Con l’Harley Benton DNAfx GiT Pro, il marchio di casa Thomann presenta una versione più grande del modello di successo DNAfx GiT, che già offre ai chitarristi una soluzione di simulazione e multieffetto all-in-one. Come il GiT, la versione Pro è dotata di un’ampia gamma di simulazioni di amplificatori, effetti e diffusori su base “impulse-response”, ma presenta un maggior numero di slot di memoria, più opzioni di connessione, più footswitch, più opzioni di regolazione e anche la struttura è stata sottoposta a un importante rinnovamento.

Mentre il fratello minore era ancora in gran parte di plastica, il nuovo arrivato ha un robusto alloggiamento in alluminio e sembra molto più adatto alla strada. Questo mette il nuovo arrivato in diretta concorrenza con colossi come il Line6 Helix (qui trovate la recensione), l’Headrush Gigboard o, nella fascia di prezzo più bassa, il NUX MG-30 o la serie Zoom. Le differenze di prezzo devono quindi riflettersi più che altro sul piano qualitativo. Per questo motivo, vogliamo dare un’occhiata più da vicino al DNAfx GiT Pro e verificare se l’aggiunta “Pro” nel nome, che sta per “professional”, sia giustificata.

Il design e le connessioni

Il DNAfx GiT Pro si presenta in un alloggiamento di metallo argentato con dimensioni di 34,5 x 15,5 x 5,4 cm. Questo lo distingue già dal suo predecessore, che era interamente in plastica e più stretto di quasi 10 cm.

Come il suo predecessore, la versione Pro ha sulla destra un pedale in plastica con una superficie tratteggiata, che funge da volume, wah o simili. Alla sua sinistra si trovano quattro footswitch cromati, davanti ai quali si collocano LED multicolori. Sopra di essi si trovano cinque mini manopole in plastica con attivazione a pressione, cinque pulsanti e due manopole più grandi, una delle quali è progettata come un cursore con funzione push per l’impostazione dei parametri. In mezzo alle svariate manopole si trova un display multicolore di 10,8 x 6 cm, relativamente facile da leggere anche in piedi. Tra le altre cose, vi sono visualizzati i nomi dei preset, i livelli di ingresso e di uscita e i blocchi di effetti.

Tutte le connessioni sono allineate sulla parte anteriore del pedale: otto prese jack da 6,3 mm, due prese mini-jack, un ingresso/uscita MID a 5 pin, due uscite XLR e l’ingresso USB tipo-B. Un interruttore On/Off accompagna l’ingresso per l’alimentatore da 9 V in dotazione che, secondo le specifiche del produttore, deve alimentare il prodotto con 1000 mA. Qui si trova anche un piccolo interruttore di messa a terra per eliminare eventuali problemi di ronzio. La piastra di base, anch’essa in metallo, è solidamente avvitata e presenta sei piedini in gomma che garantiscono la resistenza allo scivolamento. Nel complesso, il DNAfx è molto ben fatto e, a parte il selettore in plastica del pedale, la versione in metallo dà l’impressione di essere adatta alla strada, almeno durante i test.

La fornitura comprende l’alimentatore e un cavo USB, mentre un manuale in lingua tedesca e inglese e una guida rapida possono essere scaricati dalla pagina del prodotto dello store di Thomann (attenzione: non dal sito web di Harley Benton!). Qui si trova anche l’editor gratuito, disponibile per Windows e Mac.

Come il suo predecessore, il DNAfx GiT Pro è stato progettato come unità multieffetto da pavimento con funzione di amp modeling e simulazione di diffusori basata su IR.

In sostanza, il pedale Harley Benton offre 11 diversi blocchi di effetti, che sono: Dynamic, Wah, Distortion, Amp, Cab, FX Loop, Noise Gate, EQ, Modulation, Delay e Reverb.

Ognuno di questi blocchi offre una gigantesca selezione di amplificatori e pedali classici, per un totale di 153 effetti. Mentre il modello precedente aveva ancora amplificatori o effetti per basso o chitarra acustica, la versione Pro con il firmware attuale è dotata esclusivamente di effetti specifici per chitarra. I blocchi possono essere disposti in qualsiasi ordine.

  • DYN (Dynamic): una scelta di 2 modelli di compressore e un effetto Slow Gear.
  • WAH: 6 wah, di cui 2 auto wah
  • DS (Distortion): Il nome del blocco è certamente un po’ fuorviante, in quanto sono presenti 20 diversi modelli di boost, overdrive, distorsione e fuzz.
  • AMP: 58 modelli di amplificatori, che offrono uno spaccato variegato della storia degli amplificatori.
  • CAB (Cabinet): 31 diversi IR Cabinet più 30 slot liberi.
  • NS (Noise Gate): 2 modelli di noise gate
  • EQ (Equalizzatore): 4 tipi di EQ (tra gli altri anche per il basso)
  • MOD (Modulation): 13 diversi effetti di modulazione come chorus, phaser, flanger, pitch shifter, tremolo, ma anche vari filtri.
  • DELAY: 9 tipi di delay, tra cui analogico, ducking e stereo.
  • REVERB: 7 tipi di riverbero
  • Loop FX: Qui è possibile collegare in loop pedali di effetti esterni tramite le prese send/return stereo sul lato anteriore. Il loop può essere configurato in serie o in parallelo e i livelli di send e return sono regolabili.

L’unità effetti è dotata di 256 configurazioni di preset, tutte sovrascrivibili. Le configurazioni sono organizzate in 64 set di preset con 4 patch ciascuna, il che ha senso in quanto si dispone di quattro footswitch. Il cambio di preset avviene tramite i quattro footswitch che selezionano all’interno di un set. Il cambio di set si effettua premendo contemporaneamente gli interruttori 1 e 2 per il Bank Up e gli interruttori 3 e 4 per il Bank Down. In alternativa, è possibile utilizzare la manopola Value per scorrere tutti i preset. Infine, il volume complessivo è determinato dal controllo Master all’estrema sinistra.

L’editing

È possibile modificare i propri preset nell’editor, ma anche sull’unità con l’aiuto della manopola Select e delle cinque manopole rotanti sotto il display. Per fare questo, vado sul preset che voglio modificare e accedo al livello di editing premendo la manopola Select. Ruotando la manopola, seleziono il blocco di effetti che voglio modificare e ora ho accesso diretto ai parametri attraverso le cinque manopole di editing. Se ci sono altre opzioni al di fuori del campo visivo dello schermo, posso accedere agli altri parametri tramite i tasti freccia sinistra o destra. Se voglio cambiare la catena degli effetti, tengo premuto il pulsante Select per un breve periodo e posso posizionare ogni blocco in qualsiasi posizione. Tutto questo avviene in modo estremamente rapido e intuitivo, e chi ha un’esperienza elementare con i multisample si orienterà molto rapidamente, anche senza un manuale. Il salvataggio avviene tramite il pulsante Save.

La programmazione è ancora più semplice con l’aiuto dell’editor. Si può trovare sul sito web di Thomann ed è stato facile da installare. L’intuitività dell’hardware non si ferma al software e, anche in questo caso, tutte le funzioni sono molto chiare e facili da usare. La presentazione grafica è molto gradevole e il fatto che l’interfaccia grafica non sia adattabile è facilmente trascurabile. Il software è relativamente stabile, anche se la scheda effetti a volte si “blocca” virtualmente, tanto che è necessario riavviare il software o il dispositivo. Nell’editor, i preset possono essere modificati, rinominati, copiati e anche salvati sul computer tramite drag-and-drop. La funzione Menu consente di regolare le impostazioni di base e di accedere alle impostazioni necessarie per l’utilizzo come interfaccia audio.

Un’altra grande caratteristica di DNAfx GiT Pro è il blocco dei cabinati, progettato in modo versatile e in cui sono disponibili 31 IR di casse per chitarra elettrica. Se ciò non bastasse, è possibile utilizzare i 30 slot liberi per registrare le proprie configurazioni o quelle di terzi tramite l’editor. Anche questo processo è estremamente intuitivo: fate clic sullo slot di memoria libero e selezionate il folding dal disco rigido tramite il simbolo del dischetto.

Altre opzioni sono la scelta di valvole virtuali per finali di potenza: sono disponibili le classiche EL84, EL34, 6V6 e 6L6. Molto utili sono anche i parametri hi- e lo-cut regolabili e un parametro di ambiente che può aggiungere i componenti dell’ambiente alla cassa microfonata. Secondo il produttore, gli IR utilizzati hanno una risoluzione di 512 sample, che è certamente sufficiente per la riproduzione della maggior parte dei diffusori. Tuttavia, va detto che lo standard di riferimento è di almeno 1024 sample. Considerando il prezzo di acquisto, ritengo che il valore offerto sia ragionevole.

Tramite il menu, il blocco dei cabinati può essere disattivato globalmente per il canale destro e sinistro separatamente, il che è molto utile se, ad esempio, si vuole entrare direttamente in un amplificatore con l’uscita sinistra e suonare contemporaneamente in una DAW con la simulazione del cabinato a destra.

La modalità footswitch

Il DNAfx dispone di un livello di switching aggiuntivo in ogni preset, descritto nel manuale come “modalità footswitch”. Per accedervi è sufficiente premere nuovamente il footswitch del preset corrispondente. Se il mio preset è sul footswitch B, premo di nuovo B. Ora ho la possibilità di attivare o disattivare individualmente gli effetti liberamente assegnabili nella catena, come in una pedaliera. Posso anche impostare il tempo o inviare comandi di switching a un amplificatore esterno, collegato tramite la presa di controllo dell’amplificatore presente sul lato frontale. Ad esempio, è possibile cambiare canale o attivare il riverbero dell’amplificatore.

La funzione di controllo dell’amplificatore consente anche di selezionare liberamente l’assegnazione dei poli del cavo, cioè tip/sleeve, tip/ring/sleeve o ring/sleeve. È possibile configurare liberamente quale delle tre funzioni, Stompbox, Tap o Amp Ctrl, sia presente sugli interruttori A, B o C, mentre il footswitch D fornisce la funzione di uscita dalla modalità preset.

Il pedale d’espressione

Il pedale d’espressione offre due funzioni che possono essere commutate premendolo con decisione. Questo è molto utile se, ad esempio, si vuole convertire un pedale di volume in un wah premendolo in modalità normale. Tuttavia, il blocco wah rimane in funzione quando il pedale d’espressione è disattivato, cosa che trovo molto spiacevole, perché di conseguenza si devono usare due preset per attivare e disattivare il wah. È interessante notare che questo problema è stato risolto in modo più intelligente nel modello precedente, ma chissà cosa ci riserveranno gli aggiornamenti futuri.

Al pedale d’espressione può essere assegnata liberamente una qualsiasi funzione e il range del pedale può essere calibrato nel menu EXP.

Le opzioni di connessione

La parte anteriore dell’unità offre una grande quantità di connessioni e conseguenti opzioni di cablaggio. L’Input occupa la terza presa, quando la prima avrebbe avuto più senso. Il “Pedal 2” permette di collegare un pedale di espressione esterno, che però non può servire per il controllo del volume, ma solo per l’assegnazione di modifiche ai parametri. Tramite la presa CTRL dell’amplificatore, come già accennato, è possibile collegare un cavo alla presa di switching di canale di un amplificatore, al quale vengono inviati i comandi di switching.

Il pedale offre un loop di effetti con mandata mono e ritorno stereo, che può essere posizionato liberamente nella catena degli effetti tramite il blocco FX loop. Queste connessioni garantiscono naturalmente al DNAfx Git Pro anche la possibilità di connessione con il metodo a 4 cavi, dove ad esempio il preamplificatore di un amplificatore valvolare può essere posizionato a piacere nella catena del segnale. Le uscite sono stereo e sono disponibili sia in formato jack da 6,3 mm che XLR.

Il looper

Il looper si attiva tenendo premuto il footswitch C e garantisce un tempo di registrazione fino a 52 secondi. Le funzioni di registrazione, dub, play, stop o cancellazione del loop possono essere implementate tramite i footswitch. Nel blocco loop è inclusa anche la drum machine con 8 stili e un metronomo. Ogni stile è suddiviso in dieci sottocategorie e il tempo e il volume possono essere regolati.

L’accordatore

L’accordatore si attiva premendo l’interruttore a pedale D. La calibrazione della frequenza può essere impostata tra 430 e 450 Hz e si può anche scegliere liberamente se l’accordatore silenzia o esclude il segnale all’accensione.

Le impostazioni di sistema

Il pulsante Menu o l’icona del menu nell’editor danno accesso alle impostazioni di base, come il livello di ingresso, la modalità di uscita, la connessione USB o le impostazioni MIDI.

Qui si possono anche eseguire il reset alle impostazioni di fabbrica o i backup dei preset e il tempo, ad esempio per i delay, può essere commutato dalla modalità globale a quella individuale dei preset. La calibrazione del pedale può essere effettuata solo tramite l’hardware, motivo per cui non esiste una funzione nell’editor. Tramite “Preamp Sync” è possibile impostare se la simulazione del cabinet si sincronizza con il blocco dell’amplificatore, cioè se il DNAfx suggerisce il cabinet appropriato per il tipo di amplificatore corrispondente. La funzione è disattivata per impostazione predefinita, in modo che si debba prima cercare il cabinet ideale nel blocco cabinet.

La porta USB

Oltre all’accesso all’editor, la porta USB consente di collegare il DNAfx Git Pro a una DAW come interfaccia audio. Gli utenti di PC di solito devono utilizzare un driver Asio aggiuntivo, come Asio4All, che riconosce perfettamente il dispositivo. La registrazione non presenta problemi e tutto funziona a dovere.

Per quanto riguarda i file audio, per prima cosa suono in stereo direttamente nella mia scheda audio (RME Fireface UFX) con il DNAfx GiT Pro e da lì passo alla mia DAW (Studio One 5).

Inizio con alcuni preset di fabbrica per avere un’impressione di base della qualità del suono e della programmazione. In linea di massima, ci sono molti suoni che si presentano senza un’abbondanza di effetti e rappresentano gli amplificatori in modo riconoscibile. Se si va un po’ più avanti nei preset, si incontrano suoni più carichi di effetti, ma la maggior parte di essi è stata programmata in modo sensato e pratico. La risposta e la sensazione sono adeguate per i principianti e rientrano nella gamma di ciò che un multieffetto di questa fascia di prezzo è in grado di fare.

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni
0:00
0:00
01B US deluxe
01C US Double
04D Brit J45 CL
07D Freeman 100 OD
027D Ballad Clean
32A Fade Away
31A Wah Wah Lead

Ora è il momento di alcuni preset di mia programmazione, in cui guardo prima ai modelli di amplificatori e lascio fuori gli effetti per quanto possibile. Il funzionamento intuitivo rende un gioco da ragazzi costruire le proprie creazioni, sia sull’unità che tramite l’editor, il che ovviamente rende il lavoro molto più semplice. In sostanza, i modelli di amplificatori sono ben fatti e le caratteristiche sonore sono riprodotte con precisione.

Personalmente, sono infastidito da una certa asprezza nella gamma medio-alta e in tutta onestà va detto che sia la costruzione digitale che il prezzo sono chiaramente percepibili. I modellatori della Line6, di Kemper e di AxeFx sono nettamente superiori da questo punto di vista, ma si collocano in un segmento di prezzo completamente diverso. È interessante notare che ho avuto l’impressione personale che il più piccolo DNA fx abbia prodotto buoni risultati in modo molto più rapido e semplice. Tuttavia, esso differisce fondamentalmente dal fratello maggiore e anche l’editor sembra provenire da una categoria completamente diversa.

0:00
0:00
Clean – US Double
Clean – US double – Comp
Bassman TS
AC30
JCM800
Diezel

Per il dynamic picking, scelgo un modello Plexi e ottengo un suono ambientale tramite il parametro Room del blocco Cabinet. Questo può essere molto efficace come riverbero discreto e per me suona anche meglio degli effetti di riverbero dei blocchi di riverbero. La dinamica del DNAfx è un po’ limitata, cosa che non sorprende in questa fascia di prezzo, ma è comunque possibile lavorare con il controllo del volume della chitarra.

0:00
0:00
Dynamic Picking – Plexi

Gli effetti sono per lo più convincenti e soprattutto i blocchi di modulazione e di delay offrono un’ampia gamma di suoni validi. Nel modulo di riverbero o di drive, non tutti i modelli riescono a convincermi completamente e anche il tweaking più lungo porta a buoni risultati solo in misura limitata. Il tracciamento degli algoritmi del pitch shifter è relativamente accurato e l’octaver offre buoni risultati senza difetti.

0:00
0:00
Tremolo + Delay
Octaver + Timmy Overdrive
Phaser + Fuzz Face

Ora è il momento del blocco dei cabinet e carico i miei IR preferiti e testati in battaglia. A questo punto, va detto che la prima versione del firmware presentava alcuni problemi di suono, che sono stati giustamente criticati in alcune recensioni. Tuttavia, l’attuale firmware 1.04 (a partire da gennaio 2022) ha risolto questo deficit, in modo che gli IR di terze parti possano essere implementati con il suono corretto. Il caricamento di IR di terze parti è un gioco da ragazzi e funziona perfettamente.

0:00
0:00
IR di terze parti

Successivamente, provo l’unità in combinazione con un amplificatore reale. A questo scopo, prendo un Peavey Classic 20 top e collego il DNAfx al ritorno. Logicamente disattivo il blocco dei cabinet, anche se, come già detto, potrei naturalmente disattivarlo globalmente per tutti i preset.

0:00
0:00
Collegato all’amplificatore – Clean
Collegato all’amplificatore – Crunch

Ora collego il pedale direttamente all’input del mio amplificatore e lo regolo su un’impostazione semi-lineare:

0:00
0:00
Collegato all’input – Clean
Collegato all’input – Crunch

L’uso con un amplificatore reale mi sembra abbastanza convincente in entrambe le varianti e il risultato è chiaramente più autentico e anche più potente rispetto alla riproduzione diretta nella DAW. Naturalmente, il percorso più sensato in questo caso sarebbe quello di suonare direttamente nel finale di potenza o di utilizzare il metodo dei 4 cavi. Tuttavia, gli utenti che non dispongono di un amplificatore con loop di effetti possono utilizzare senza esitazione anche la variante DNAfx+amp.

L’Harley Benton DNAfx GiT Pro si dimostra un amp modeler e unità multieffetto versatile che, oltre a un’eccellente connettività, si presenta con un alloggiamento solido e un editor ampiamente stabile e intuitivo. In termini di suono, non bisogna aspettarsi miracoli in questa categoria di prezzo.

Dal mio punto di vista, i concorrenti sono in vantaggio e persino il fratello minore, il DNAfx, mi è sembrato un po’ più convincente. Il loader di IR funziona perfettamente con il firmware attuale e consente una maggiore varietà. La gamma di effetti è ampia e offre suoni convincenti di delay e modulazione, anche se i blocchi di riverbero e drive sono un po’ limitati. Un punto a sfavore per me è l’impossibilità di utilizzare il pedale di espressione per disattivare il blocco volume/wah e per attivare il blocco wah/wah. Questa cosa, paradossalmente, non era un problema con il fratello minore. Rimane un multieffetto economico, robusto e funzionale per i principianti, ma con chiari limiti.

Harley Benton DNAfx GiT Pro

Harley Benton DNAfx GiT Pro

Valutazione dei clienti:
(55)

Specifiche tecniche:

  • Produttore: Harley Benton
  • Nome: DNAfx GiT Pro
  • Tipo: Unità multieffetto e amp modeler
  • Paese di produzione: Cina
  • Connessioni: 2x uscite bilanciate (XLR), 2x uscite sbilanciate (jack da 6,3 mm), MIDI in/out, jack per cuffie (jack da 3,5 mm), send, 2x return (jack da 6,3 mm ciascuno), AUX in (jack da 3,5 mm), amp CTRL, pedale d’espressione (jack da 6,3 mm ciascuno), 1x USB (tipo B), ingresso alimentazione 9V
  • Controlli: Master, Select, 5 manopole cursori con funzione push
  • Interruttori: 4 footswitch, 5 pulsanti funzione
  • True bypass: no
  • Consumo di energia: 1000 mA
  • Dimensioni (L x L x A): 34,5 x 15,5 x 5,4 cm
  • Peso: 1767 g
  • Prezzo al pubblico: 298,00 Euro (marzo 2023)

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Riccardo Yuri Carlucci
Ultime pubblicazioni di Riccardo Yuri Carlucci (vedi tutte)