Mateus Asato è certamente una delle nuove e più interessanti star del firmamento chitarristico. Pochi possiedono una gamma stilistica così ampia, unita a un grande fraseggio, abilità, musicalità e gusto impressionanti. Il giovane brasiliano ha avuto finora una carriera straordinaria, che va ben oltre la categoria di “fenomeno di internet”. Abbiamo incontrato il chitarrista al Guitar Summit 2023 di Mannheim, dove ha risposto alle nostre domande.

Indice

  1. La biografia di Mateus Asato
  2. La strumentazione di Mateus Asato
  3. L’intervista a Mateus Asato

La biografia di Mateus Asato

Mateus Asato è nato il 29 dicembre 1993 a Campo Grande, in Brasile, e ha mosso i primi passi musicali all’età di nove anni con una chitarra acustica. Appena un anno dopo, però, è passato alla chitarra elettrica, prendendo a modello soprattutto chitarristi brasiliani come Juninho Afram, Kiko Loureiro e Edu Ardanuy. In seguito, sono stati i guitar hero degli anni ’80 e ’90 come Joe Satriani, Eddie Van Halen, Paul Gilbert e John Petrucci a influenzare il suo modo di suonare.

Nel 2013 ha frequentato il Musicians Institute (GIT) di Los Angeles, dove ha posato solide basi per le sue competenze. Ben presto ha raggiunto la prima fama grazie ai video che ha pubblicato sul suo account Instagram, generando oltre un milione di follower. A differenza di molti “chitarristi di internet”, però, Mateus ha trovato presto la strada per i grandi palcoscenici ed è stato in tour come musicista di supporto per Tori Kelly, Jessie J. e, più recentemente, Bruno Mars. Nel 2019, Guitar Magazine lo ha nominato uno dei 50 giovani chitarristi più interessanti al mondo e persino John Mayer considera Asato “uno dei migliori chitarristi al mondo”.

La decisione di Asato di sospendere il suo account Instagram a febbraio con la spiegazione “Mi sono ritrovato perso tra i limiti dei video da 15 a 60 secondi” ha portato a vivaci discussioni, salvo spegnersi alla riapertura nel 2022. Il profilo di Mateus Asato è attualmente un mix variopinto di sideman, artista solista e attività in studio, oltre a contenuti didattici sotto forma di clinic.

La strumentazione di Mateus Asato

Sebbene Mateus fornisca informazioni approfondite sulla sua attrezzatura nell’intervista che segue, vorrei elencare qui alcuni punti chiave. Per quanto riguarda le chitarre, Asato si affida al costruttore americano Suhr, grazie al quale può far suoi alcuni modelli signature. Tra questi, la Classic S, una classica Superstrat, disponibile con manico in palissandro e acero. Esiste anche una serie simile alla Telecaster, composta dalla Classic T MN, dalla Classic T WH e dalla Classic T Gold Foil.

Per quanto riguarda gli amplificatori, il Suhr Badger 35 è uno dei suoi preferiti, così come gli amplificatori Bogner. Essendo un fan dichiarato dei pedali, Asato ha un gigantesco parco di effetti che cambia continuamente. Tuttavia, sembra avere una preferenza per gli overdrive, i delay e i riverberi. Oltre a produttori come Neunaber, ci Brown Amplification, 1981, e Jackson Audio ad aver personalizzato per lui un pedale signature, l’Asabi.

Suhr Mateus Asato Class S Ant RW SP

Suhr Mateus Asato Class S Ant RW SP

Valutazione dei clienti:
(2)
Suhr Mateus Asato Classic S MN BK

Suhr Mateus Asato Classic S MN BK

Valutazione dei clienti:
(2)
Suhr Mateus Asato Classic T MN BK

Suhr Mateus Asato Classic T MN BK

Nessuna valutazione del cliente ancora disponibile
Suhr Mateus Asato Classic T WH

Suhr Mateus Asato Classic T WH

Nessuna valutazione del cliente ancora disponibile
Suhr Mateus Asato Classic T WH Foil

Suhr Mateus Asato Classic T WH Foil

Nessuna valutazione del cliente ancora disponibile

L’intervista a Mateus Asato

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Qual è stata la migliore novità per te nel 2023 in termini di strumentazione?

Oh, wow, credo siano stati due pedali. Uno era “The Protein” di Brown Amplification, un overdrive, e il “LVL” di 1981.

Qual è il tuo amplificatore preferito quando si tratta di registrare?

È una domanda difficile. Sono un grande fan del mio modello Bogner Shiva 20th Anniversary. Quando registro è il mio amplificatore preferito!

Qual è il tuo amplificatore preferito sul palco?

Direi due amplificatori. Uno è il Badger 35 di Suhr, che adoro suonare! E un Matchless DC30.

Qual è il tuo pedale effetto preferito?

È un riverbero di Neunaber. Ho dimenticato il nome, ma ogni riverbero Neunaber è uno dei miei preferiti! (NdR: secondo altre interviste, Mateus potrebbe essersi riferito all’Immerse Reverbator o al Wet Reverb V5).

Preferisci i single coil o gli humbucker?

I single! Mi piace il rumore di fondo! Single coil decisamente!

Preferisci un cab microfonato o simulazioni di altoparlanti o IR?

Cab microfonato!

Cosa preferisci: monitoraggio in-ear o wedges?

Wedges! Non vado matto per gli in-ear…

Di cosa hai bisogno per creare il tuo suono?

Un buon amplificatore con una buona quantità di headroom, un pedale per il riverbero, un delay e due overdrive. Sono pronto a partire con questo!

Chi è il tuo chitarrista preferito nel 2023?

Steve Lukather!

E il tuo chitarrista preferito di tutti i tempi?

EVH, baby! Eddie Van Halen!

Qual è il tuo album preferito del 2023?

Direi che il mio album preferito del 2023 è “Screaming in the Dark” dei The Band Camino. E il mio album preferito dell’anno è quello di una band brasiliana chiamata Forfun. (NdR: purtroppo Mateus non ha rivelato il titolo esatto dell’album).

E il tuo album preferito di tutti i tempi?

Domanda difficile! Direi “Continuum” di John Mayer. Mi piace molto!

Quando parliamo di fraseggio, qual è la cosa più importante per te?

Che si racconti una storia! Naturalmente anche il “tocco” è importante, ma per me, se non si racconta una storia, tutto diventa meccanico e si trasforma in un esercizio da riprodurre.

Qual è il tuo riff preferito?

“As I am” dei Dream Theater o “In the Name of God”, la cui intro è incredibile! Ce ne sono molti che potrei citare, ma questi due mi vengono in mente così su due piedi.

Qual è la sua progressione di accordi preferita?

Quella nella tonalità di F: Bb – Bb/C – Am – Dm. Potrei suonare questa progressione per sempre!

Come affronti il tema degli “arrangiamenti accordi-melodia” delle canzoni?

In linea di principio, inizio con la melodia monofonica, la linea vocale per così dire, e la imparo per prima. Poi ci costruisco sopra, sotto forma di double stop o di accordi interi. Quindi inizio con la melodia e ascolto attentamente quello che fa il cantante, e poi gradualmente aggiungo quello che mi è più comodo suonare.

Da dove viene l’influenza neo-soul nel tuo modo di suonare?

Probabilmente è più per necessità. Fino a poco tempo fa non sapevo nemmeno cosa fosse il neo-soul, quindi sono sempre un po’ divertito quando la gente dice “Oh, wow – neo soul!”. Nemmeno io sono cresciuto con questo stile musicale, ma nel 2015 ho suonato con Tori Kelly, una cantante R&B. R&B e neo soul sono molto vicini tra loro, quindi ho ascoltato molto questo genere. Conoscendo artisti come D’Angelo o Lauryn Hill, ho poi iniziato a incorporare questo stile nel mio modo di suonare. Anche John Mayer ha un’influenza importante, quindi si tratta di un mix di tutti questi stili. Dato che suono per cantanti R&B, dovevo semplicemente imparare a suonare questo stile.

Puoi dirci qualcosa sui tuoi modelli di chitarra?

Innanzitutto, ci sono i nuovi modelli di Suhr, che io chiamo “The Twins T” (NdR: i modelli si chiamano Classic T e Classic T Gold Foil). Uno di essi ha due single coil M.A.T. ed è il mio primo modello con paletta rovesciata. L’altro modello, l’altro “twin”, ha la stessa finitura ma ha la paletta normale e due pickup Lollar Gold Foil. L’idea mi è venuta quando stavo progettando la Black T del 2020 (NdR: Mateus si riferisce alla Classic T MN) e cercavo un elemento di contrasto. I modelli sono in realtà identici, a parte la paletta e la finitura. Volevo la versione Gold Foil per avere un’atmosfera più vintage e un suono simile a quello della Gretsch che mi piace molto. Mi piacciono molto entrambe le chitarre e la cosa più bella è il neckplate con la mia faccia! [ride]

Mateus, grazie mille per l’intervista!

www.mateusasato.com

*Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Emanuele Pellegrino