatibili con i lettori di schede standard.

 La videocamera classica offre ancora oggi le più varie opzioni e funzioni per le riprese

Autofocus o messa a fuoco manuale?

Un buon autofocus può non salvare la vita, ma salva sicuramente la giornata. Le migliori fotocamere odierne sono dotate di riconoscimento facciale e di messa a fuoco tramite touchscreen, come quelle a cui si è abituati sul proprio cellulare. Per quanto riguarda la profondità di campo, ad esempio, nel caso in cui lo sfondo debba essere sfocato o la messa a fuoco si trovi al di fuori del sensore di messa a fuoco automatica, l’unica opzione è la regolazione manuale. Pertanto, dovrebbe essere possibile disattivare l’autofocus e, idealmente, dovrebbero essere presenti, sull’obiettivo, delle rotelle per la regolazione manuale della messa a fuoco e dell’apertura. Chiunque abbia familiarità con il funzionamento manuale della propria fotocamera potrà imparare rapidamente a migliorare le proprie immagini con uno sforzo minimo.

Il monitor della fotocamera

Più grande e luminoso è lo schermo della telecamera, più facile è operare in situazioni difficili: un monitor luminoso può essere oscurato dal menù per riprese al chiuso o di notte, tuttavia un monitor scuro vi deluderà enormemente all’aperto o in presenza di luce diretta.

Connettori e cavi

Fate attenzione alle connessioni! Quasi tutte le telecamere di oggi hanno un’uscita HDMI. Quelle più costose hanno un’uscita SDI. Non c’è differenza in termini di qualità dell’immagine, tuttavia l’SDI può essere trasmessa su distanze maggiori e i connettori BNC usati possono essere bloccati. Pertanto, l’SDI è lo standard più affidabile in ambito professionale e i tecnici di video, streaming o illuminazione di solito preferiscono utilizzare cavi con questi connettori rispetto a quelli con connettori HDMI.

A proposito di connettori: gli ingressi audio bilanciati sotto forma di prese XLR o jack stereo sono in ogni caso obbligatori.

Suggerimenti professionali per acquistare videocamere per video musicali

Prestate attenzione anche alla connessione di alimentazione: una fotocamera che può essere alimentata dalla corrente senza rimuovere la batteria vale il suo peso in oro. Le connessioni di alimentazione standard possono risparmiare un po’ di stress nel caso in cui il peggio dovesse accadere.

Infine, ma non per questo meno importante: la videocamera dispone di un’opzione di streaming integrata? Ottimo: allora non c’è bisogno di investire in periferiche.

3. Videocamere per streaming e video musicali

3.1 Videocamere fino ai 1000 euro:Buona qualità d’immagine per i principianti

In questa fascia di prezzo, una cosa è certa: tutte le videocamere sono dotate di funzioni automatiche così ampie che chiunque può iniziare subito a girare video interessanti senza alcuna conoscenza pregressa. Se si approfondisce ulteriormente, in genere si può migliorare in modo significativo il risultato.

4. Zoom Q2n-4K

Il videoregistratore portatile Zoom Q2n-4K è di gran lunga la telecamera più economica nel settore di lancio. Allo stesso tempo, presenta una premessa molto interessante: l’attenzione è rivolta alla qualità del suono – il dispositivo è più o meno un classico registratore da campo H2n con telecamera. Di conseguenza, il Q2n cattura un’eccezionale qualità del suono sulla traccia stereo. Quindi, se siete “viaggiatori acustici”, la lettura di questo articolo può anche terminare qui.

Se necessario, è possibile collegare un mixer tramite la connessione jack da 3,5 millimetri per non perdere la qualità video: l’obiettivo grandangolare offre il tipico look GoPro con un campo visivo regolabile. La Q2n-4K è adatta anche per il live streaming: tramite HDMI può trasmettere il segnale a un mixer, a un monitor o ad altre destinazioni, mentre tramite USB funge da webcam ed è quindi direttamente accessibile come risorsa all’interno della funzione live streaming di YouTube e simili.

Zoom Q2n-4K

Zoom Q2n-4K

Valutazione dei clienti:
(152)

Buono a sapersi: Il fratello maggiore del Q2n, il Q8, è disponibile a soli 163 euro in più. Registra solo in HD invece che in 4K, tuttavia offre un microfono (ancora) migliore e due ingressi XLR.

Zoom Q8n-4K

Zoom Q8n-4K

Valutazione dei clienti:
(22)
MarchioZoom
DenominazioneQ2n 4K
Obiettivofisso grandangolare 
Registrazione4K su scheda micro SD
Suonomicrofono stereo integrato; ingresso jack da 3,5 mm
Uscitejack per cuffie, Micro-HDMI
Streamingmodalità webcam USB
Prezzo al dettaglio225 euro (Marzo 2023)

5. Panasonic HC-V777

A prima vista, la prima delle tre fotocamere Panasonic della nostra carrellata, sprigiona un certo fascino da “filmmaker delle vacanze” – un’impressione che però è fuorviante: la fotocamera, infatti, offre alcune interessanti funzioni aggiuntive che vengono utilizzate anche da musicisti e gruppi musicali. Ad esempio, l’ottimo stabilizzatore d’immagine o la funzione HDR: HDR è l’acronimo di “High Dynamic Range”, che significa, in breve, che in situazioni di contrasto molto elevato (ad esempio in scena) si ha una minore sovraesposizione o sottoesposizione rispetto a una fotocamera “normale”.

La fotocamera si collega ad uno smartphone o ad un tablet tramite la rete W-LAN. Questa è ormai diventata una pratica comune. Tuttavia, oltre allo scambio di file, il V777 offre un’ulteriore funzione wireless: la fotocamera del cellulare funge da fotocamera secondaria e la sua immagine viene sovrapposta a quella della fotocamera principale come “immagine nell’immagine”. In questo modo, è possibile ottenere una seconda prospettiva senza dover ricorrere ad un programma di editing o ad un mixer di immagini.

Buono a sapersi: la V777 è il punto di partenza di Panasonic per tutta una serie di fotocamere analoghe nella fascia di prezzo fino ai 1000 euro, le quali offriranno via via un numero sempre maggiore di funzioni, come ad esempio il mirino elettronico e la riproduzione in 4K.

MarchioPanasonic
DenominazioneHC-V777
ObiettivoZoom 20x
RegistrazioneHD (AVCHD) su scheda SD
Suonomicrofono surround integrato; ingresso jack da 3,5 mm
Uscitejack per cuffie, Micro-HDMI
Streamingsolo con hardware di terzi
Prezzo al dettaglio355,00 euro (Marzo 2023)

6. JVC GZ-RY980

Con la RY980 della serie Everio, JVC – nonostante l’aspetto simile – si pone un obiettivo completamente diverso rispetto a Panasonic. La videocamera 4K è (a detta del produttore) quasi indistruttibile: impermeabile, antipolvere, antiurto e utilizzabile fino a -10°. Inoltre, la videocamera è dotata di due slot per schede SD, il che consente di effettuare riprese continuative anche per periodi di tempo (molto) lunghi. Nelle sale prove più buie o sui palchi dei club, la RY980 è in grado di fornire immagini eccellenti anche in condizioni di scarsa luminosità. Con un adattatore aggiuntivo, la telecamera funziona con Wi-Fi, è controllabile da remoto e consente lo streaming direttamente su Internet.

Buono a sapersi: Il modello RY980 è quello di punta della serie Everio. C’è anche un’ampia scelta per budget più contenuti, però a questo punto l’acquirente deve rinunciare ad alcune caratteristiche: ad esempio, la RY980 è l’unica videocamera 4K della linea.

MarchioJVC
DenominazioneGZ-RY980
ObiettivoZoom 10x
Registrazione4K su due schede SD
Suonomicrofono stereo integrato; ingresso jack da 3,5 mm
UsciteMini-HDMI
Streamingpossibile con chiavetta W-LAN di terzi direttamente dal dispositivo
Prezzo al dettaglio999, 00 euro (Marzo 2023)

7. Videocamere per video musicali fino a 2000 euro: un suono potente per un’immagine valida

Coloro che acquistano una videocamera appartenente a questa fascia di prezzo dovrebbero dedicarsi all’approfondimento del funzionamento della videocamera. Questa categoria di videocamere costituisce la fascia entry-level della tecnologia professionale, ciò significa che è possibile solamente scattare, e pertanto rappresenta la soluzione peggiore. Molti modelli sono versioni ridotte di fotocamere molto più costose, e questo si riflette nell’ampia gamma di funzioni.

8. Canon XA11

Con un prezzo che supera di poco la fatidica soglia dei mille euro, la XA11 si colloca a metà strada tra il mondo dei principianti e quello dei più esperti. Sebbene ci siano molte impostazioni automatiche, avventurarsi nelle funzioni manuali è facile e divertente grazie al menù molto intuitivo. La dotazione comprende un manico smontabile. Una volta montato, ecco finalmente quello che molti lettori di questo articolo stavano aspettando: gli ingressi XLR! Due, per l’appunto.

Con due grandi potenziometri, il gain di entrambi gli ingressi può essere controllato separatamente; con un interruttore aggiuntivo, è possibile escludere l’impostazione manuale e lasciare il livellamento al sistema automatico della fotocamera. I collegamenti XLR, entrambi indipendenti l’uno dall’altro, offrono l’alimentazione phantom e possono essere convertiti in segnali di linea. Nel menù si trovano utili funzioni aggiuntive, come il limiter o la pre-attenuazione (o amplificazione) del suono, ma in genere non è necessario modificare queste impostazioni durante la ripresa.

Buono a sapersi: L’XA11 dispone di un’uscita HDMI. Se avete bisogno di un’uscita SDI, ad esempio per lo streaming live, la troverete nel modello XA15 per circa 500 euro in più. Se volete il 4K, potete acquistare la XA40/XA45 per 1500 euro. Per il resto, le quattro telecamere sono praticamente identiche.

MarchioCanon
DenominazioneXA11
ObiettivoZoom 20x
RegistrazioneHD (AVCHD) su 2 schede SD
SuonoMicrofono stereo integrato; ingresso jack da 3,5 mm; 2x ingresso XLR.
Uscitejack per cuffie, HDMI, SDI (XA15)
Streamingsolo con hardware di terzi
Prezzo al dettaglio1054,90 euro (Marzo 2023)

9. Panasonic HC-X1500

L’ultima fotocamera semi-professionale di Panasonic segue un concetto molto simile a quello della Canon, anche in questo caso con un’impugnatura rimovibile. La X1500, tuttavia, si acquista a poco meno di 250 euro. In cambio, offre una luce video integrata che può forse salvare qualche scatto nelle sale prove o nei backstage bui. Naturalmente, non è possibile illuminare un’intera sala ma almeno si risparmia una luce esterna per la telecamera. Quest’ultima registra anche in 4K a 50 fotogrammi al secondo (invece di 25 o addirittura 24 come nei modelli più economici). Come ulteriore novità, Panasonic ha dotato la X1500 di una funzione slow-motion con 100 fotogrammi al secondo. Niente impedisce di realizzare un video musicale emozionante come “Yellow” dei Coldplay. E ancora: la videocamera può collegarsi direttamente a YouTube, Facebook e simili tramite W-LAN e trasmettere in diretta.

Buono a sapersi: È possibile acquistare anche modelli leggermente perfezionati da Panasonic con un sovrapprezzo. La HC-X2000 offre un’uscita SDI (e l’impugnatura è inclusa), la AG-CX10 padroneggia i formati di ripresa professionali AVC Ultra.

MarchioPanasonic
DenominazioneHC-X1500
ObiettivoZoom 24x
Registrazione4K (HEVC) su due schede SD
Suonomicrofono stereo integrato; ingresso jack da 3,5 mm; 2x ingresso XLR (con maniglia).
Uscitejack per cuffie, HDMI, SDI (X2000)
Streamingpossibile tramite W-LAN direttamente dall’apparecchio
Prezzo al dettaglio1571,08 euro (Marzo 2023)

10. Sony HXR-NX100

La Sony è molto più ingombrante: è quasi dodici centimetri più lunga della Panasonic e fa capire in modo chiaro e inequivocabile: sono per i veri professionisti! Un’impressione che però non va presa troppo sul serio, poiché non si rivolge a un pubblico diverso da quello dei competitor di questa categoria. Tuttavia, una fotocamera più grande offre più spazio e di questo la Sony approfitta: ad esempio con le tre rotelle di regolazione sull’obiettivo. La triade di zoom, messa a fuoco e apertura può quindi essere regolata manualmente senza compromessi. Sebbene la NX100 non offra la registrazione 4K, ha un sensore 4K con una dimensione di un pollice. Ciò si nota nell’ottimo funzionamento del livello di rumore nelle scene buie, nell’elevata nitidezza e anche in un’immagine quasi cinematografica con una profondità di campo significativamente inferiore rispetto alla concorrenza. Se non volete rinunciare al 4K, scegliete la più costosa NX200.

Buono a sapersi: La fotocamera è dotata di slot per accessori con collegamenti dati incorporati. Quindi, se acquistate degli accessori Sony compatibili, sarete completamente liberi dai cavi. Questo ha senso, ad esempio, quando si utilizzano microfoni wireless. Il ricevitore viene inserito nello slot per accessori e si parte. Gli ingressi XLR restano liberi e non si rischia di rimanere aggrovigliati in cavetti adattatori per jack XLR.

MarchioSony
DenominazioneHXR-NX100
ObiettivoZoom 12x
RegistrazioneHD (XAVC S) su 2 schede SD
Suonomicrofono stereo integrato; 2 ingressi XLR
Uscitejack per cuffie, audio RCA, HDMI, video analogico
Streamingsolo con hardware di terzi
Prezzo al dettaglio1899,00 (Marzo 2023)

11. Videocamere per video musicali fino a 3000 euro: l’Oscar chiama

Non appena un due diventa un uno, le videocamere iniziano lentamente ma costantemente a riallineare il loro target di riferimento: coloro che fanno i registi per hobby non lo fanno più per gioco. Chi possiede una videocamera di questo tipo necessita di una certa varietà di funzioni e di una buona qualità dell’immagine. In questo caso, la forma si adegua alla funzione, e di solito le videocamere ne offrono a sufficienza. Chiunque abbia il coraggio di usare queste videocamere può girare video di qualità cinematografica o televisiva, a patto di avere la volontà e spesso anche la possibilità economica per acquistare potenti accessori di ripresa e hardware per l’editing.

12. Blackmagic Design Pocket Cinema Camera 6K Pro

Le videocamere con obiettivi intercambiabili sono flessibili nell’uso, tuttavia sono anche abbastanza complesse e più difficili da utilizzare rispetto ai modelli compatti all-in-one. Inoltre, c’è il costo degli obiettivi che, qualora siano di alta qualità, possono rapidamente rendere il corpo macchina la parte più economica dell’apparecchiatura. Per questo motivo le videocamere con obiettivi intercambiabili dovrebbero essere escluse da questa guida, ma per ragioni di completezza la videocamera Blackmagic dal nome lungo può costituire un’eccezione.

Come molti dispositivi Blackmagic, risulta molto facile da utilizzare grazie all’ampio schermo touch screen e grazie alla montatura dell’obiettivo EF, che è standard sulle fotocamere reflex Canon; è possibile montare sulla fotocamera anche obiettivi piuttosto economici. Il look compatto da “macchina fotografica” della Pocket Cinema Camera è tuttavia ingannevole, in quanto è dotata di ingressi XLR, formati di registrazione di alta qualità e un ottimo schermo. Il prezzo della telecamera include anche una versione completa del programma di editing e revisione del colore DaVinci Resolve. Sono disponibili migliaia di accessori presso i rivenditori specializzati e la stessa Blackmagic offre un’impugnatura per la batteria e un mirino rimovibile per migliorare ulteriormente l’ergonomia.

Blackmagic Design Pocket Cinema Camera 6K Pro

Blackmagic Design Pocket Cinema Camera 6K Pro

Valutazione dei clienti:
(47)

Buono a sapersi: per quanto riguarda la strategia di marketing, Blackmagic si è posizionata in modo simile ad Apple: una gamma completa di prodotti che si armonizzano perfettamente tra loro, tuttavia, a differenza di Apple, dall’altra parte della scala dei prezzi. Caratteristiche professionali ad un prezzo ragionevole, tuttavia coloro che hanno intenzione di diventare più professionali nella tecnologia video probabilmente raggiungeranno prima o poi i loro limiti con Blackmagic.

MarchioBlackmagic Design
DenominazionePocket Cinema Camera 6K Pro
Obiettivoobiettivo intercambiabile ( montatura EF)
Registrazione6K (ProRes o RAW) su 1 scheda CFast e 1 scheda SD o tramite USB-C su chiavetta/SSD
Suonomicrofono stereo incorporato; ingresso da 3,5 mm, 2x ingresso mini-XLR
UsciteJack per cuffie, HDMI
Streamingsolo con hardware di terzi
Prezzo al dettaglio2.699,00 euro

13. Canon XC15

Dopo questo piccolo shock culturale, torniamo a concentrarci su una videocamera con obiettivo incorporato. La Canon XC15 ha comunque un aspetto un po’ particolare ma, rispetto alla Blackmagic, assomiglia molto di più a una videocamera. Quasi per metà la telecamera è costituita da una grossa impugnatura, mentre il resto comprende l’obiettivo e un grande schermo touch screen. La telecamera è dotata di un pannello XLR che si inserisce nell’attacco diretto e aggiunge due ingressi per il suono accompagnati dalle solite impostazioni. L’obiettivo integrato ha uno zoom decuplicato.

La dotazione comprende anche un mirino posizionato sullo schermo che facilita le riprese in condizioni sfavorevoli. Le condizioni di luminosità sono agevolate. Questo è particolarmente importante per chi pensa di acquistare altre (e più grandi) fotocamere in futuro: Canon sostiene che i colori e il “look” degli scatti sono identici a quelli della ben più costosa serie C (C100, C300, C500 e C700). Quindi, in media, i diversi modelli possono essere accostati senza grandi aggiustamenti cromatici.

Buono a sapersi: l’XC15 è dotata di un sistema W-LAN integrato. Ciò significa che può essere controllata a distanza tramite tablet o smartphone, un aspetto importante se la telecamera è stata montata in un luogo poco accessibile, ad esempio su una batteria o su un cavalletto.

MarchioCanon 
DenominazioneXC15
ObiettivoZoom 10x
Registrazione4K (XF-AVC) su 1 scheda CF e una SD
Suonomicrofono stereo integrato; ingresso da 3,5 mm, 2x ingresso XLR
Uscitejack per cuffie, HDMI
Streamingsolo con hardware di terzi
Prezzo al dettaglio2.298,00 euro (Marzo 2023)

14. Panasonic AG-UX180

La UX180 è il modello principale della gamma di fotocamere semi-professionali di Panasonic e si vede: ogni desiderio immaginabile è soddisfatto: registrazione 4K, ottimo rendimento in condizioni di scarsa illuminazione, uscita SDI e, non ultimo, la riproduzione nitida dei colori tipica di Panasonic. Inoltre, a differenza di molti concorrenti in questa fascia di prezzo, la fotocamera registra su schede SD economiche; altre fotocamere di questo tipo si affidano spesso a (costose) schede CFast. I due ingressi per le schede permettono anche di attivare una funzione estremamente utile per l’utilizzo degli immancabili social media: la fotocamera può filmare in 4K su una scheda SD e in HD sull’altra.

Con le riprese a bassa risoluzione, il trasferimento dalla videocamera a Instagram, Facebook e simili – dove i video vengono comunque compressi in modo quasi irriconoscibile – non è così lungo e impegnativo dal punto di vista computazionale. Le registrazioni in 4K vengono poi utilizzate in un secondo momento per il filmato, il video musicale o l’eventuale ripresa di un concerto. Ancora un’altra caratteristica intelligente: solo una delle due prese XLR si trova sull’impugnatura. La seconda si trova sul retro della telecamera, vicino alle altre connessioni, in modo da non creare fastidio durante le riprese manuali.

Buono a sapersi: Chi utilizza il timecode per gli effetti luminosi e le basi musicali apprezzerà la connessione timecode della videocamera. È possibile utilizzarla per sincronizzare la ripresa con lo show dal vivo. A seconda del flusso di lavoro di editing, questo può far risparmiare molto tempo in post-produzione.

MarchioPanasonic 
DenominazioneAG-UX180
ObiettivoZoom 20x
Registrazione4K (MOV) su 2 schede SD
Suonomicrofono stereo integrato; ingresso da 3,5 mm, 2x ingresso XLR
Uscitejack per cuffie, HDMI
Streamingsolo con hardware di terzi
Prezzo al dettaglio3.164, 68 euro (Marzo 2023)

15. Conclusione

Per finire, vorrei ricordare che spesso una videocamera, da sola, non è tutto ciò di cui un musicista o una band hanno bisogno per sentirsi appagati in questo mondo mediatico. Così come per gli strumenti, le attrezzature da studio e per il PA, anche per la tecnologia video si può cadere in tane molto molto profonde e spendere cifre considerevoli. Treppiedi, schermi, dispositivi di streaming, luci video, cavi e altro ancora sono disponibili in tutte le forme e colori. Più grande è la telecamera, più importanti sono gli accessori.

Un consiglio: è meglio controllare il budget una volta di più che una volta di meno. Se la fotocamera appena acquistata dovesse cadere sul pavimento del palcoscenico perché il treppiede era troppo piccolo per motivi di costo, non solo sarebbe estremamente frustrante, ma anche più costoso di quanto sarebbe stato un treppiede adeguato. Una borsa o una custodia per il trasporto della fotocamera, così come degli accessori rappresentano comunque una scelta indispensabile.

16. Videocamere per video musicali: tiriamo le somme

Le videocamere presentate sono esempi di ciò che le diverse fasce di prezzo possono offrire in termini di caratteristiche e funzionalità. Nel settore video, i prodotti di marca sono sinonimo di competenza, qualità e affidabilità, mentre coloro che acquistano a basso costo e si affidano a prodotti non di marca, alla lunga non rimarranno soddisfatti. Tuttavia, se volete risparmiare, non disperate: utilizzate ciò che avete! La maggior parte delle videocamere attuali riprende video di una qualità straordinaria, per non parlare degli smartphone e dei tablet. A proposito: presto mostreremo in un workshop come filmare in modo professionale con iPhone e simili.

Quindi, prima di fare acquisti, provate comunque ciò che avete a disposizione. Le aste online offrono un’alternativa all’acquisto di prodotti nuovi. Se sapete cosa state cercando, troverete sicuramente quello che fa per voi e, con un po’ di pazienza, potrete fare ottimi affari.

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Redazione