Con l’IK Multimedia ToneX One, gli specialisti della registrazione di Modena compiono un ulteriore passo avanti. Come il suo fratello maggiore, il ToneX Pedal, il ToneX One è un lettore di acquisizione che rende disponibili i profili di amplificatori, cabinet o drive. La novità, tuttavia, è il fattore di forma estremamente compatto in un pedale di piccole dimensioni e il prezzo significativamente più basso. Voglio scoprire in questa recensione se la versione rimpicciolita del ToneX è altrettanto convincente!

IK Multimedia ToneX One

IK Multimedia ToneX One in breve

  • Riproduzione completa delle tonalità
  • 20 preset memorizzabili nel pedale e accesso a oltre 20.000 modelli di tonalità gratuite
  • Modalità dual o stompbox
  • Può essere utilizzato come interfaccia audio
  • Alimentazione 9 V/120 mA
  • Prodotto in Italia

La struttura dell’IK Multimedia ToneX One

L’IK Multimedia ToneX One si presenta in un mini alloggiamento nero che misura 95 x 46 x 53 mm. Tutti i controlli sono situati sulla parte superiore: i tre mini potenziometri dell’equalizzatore per bassi, medi e alti, possono essere utilizzati come funzione secondaria per impostare il gate, il compressore e il riverbero premendo il pulsante Alt al centro del pedale. Al centro si trova il potenziometro del volume e del gain.

Sotto di esso si trova il footswitch che, come vedremo, può svolgere diverse funzioni. Le connessioni si trovano ai lati del pedale, con l’ingresso mono a destra e l’uscita TRS a sinistra, entrambi in formato jack da 6,3 mm. L’ingresso per l’alimentatore, che deve fornire 9 V e 120 mA, si trova nella parte anteriore. Sul retro, una presa USB-C attende di essere collegata a un computer. La fornitura comprende un cavo USB e il software ToneX SE e AmpliTube 5 SE.

Funzionamento dell’IK Multimedia ToneX One

Anche il pedale ToneX One fa parte dell’“ecosistema” ToneX, composto da componenti hardware e software. Poiché il concetto di base è noto, in questa prova mi limiterò a esaminare le funzioni rilevanti per il pedale e le differenze rispetto al modello grande ToneX.

Il ToneX One può essere alimentato con ben 20 preset o “modelli di Tone”, una quantità incredibile per le sue dimensioni. Come nella versione grande, questi possono essere costituiti da uno stompbox e/o da un amplificatore e/o da un cabinet. Il footswitch consente due modalità di funzionamento. In modalità dual, è possibile passare da una preselezione all’altra e il pedale funziona più o meno come un amplificatore a due canali. In modalità stomp, il ToneX funziona come un pedale per chitarra convenzionale che si accende e si spegne. Questa modalità è utile, ad esempio, se si desidera utilizzare il ToneX con un pedale di distorsione ‘profilato’.

Va detto che il pedale non è dotato di un true bypass, per cui la conversione digitale avviene anche quando il pedale è disattivato in modalità stomp. Tuttavia, dato l’eccellente valore di latenza, ben al di sotto dei 2 ms, questo non è affatto un problema. Questo valore è ancora più basso con il candidato al test che con la sua controparte in formato pieno. Tuttavia, bisogna tenere presente che le latenze si sommano quando si utilizzano più pedali digitali. Un true bypass commutabile sarebbe certamente un’ottima opzione, soprattutto per la modalità stomp.

Le opzioni di impostazione del ToneX One sono tantissime!

Oltre ai modelli di tonalità, nel pedale sono integrati un compressore, un noise gate e un riverbero. Il software ToneX SE consente anche di selezionare cinque tipi di riverbero: Hall, Room, Plate e due riverberi a molla. Le impostazioni dell’equalizzazione e degli effetti non devono essere salvate sul ToneX grazie alla funzione di salvataggio automatico, poiché tutte le impostazioni vengono applicate immediatamente. Se si teme di regolare accidentalmente i potenziometri nella foga della battaglia dal vivo, è possibile attivare la modalità di blocco.

Nonostante le dimensioni compatte del ToneX One, è possibile effettuare un numero incredibile di impostazioni grazie ad alcune combinazioni di pulsanti. Tutte le preimpostazioni possono essere selezionate fisicamente. La modalità performance può essere impostata sul dispositivo, il cab bock può essere disattivato globalmente e il livello di ingresso può essere regolato. Il fatto che IK-Multimedia sia riuscita a integrare una funzione di accordatore in questo piccolo pedale è davvero sorprendente.

Le cuffie possono essere collegate tramite la normale uscita TRS e il ToneX One può essere utilizzato anche come interfaccia audio a 24 bit/44,1 kHz con due ingressi e due uscite. Alcuni potrebbero criticare l’impossibilità di utilizzare valori a 48 kHz o superiori. Nel mio lavoro quotidiano, tuttavia, 44,1 kHz sono sufficienti per la maggior parte delle applicazioni. Il pedale viene riconosciuto immediatamente anche dalla mia DAW Studio One 6 e tutto funziona perfettamente. Per gli utenti Windows, IK Multimedia fornisce il proprio driver ASIO sul sito web.

Il software del ToneX One è dotato di una chiara interfaccia grafica

In termini di utilizzo del pedale, tutto è estremamente intuitivo. Come per il grande pedale ToneX, non esiste un classico editor software per le preimpostazioni hardware. Tuttavia, è possibile selezionare il modello di tonalità nella finestra iniziale del software, regolare il suono e quindi visualizzare l’anteprima del tutto tramite il computer. Se necessario, è possibile impostare gli effetti e salvare il tutto come preset sul pedale tramite drag-and-drop – solo a questo punto è possibile il controllo tramite l’uscita del pedale. Anche la registrazione dei propri Cab-IR è semplice.

Per i file audio, innanzitutto collego il pedale alla mia interfaccia audio, una RME Fireface UFX, tramite l’uscita. Per verificare il suono davanti a un amplificatore reale, seleziono l’ingresso del mio Fender Bassman del ’73 e il ritorno del mio Peavey 5150. Da lì, il tutto passa alla convoluzione di un Celestion PreRola Greenback 4×12″. Le chitarre sono specificate in ogni esempio.

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Il ToneX One viene fornito di fabbrica con 20 diversi modelli di tonalità, tutti sovrascrivibili. Per prima cosa, ho provato alcune impostazioni di fabbrica per avere un’impressione di base del suono. Come per il pedale ToneX, sono disponibili rig completi composti da amplificatore e cabinet, oltre a una serie di modelli di stompbox. La maggior parte delle configurazioni di fabbrica suonano molto bene. Se ciò non bastasse, si ha anche la possibilità di consultare altri preset liberamente disponibili su ToneNET.

Nel frattempo, anche il mercato dei modelli Tone acquistabili è cresciuto notevolmente: IK Multimedia elenca sul suo sito web sia i propri profili che quelli di fornitori esterni. Per quanto riguarda il suono di base, vale lo stesso discorso fatto per il pedale ToneX o per il Kemper, ad esempio: la qualità della creazione del profilo e del modello determina il risultato finale. Se si sceglie un buon modello di Tone, il risultato è una sensazione di suono grande e diretta, proprio come per il suo fratello maggiore. Non c’è dubbio che si tratti di un modellatore top di gamma in grado di offrire qualità eccellenti. Suoni potenti, grande dinamica e un autentico suono di amplificatore caratterizzano il ToneX One.

0:00
0:00
Preset 1 – Stratocaster
Preset 3 – Stratocaster
Preset 11 – Stratocaster
Preset 6 – Les Paul
Il pedale propone 20 slot di preset ed effetti elementari come riverbero, noise gate e compressore.

Creare i propri preset è molto intuitivo

Il passo successivo è quello di realizzare le proprie creazioni. A tal fine, è sufficiente selezionare un modello di tonalità corrispondente nell’applicazione ToneX e iniziare a modificarlo. Deve essere chiaro che non abbiamo a che fare con un modellatore classico, perché il modello di tonalità selezionato definisce chiaramente la direzione di base. I controlli dell’amplificatore hanno un effetto, ma non così drastico come ci si aspetterebbe dagli amplificatori archetipici.

L’opzione di commutare l’equalizzazione molto estesa prima o dopo il profilo dell’amplificatore consente comunque di apportare alcune modifiche. Di norma, il posizionamento dell’equalizzatore dietro il modello di tono è molto più efficace. Anche i cinque riverberi sono molto pratici e possono creare sia spazi sottili che code di riverbero più ampie. Anche il noise gate funziona in modo eccellente e può aiutare a domare il rumore di fondo degli amplificatori ad alto gain. In alcuni preset è impostato in modo un po’ troppo duro per me, ma può essere facilmente modificato. Anche il compressore svolge un lavoro impeccabile e può realizzare sia impostazioni “schiacciate” che un sottile ispessimento del suono.

0:00
0:00
Clean – Stratocaster
Crunch – Stratocaster
Mid Gain – Les Paul
High Gain – Les Paul

L’integrazione dei propri profili è del tutto semplice grazie al software ToneX. Nel primo esempio, si può ascoltare il profilo autocreato di un Marshall Super Lead modificato con un overdrive Boss SD-1 collegato a monte. Il secondo file audio è stato registrato con un profilo tratto da Big Hairy Guitars di Michael Nielsen. Qui ho collegato a monte il mio J.Rockett Archer per testare l’eccezionale facilità di utilizzo del pedale.

0:00
0:00
Marshall Mod – Les Paul
Clean + J.Rockett Archer- Les Paul

Il ToneX One si rivela eccellente anche davanti a un vero amplificatore!

In linea di principio, ci sono due scenari per l’uso con un vero amplificatore: da un lato, l’uso con un modello di stompbox prima dell’ingresso dell’amplificatore, o con un rig in un amplificatore di potenza. Vorrei presentare qui entrambi i casi, per i quali ovviamente disattiverò il cabblock. Anche in questo campo di applicazione il ToneX One è convincente su tutta la linea. A mio parere, il suono guadagna persino in modo significativo dalla combinazione con veri amplificatori a valvole. Il suono acquista un po’ più di profondità e incisività, anche se bisogna tenere presente che gli amplificatori a valvole hanno naturalmente una loro particolare colorazione.

0:00
0:00
Amp Input – Gold Centaur – Les Paul
Amp Return – Marshall Plexi – Les Paul

L’IK Multimedia ToneX One è un pedale assolutamente impressionante. La funzionalità e la qualità che racchiude nel più piccolo spazio è più che sorprendente. 20 slot di preset ed effetti elementari come il riverbero, il noise gate e il compressore non lasciano praticamente spazio ad altri desideri. La possibilità di scegliere tra modalità stomp e dual rende il pedale adatto a un’ampia gamma di applicazioni. Da un lato, può segnare la fine di una pedaliera come amplificatore a due canali e, dall’altro, può essere utilizzato come distorsore convenzionale all’inizio della catena del segnale. Per quest’ultima applicazione in particolare, trovo spiacevole che non ci sia un’opzione di true bypass, perché anche quando è disattivato, la conversione ha luogo con una latenza, per quanto ammessa, molto breve. Questa è persino inferiore a quella del grande pedale ToneX.

Le opzioni di regolazione sul pedale stesso sono enormi nonostante le dimensioni compatte, ma è necessario concedersi un po’ di tempo per prendere confidenza con le varie combinazioni di pulsanti. Con una latenza così bassa, la sensazione nel playing è ovviamente molto buona e tutto è incredibilmente immediato. La qualità del suono è determinata dai profili selezionati, ma i modelli Tone di alta qualità offrono risultati eccellenti. L’utilizzo davanti a veri amplificatori o come interfaccia audio è possibile senza problemi. Oh sì, e a proposito, c’è anche un sintonizzatore a bordo. Tutte queste opzioni, unite a un prezzo così basso e alla qualità sonora offerta, rappresentano una vera sfida alla concorrenza!

IK Multimedia ToneX One

IK Multimedia ToneX One

Valutazione dei clienti:
(33)
L’IK Multimedia ToneX One è un pedale assolutamente impressionante. Pieni voti!

Specifiche Tecniche

  • Produttore: IK Multimedia
  • Modello: ToneX One
  • Tipo: Pedale per la riproduzione delle tonalità
  • Paese di produzione: Italia
  • Controlli: Volume/Gain, 3 mini-pot con doppia funzione
  • Switch: Pulsante Alt
  • Connessioni: Ingresso e uscita (jack da 6,3 mm ciascuno), presa USB-C, ingresso alimentazione
  • True bypass: no
  • Funzionamento a batteria: no
  • Consumo di energia: 120 mA
  • Dimensioni (L x P x A): 95 x 46 x 53 mm
  • Peso: 165 g
  • Prezzo: 199,00 euro (maggio 2024)

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Riccardo Yuri Carlucci
Ultime pubblicazioni di Riccardo Yuri Carlucci (vedi tutte)