Il Natale si avvicina e noi di Planet Guitar non potevamo perdere l’occasione di essere un po’ più buoni e segnalarvi i nostri articoli preferiti qualora voleste regalare o regalarvi un nuovo strumento o accessorio. Abbiamo quindi pensato di coinvolgere tutta la redazione per mettere insieme i migliori prodotti del 2023 tra quelli che abbiamo avuto il piacere di testare e quelli che avremmo desiderato avere in prova nella speranza che Babbo Natale raccolga le nostre lettere. Oggi sbirciamo la lettera di Massimo.

Caro Babbo Natale,

Ci siamo quasi: sta per arrivare quel momento speciale dell’anno che fa brillare gli occhi ai nostri figli e fa tornare anche noi genitori un po’ bambini. Anche quest’anno, come sempre, faremo il possibile per mantenere a salvo il tuo segreto. 😉

È tradizione, durante il periodo natalizio, cercare di rivedermi con amici che avevo perso un po’ di vista. Proprio l’altra sera, ho avuto il piacere di rincontrarmi con il mio vecchio amico Harley Benton, che è sempre molto -troppo- impegnato, soprattutto in quest’epoca dell’anno.

Abbiamo parlato di musica e progetti: PlanetGuitar gli piace moltissimo e mi ha parlato anche di un altro sito, www.PassioneStrumenti.it che dice di meritare più di una visita. Abbiamo parlato di strumentazione e chitarre e, ovviamente, di te: tutti e due continuiamo a vederti come una specie di eroe…per questo, parlando di eroi, quest’anno la mia lista dei desideri sarà tutta orientata a prodotti ‘signature’.

Iniziando dalle chitarre, è da quando ho conosciuto Dieter Gölsdorf, creatore delle Dusenberg, che verrei mettere le mani su uno dei loro strumenti. Le opzioni sono due. La prima è la Mike Campbell signature, mitico chitarrista degli Heartbreakers: conosci il mio amore per la musica di Tom Petty e poi anche il mio amico Max Cottafavi ne ha una, da cui riesce a tirare fuori dei toni pazzeschi.

Duesenberg Mike Campbell 40th Anniversary

Duesenberg Mike Campbell 40th Anniversary

Valutazione dei clienti:
(5)

La seconda opzione della marca tedesca è la Joe Walsh signature. Non c’è bisogno di ricordarti cos’abbia rappresentato per me la musica di Walsh e degli Eagles nel corso degli anni, vero?

Duesenberg Alliance Series Joe Walsh BK

Duesenberg Alliance Series Joe Walsh BK

Valutazione dei clienti:
(4)

Non ti nascondo che Harley mi ha preso in giro: dice che ho scelto modelli semiacustici perché ormai ho un’età e che, per il bene della mia schiena, ho optato per chitarre più ‘leggere’. Secondo lui, invece, dovrei preoccuparmi più che altro della ‘panza’ e che sarebbe meglio scegliere una sei corde (o molte di più!) per coprirla. Propone la sua doppio manico (“così puoi guardarti allo specchio e imitare Jimmy Page mentre impari l’assolo di Whole Lotta Love”). Ti dirò che non mi sembra poi così male come alternativa! Lascio a te l’ardua scelta.

Harley Benton DC-Custom 612 Cherry

Harley Benton DC-Custom 612 Cherry

Valutazione dei clienti:
(70)

Per quanto riguarda l’amplificatore, anche se non disdegnerei un ampli ‘boutique’, il PRS MT 15 Amp di Mark Tremonti credo faccia al caso mio. Mark è un gran tipo e non smette di sorprendermi, non solo per la musica dei Creed, degli Alter Bridge o della sua propria…l’hai sentito cantare i pezzi di Sinatra? Incredibilmente sorprendente. So che piace anche a te, soprattutto da quando ha lanciato il suo ultimo album, un paio di mesi fa, Mark Tremonti Christmas Classics New & Old, che contiene quel pezzo famosissimo che parla di te, Santa Claus Is Comin’ To Town. Comunque, tornando a noi, da abbinare all’ampli signature di Tremonti, Harley mi consiglia una delle casse che portano il suo nome, e avrei scelto la Harley Benton G212Plus Greenback: monta due coni Celestion ‘Made In The UK’ da paura.

PRS MT 15 Amp

PRS MT 15 Amp

Valutazione dei clienti:
(114)
Harley Benton G212Plus Greenback

Harley Benton G212Plus Greenback

Valutazione dei clienti:
(4)

Veniamo adesso ai pedali. Dopo una chiacchierata con uno dei chitarristi italiani che più mi hanno affascinato, sin dai primi anni ’90, e che spero di intervistare presto (quindi dovrai aspettare un po’ per sapere di chi si tratta), ho deciso di creare una combinazione assolutamente ‘minimal’, con un wah, un overdrive e un delay. Per l’overdrive, ho letto qui che il nuovo MXR Wylde Audio, signature di Zakk Wylde, suona che è una favola e dopo vent’anni di collaborazione come chitarrista di Ozzy Osbourne e della Black Label Society, è impossibile pensare che non sia così.

MXR Wylde Audio Overdrive

MXR Wylde Audio Overdrive

Valutazione dei clienti:
(1)

Per quanto riguarda un wahwah signature, c’è solo l’imbarazzo della scelta, dal Dunlop di Slash al Morley di Steve Vai, dal signature di Jimi Hendrix a quello di John Petrucci…ma alla fine mi sono deciso per un Dunlop Tom Morello Cry BabyWah TBM95 (e credo che bastino quattro parole per spiegare il perché della mia scelta: Rage Against The Machine).

Dunlop Tom Morello Cry Baby Wah TBM95

Dunlop Tom Morello Cry Baby Wah TBM95

Valutazione dei clienti:
(10)

E arriviamo così all’ultimo della lista, il delay. Impossibile non aggiungerlo alla catena di effetti, dopo aver letto questo articolo. La scelta, in questo caso, ricade senz’ombra di dubbio sul Keeley Andy Timmons Dual Echo. 

Keeley HALO Andy Timmons Dual Echo

Keeley HALO Andy Timmons Dual Echo

Valutazione dei clienti:
(35)

Visto che da qualche parte dovrò pur metterli questi pedali, Harley mi suggeriva la sua pedaliera Harley Benton Spaceship Power 60-B, che monta -già integrata nella stessa struttura- una batteria al litio ricaricabile con 11 uscite isolate per eliminare fastidiosi ronzii (possiede anche un’uscita per ricaricare il cellulare!).

Harley Benton Spaceship Power 60-B

Harley Benton Spaceship Power 60-B

Valutazione dei clienti:
(4)

Comunque, anche se credo di essermi comportato bene quest’anno, sai che non te ne vorrò se sotto l’albero ci saranno solo i regali per i miei ragazzi. Un loro sorriso di felicità sarà sempre il regalo più bello per me.

Ci si vede il 25 dicembre!

Massimo

*Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Massimo D’Angelo