Con lo Strymon UltraViolet Vintage Vibe, il produttore americano si cimenta nella riproduzione digitale di un effetto vintage. Stiamo parlando del leggendario Uni-Vibe, che ha visto la luce per la prima volta alla fine degli anni Sessanta. Un aspetto decisivo per la sonorità dell’effetto Uni-Vibe è la regolazione del bias. Con l’UltraViolet Vintage Vibe è possibile configurarlo in modo diverso, in modo da ottenere ampie possibilità in termini di sonorità.

Strymon UltraViolet Vintage Vibe – in breve

  • Replica digitale del leggendario effetto Uni-Vibe
  • 3 modalità: Chorus, Vibrato e Blend
  • 3 impostazioni di bias
  • Ingressi e uscite stereo
  • Realizzato negli USA

Caratteristiche dello Strymon UltraViolet Vintage Vibe

L’Ultraviolet si presenta in un case relativamente compatto e molto robusto (68 x 115 x 56 mm/264 g) con tutte le connessioni sul lato frontale. Il pedale può essere integrato in una configurazione stereo, ma si affida comunque al dual-mono della sua emulazione del vibe. Naturalmente, l’Univibe originale aveva solo un’uscita mono. Consideriamo anche che questo effetto viene utilizzato prima dello stadio di distorsione. Tuttavia, un’uscita stereo adeguata del segnale vibe, come quella dell’Eventide Riptide recentemente testato, sarebbe stata molto interessante per sfruttare le potenzialità creative del dispositivo.
A causa del suo formato compatto, l’UltraViolet è dotato di prese TRS, motivo per cui è necessario prevedere i cavi appropriati quando lo si integra in una configurazione stereo. Un piccolo interruttore a scorrimento consente di selezionare il tipo di routing del segnale (mono in/out, mono/stereo, stereo in/out). Nella parte anteriore è presente anche uno spazio per il collegamento di un alimentatore esterno opzionale da 9 V, che deve fornire 250 mA. Gli aggiornamenti del firmware possono essere caricati mediante una connessione USB. Un altro ingresso offre la possibilità di controllo tramite pedale d’espressione o MIDI, con quest’ultimo che consente di accedere a 300 preset memorizzabili.

Tre modalità e impostazioni del bias offrono una grande varietà

L’effetto Vibe viene regolato in dettaglio tramite tre potenziometri per gestire Speed (velocità di modulazione), Intensity (profondità di modulazione) e Volume (volume di uscita). Quest’ultima opzione fornisce anche un leggero boost fino a 4 dB, se necessario. Un piccolo interruttore a levetta attiva le modalità Vibe (100 % wet), Blend (30 % wet) o Chorus (50 % wet). In questo modo si controlla il rapporto di mix tra il segnale non processato e il segnale dell’effetto, oppure si attiva solo il segnale dell’effetto. L’originale analogico si basa su un circuito in cui una sorgente luminosa incontra quattro fotoresistori, che a loro volta forniscono uno sfasamento tramite quattro filtri. L’impostazione del bias regola la luminosità della lampada, che ha un effetto decisivo sul suono. Questo spiega anche perché all’epoca non esistevano due Univibe che suonassero esattamente allo stesso modo. In breve, l’impostazione del bias influenza principalmente la forza dell’impulso e la forma d’onda della modulazione. Ascolteremo ora il suono nella prova pratica.

Setup Utilizzato

Per le registrazioni, ho posizionato il pedale davanti a un pedale amp Universal Audio UAFX Dream ’65. In termini di distorsione, mi affido completamente al Dream ’65. Ho utilizzato anche diverse chitarre e il test nella seconda parte del video vi dà un’impressione dettagliata dell’influenza dei vari parametri.

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Ecco come suona lo Strymon UltraViolet Vintage Vibe

Questo effetto può suonare in modo molto diverso nelle sue sfumature. Grazie alle tre modalità disponibili in combinazione con le tre impostazioni di bias, l’Ultraviolet offre un gran numero di sfaccettature. Di recente ho avuto modo di osservare da vicino una versione analogica di questo tipo di effetto con la DryBell Vibe Machine V-3, la cui modulazione mi sembra un po’ più profonda e dettagliata. Ma questo è molto soggettivo e dipende dai propri gusti. Come ci si aspetta da Strymon, l’UltraViolet Vintage Vibe suona comunque molto bene. Trovo particolarmente affascinanti i suoni molto pulsanti dell’impostazione low bias. Ecco alcuni esempi con vari settaggi.

L’effetto può essere utilizzato in modo meravigliosamente delicato e trattenuto, ma può anche suonare molto pulsante e coinvolgente, se necessario
0:00
0:00
Chorus Mode / Bias: Low
Vibrato Mode / Bias: Low
Blend Mode / Bias: Mid
Chorus Mode / Bias: High
Chorus Mode / Bias: Mid
Chorus Mode / Bias: High
Blend Mode / Bias: Mid
Vibrato Mode / Bias: Low

Lo Strymon UltraViolet Vintage Vibe riprende in modo molto dettagliato il leggendario effetto Uni-Vibe e, con le sue tre modalità e le impostazioni di bias virtuali, offre un ampio margine di possibilità per varie sfumature tonali. L’effetto può essere utilizzato in modo delicato e rilassato, ma può anche suonare molto pulsante e coinvolgente, se necessario. Se siete alla ricerca di un pedale uni-vibe, l’UltraViolet dovrebbe essere sicuramente nel vostro elenco.

Lo Strymon UltraViolet Vintage si distingue per l’elevata qualità del suono ed è molto versatile nonostante il suo semplice funzionamento
Strymon Ultraviolet Univibe

Strymon Ultraviolet Univibe

Valutazione dei clienti:
(5)

Specifiche Tecniche

  • Costruttore: Strymon
  • Modello: UltraViolet Vintage Vibe
  • Tipo: Pedale Uni-Vibe
  • Origine: USA
  • Connessioni: In, Out, Exp/MIDI, USB, alimentazione
  • Interruttori/manopole: Mono/stereo, Mode, Bias, Speed, Intensity, Volume
  • Dimensioni: 68 x 115 x 56 mm (LxPxA)
  • Bypass: True Bypass o Buffered Bypass
  • Peso: 264 g
  • Alimentazione: alimentatore da 9 V (non incluso)
  • Consumo di corrente: 250 mA
  • Prezzo al pubblico: 279,00 euro (novembre 2023)

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Francesco Di Mauro