Gli U2 sono senza dubbio una delle rock band più costanti e di successo di tutti i tempi e possono vantare una discografia di 14 album. Tradizionalmente, il quartetto dell’Isola di Smeraldo ha sempre fatto passare molto tempo tra un album e l’altro. Non è un bene per i fan, ma è certamente un bene per la qualità della musica.

Con un gruppo come gli U2, analizzare il sound è sicuramente utile, perché gran parte dell’altissimo valore della combo, oltre al cantante Bono, è dato dall’incomparabile suono di chitarra del chitarrista The Edge. In questo episodio del Workshop “Riprodurre il suono con i pedali” andremo a scoprire i segreti del suo sound.

Chi è The Edge?

The Edge, chitarrista del gruppo irlandese U2, si chiama in realtà David Howell Evans ed è nato a Londra l’8 agosto 1961. Durante gli anni della scuola ha imparato a suonare il pianoforte e la chitarra. Nel 1976 incontra a scuola Larry Mullen (batterista), che cercava musicisti per una band e per questo aveva affisso un annuncio in bacheca. Insieme al cantante Bono e al bassista Adam Clayton, i due formarono poco tempo dopo una band che ancora oggi suona in questa formazione e che sarebbe diventata una delle più grandi rock band della storia della musica: gli U2. Dal 1981, il quartetto ha pubblicato 14 album e non fa altro che scatenarsi nei più grandi stadi del mondo.

Discografia

CDs

1980 Boy

1981 October 

1983 War

1983 Under a Blood Red Sky (Live) 

1984 The Unforgettable Fire 

1985 Wide Awake in America (EP) 

1987 The Joshua Tree 

1988 Rattle and Hum 

1991 Achtung Baby 

1993 Zooropa 

1997 Pop 

2000 All That You Can’t Leave Behind 

2004 How to Dismantle an Atomic Bomb

2009 No Line On The Horizon

2014 Songs of Innocence

2017 Songs of Experience

DVDs

2001 U2 Go Home – Live from Slane Castle

2001 Elevation 2001 –  Live From Boston

2002 Rattle and Hum (Film documentario del 1988)

2002 The best of 1990-2000

2005 Vertigo 2005 – Live From Chicago

2006 U2: Zoo TV  – Live from Sydney 

2006 U2 18 Videos

2007 Popmart – Live From Mexico City

2007 U2 the Joshua Tree (Paris 1987)

2008 U2 Under a Blood Red Sky (Concerto del 1983)

2010 U2 360° at the Rose Bowl

2010 U2 City of Blinding Lights / Live in Buenos Aires

Che tipo di equipment usa The Edge?

Mister Evans non prende scorciatoie, soprattutto sul palco. È dell’idea che tutti i suoni debbano essere realizzati “sul palco” nello stesso modo in cui sono stati prodotti in studio. E si può immaginare che, in quasi 30 anni, la mole di lavoro svolto a livello di sound design è immensa.

Se, ad esempio, un certo overdrive è stato utilizzato per una canzone in studio, anche se solo per otto battute, allora questo pedale viene portato e utilizzato anche dal vivo per questa breve sequenza. Nessun compromesso! Ecco perché David ha dietro di sé due rack grandi come frigoriferi pieni di scompartimenti da 19″ (48,26 cm). Ovviamente, al loro interno, ci sono innumerevoli effetti a pedale. Il tutto è controllato a distanza da lui sul palco tramite un sistema di commutazione (Bradshaw o Skrydstrup).

Per sicurezza, tuttavia, anche il suo tecnico della chitarra ha un’unità di controllo nel caso in cui The Edge sia in viaggio sul grande palco e non riesca a cambiare in tempo. Anche il reparto chitarre è ampio: vengono utilizzati tutti i soliti strumenti di Fender, Gibson, Gretsch, Rickenbacker e vari altri pezzi. Le sue due chitarre preferite, tuttavia, sono quelle che possiede da molto tempo e che suona personalmente:

La Gibson Explorer del ’76 che comprò nuova da adolescente e che fu la prima chitarra usata dagli U2. Insieme a una Strat nera del 1979, che ha usato principalmente negli anni ’80 e che ha usato soprattutto al leggendario concerto di Red Rocks. È un po’ più parsimonioso quando si tratta di scegliere gli amplificatori, perché usa lo stesso Vox AC30 da più di 30 anni, a seconda del tour ne aggiunge altri, ma fondamentalmente l’AC30 è l’amplificazione di base del suono di Edge. Il seguente elenco di gear è, ovviamente, solo un estratto degli strumenti che sono stati utilizzati più frequentemente sul palco e in studio nel corso degli anni.

Quali chitarre suona The Edge?

Che tipo di amplificatori utilizza The Edge?

Quali effetti utilizza The Edge?

Effetti a rack:

  • AMS Digital Delay
  • Electrix Filter Factory
  • Eventide Ultra-Harmonizer
  • Lexicon
  • PCM-70
  • Korg A3  (2 pezzi)
  • Korg SDD3000 (3 pezzi)
  • Line 6 Pod Pro (2 pezzi)
  • Line 6 DM4 Pro (realizzato custom per The Edge)
  • TC Electronics 2290 (4 pezzi)
  • Yamaha SPX 1000
  • Custom Audio Electronics (Bob Bradshaw) Switching System
  • Skrydstrup SC1 und XT1

Pedali:

Electro Harmonix Deluxe Memory Man

Electro Harmonix Deluxe Memory Man

Valutazione dei clienti:
(75)

Il suono di base di The Edge

Per creare il suono di The Edge, tuttavia, abbiamo ancora bisogno di alcuni pedali. La questione è anche quanto vogliamo ricreare il tutto in modo fedele all’originale. Ho deciso di seguire una via di mezzo e di includere i pedali più utilizzati. Mi sono anche astenuto dall’usare lo stereo, perché la maggior parte dei chitarristi non ha due delay e due amplificatori AC30… I puristi degli U2 mi perdoneranno!  Per chiarezza, tuttavia, vorrei introdurre brevemente il circuito di base e lo scopo della versione stereo (quella originale):

Il segnale della chitarra passa attraverso gli effetti (wah, compressore, overdrive, fuzz, ecc.), viene poi sdoppiato e infine passa attraverso due delay impostati in modo diverso fino a un AC30. L’aspetto è il seguente:

                                                                                              Delay 1 > Amp 1

Chitarra > Wah > Compressore > Overdrive > Fuzz > Split Box >

                                                                                              Delay 2 > Amp 2

Naturalmente, grazie alle diverse impostazioni del delay, è possibile ottenere un suono di delay più pieno che, con l’uso di due amplificatori, si integra molto bene nel contesto della band.

Ecco la versione mono:

  • Chitarra: Stratocaster con Single Coil e/o Les Paul con Humbucker, SG
  • Wah Wah
  • Compressore *
  • Overdrive *
  • Fuzz *
  • Delay *
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

* Ogni pedale ha impostazioni diverse a seconda del brano, come vedremo dopo.

Le chitarre di The Edge

In realtà, sono necessari due tipi di chitarra principali: una con single coil e una con pickup humbucker, ad esempio una Strat e una Les Paul o SG. Se volete lavorare con una sola chitarra (o siete obbligati in mancanza di una seconda), allora vi consiglio una Strat con un humbucker al ponte, perché di tanto in tanto avete bisogno di suoni pesanti che con una single coil sono semplicemente non ricreabili.

Fender Player Series Strat PF 3TS

Fender Player Series Strat PF 3TS

Valutazione dei clienti:
(64)
Gibson Les Paul Standard 60s UB

Gibson Les Paul Standard 60s UB

Valutazione dei clienti:
(49)

Wah Wah

Un wah standard è sufficiente, non sono necessarie grandi impostazioni aggiuntive, il pedale deve solo fare bene il suo lavoro.

Dunlop Cry Baby Mini 535Q Wah

Dunlop Cry Baby Mini 535Q Wah

Valutazione dei clienti:
(36)

Compressore

Edge suona spesso armonici o ghost notes, talvolta con lo slide (bottleneck). Per dare a queste tecniche di esecuzione un suono deciso, è consigliato utilizzare un compressore. È impostato piuttosto leggero e funziona come una sorta di booster per i suoni più bassi di volume. L’MXR Dynacomp è ottimo in questo caso, viene utilizzato anche dal maestro, altrimenti sono adatti i dispositivi standard di Boss, Digitech, Line 6 come di altri produttori.

MXR Dyna comp 1976

MXR Dyna comp 1976

Valutazione dei clienti:
(321)

Overdrive

Il pedale più importante! Le diverse sfaccettature del sound sono dovute all’uso di pedali overdrive e fuzz caratteristici. La regola è: non se ne hanno mai abbastanza! Se volete ricreare tutti i diversi suoni di distorsione, dovreste pensare di acquistare un dispositivo di modeling della distorsione. Questi dispositivi ricreano i suoni di vari distorsori classici (compreso il fuzz) utilizzando le tecniche di modeling. Ad esempio possono essere utili il Boss OD-20 o il DL4 di Line 6, utilizzato anche da The Edge. Per i suoni crunch è necessario almeno un pedale overdrive, che può anche “sfrigolare” un po’, e un pedale fuzz.

Line6 DL4 MKII Delay

Line6 DL4 MKII Delay

Valutazione dei clienti:
(18)

Fuzz

Con il fuzz bisogna ottenere un suono molto ricco, deve suonare un po’ strano, ma comunque potente e deciso in un contesto di band. Il Boss FZ-5 o l’Electro Harmonix Big Muff sono adatti a questo scopo. Anche un Fuzz Face non è una cattiva scelta.

Electro Harmonix Bass Big Muff Pi

Electro Harmonix Bass Big Muff Pi

Valutazione dei clienti:
(731)

Delay

Edge utilizza diversi delay; per alcuni suoni usa un Korg SDD 3000, aggiungendo un leggero effetto chorus al segnale effettato. Questo aggiunge un po’ di ampiezza in più al suono senza confondere il segnale originale. Nella maggior parte dei delay, questo sound è chiamato “modulation delay”. Una funzione tap per il delay è fondamentale, e naturalmente anche le impostazioni memorizzabili sarebbero un vantaggio, in modo da non dover regolare il suono ogni volta. Per questo motivo, consiglio anche i dispositivi eco un po’ più elaborati di Boss (DD-20) o Line 6 (DL4).

Multieffetto

Con così tanti pedali, vale sicuramente la pena dare un’occhiata ai multieffetti, ad oggi molto convenienti e potenti. Lo Stompbox Modeller M13 di Line 6 ha tutto tranne il Wah Wah iniziale, e Boss ha immesso sul mercato un dispositivo simile con l’ME-80. Entrambi sono una raccolta di stompbox programmabili in modo piuttosto semplice. Provateli e lasciate che sia il vostro gusto a decidere.

Amplificatore

Impostate l’amplificatore su “clean”. La distorsione è data dal pedale overdrive.

Vox AC30 C2

Vox AC30 C2

Valutazione dei clienti:
(136)

Il sound delle canzoni

Vertigo

Il primo singolo estratto dall’album del 2004 “How To Dismantle An Atomic Bomb” esplode con immensa potenza dopo una breve intro e il conteggio di Bono. Il riff di chitarra e naturalmente il suono di The Edge sono decisivi in questo caso.

Riff dell’intro

Qui viene utilizzata una distorsione dal suono piuttosto sporco – un fuzz non così estremo fa un buon lavoro. Per la registrazione ho utilizzato un Big Muff.

0:00
0:00
Vertigo – Intro – Riff
  • Chitarra: Les Paul con Humbucker | Pickup al ponte | Volume: MAX | Tone: MAX
  • Overdrive: Gain: ore 9 | Tone: ore 10 | Volume: ore 11
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

Strofa 2

Nella seconda metà della seconda strofa, The Edge suona un’interessante linea con gli armonici, leggermente distorta, che ottiene la sua speciale profondità e il suo sustain grazie al delay. La quantità di effetto non è comunque molto elevata, perché l’eco serve solo a dare un po’ più di spazio al suono e in generale a renderlo un po’ più ampio, senza spingerlo in modo invadente in primo piano. The Edge padroneggia questo tipo di posizionamento della chitarra in sottofondo come nessun altro. Per rendere il suono degli armonici più deciso, viene aggiunto un compressore.

0:00
0:00
Vertigo – Intro – Verse 2
  • Chitarra: Les Paul con Humbucker | Pickup al ponte | Volume: MAX | Tone: MAX
  • Compressore: Level: ore 12 | Tone: ore 12 | Attack: ore 10 | Sustain: ore 12
  • Overdrive: Gain: ore 10 | Tone: ore 10 | Volume: ore 11
  • Delay: Time: 428 ms | Feedback: ore 11 | Level: ore 10 | ¼ a 140bpm
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

Sunday Bloody Sunday

Questa canzone è uno degli inni degli U2 degli esordi che non dovrebbe mancare in nessun concerto. Edge la suonava con la sua Strat nera, e anche in questo caso la canzone inizia con una semplice sequenza di accordi, ma suonata da Mr. Evans in modo eccelso. Già dopo le prime note di chitarra si capisce di quale canzone si tratta.

Intro/Strofa

Qui, naturalmente, il sound fa la sua parte: un leggero overdrive, in modo che suoni un po’ sporco, ma le note risultino comunque chiare e differenziate.

0:00
0:00
Sunday bloody sunday – Intro/Verse
  • Chitarra: Stratocaster con Single Coil | Pickup al ponte | Volume: MAX | Tone: MAX
  • Overdrive: Gain: ore 9 | Tone: ore 11 | Volume: ore 11
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

Pride (In The Name Of Love)

Qui Edge dimostra ancora una volta cosa si può ottenere da un pattern che si ripete. Il brano appartiene ai lavori più vecchi e proviene dall’album “The Unforgettable Fire” del 1984.

Intro/Strofa

Gli ingredienti di questo suono sono un attacco duro, un pizzico di overdrive e un delay piuttosto forte in modalità 3/16. In pratica un’impostazione simile a quella del brano “With Or Without You”, che vedremo dopo, ma con una dinamica completamente diversa. Sono richiesti ora una maggiore pressione nella plettrata e, soprattutto, un tempismo preciso al cento per cento.

0:00
0:00
Pride (in the name of love) – Dry
Pride (in the name of love) – Delay
  • Chitarra: Stratocaster con Single Coil | Pickup al ponte | Volume: MAX | Tone: MAX
  • Overdrive: Gain: ore 11 | Tone: ore 11 | Volume: ore 11
  • Delay: Time: 417 ms | Feedback: ore 10 | Level: ore 11 | 1/16 a 108 bpm
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

With Or Without You

Una canzone meravigliosamente atmosferica, con la tipica teatralità di Bono, tratta dall’album “The Joshua Tree” del 1987. Struttura semplice degli accordi e semplice groove in ottavi, ma suonata in modo eccellente con sentimento e una chitarra che all’inizio galleggia in aria, poi gradualmente atterra a tutta forza e decolla di nuovo a tutto gas.

Intro/Strofa

Nell’intro, The Edge fa uso di uno strumento usato piuttosto raramente, l’Ebow. Questo strumento viene posizionato sulle corde con la mano destra e le fa vibrare. Il risultato è una nota alta che suona all’infinito, occasionalmente si inclina sugli armonici e suona un po’ come un feedback controllabile. Gli effetti utilizzati sono un overdrive e un delay.

0:00
0:00
With or WIthout you – Intro
  • Chitarra: Stratocaster con Single Coil | Pickup al manico | Volume: ore 10 | Tone: ore 6
  • Overdrive: Gain: ore 9 | Tone: ore 11 | Volume: ore 11
  • Delay: Time: 402 ms | Feedback: ore 9 | Level: ore 14 | 3/16 a 112 bpm
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

Riff

Qui viene utilizzato un delay estremo in combinazione con un sound distorto. Il delay non deve essere impostato su Hi Cut, in modo che il suono sia davvero nitido. Viene impostato un delay di 3/16 (ottavo puntato), in modo che il segnale effettato sia quasi forte quanto quello originale. Con i vecchi delay Memory Man, al segnale effettato veniva aggiunto un effetto di modulazione (chorus). Per simulare questo suono, ho aggiunto un chorus leggero dopo il delay.

0:00
0:00
With or WIthout you – Riff Dry
With or WIthout you – Riff Delay

Nell’esempio il riff viene suonato una volta senza (Dry) e poi con il delay.

  • Chitarra: Stratocaster con Single Coil | Pickup al ponte | Volume: MAX | Tone: MAX
  • Overdrive: Gain: ore 10 | Tone: ore 11 | Volume: ore 11
  • Delay: Time: 402 ms | Feedback: ore 9 | Level: ore 14 | 3/16 a 112 bpm
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

Elevation

In questa canzone dell’album “All That You Can Leave Behind”, ad esempio, il sound è importante almeno quanto il riff, perché senza l’effetto wah-fuzz il tutto suonerebbe piuttosto insipido.

Riff

Qui, ad esempio, The Edge ha usato il suo pedale Kay Fuzz. Si tratta di un pedale degli anni ’70, una distorsione fuzz con un filtro controllato da un pedale, simile a un effetto wah. Questo pedale viene fatto salire e scendere con un movimento a ritmo di ottavi, creando così il groove tramite il filtro. Con i pedali tradizionali, quindi, questo suono può essere creato con un pedale wah, un fuzz e un octaver. In questo caso, ho posizionato il pedale wah dietro l’octaver e il fuzz.

0:00
0:00
Elevation – Riff
  • Chitarra: Les Paul con Humbucker | Pickup al ponte | Volume: MAX | Tone: MAX
  • Octaver: Direct Level: MAX | Octave Level: ore 12
  • Fuzz: Gain: ore 14 | Tone: ore 12 | Volume: ore 14
  • Wah
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

Walk On

Parliamo ora dei suoni lead alla The Edge, come è possibile ascoltare nell’intro del brano “Walk On” dall’album “All That You Can Leave Behind”. Edge suona un piccolo assolo introduttivo sulle corde alte, o meglio una melodia introduttiva che consiste in un pattern ripetuto di cinque note. Del resto, meno è meglio! Allo stesso tempo, questo pattern è così discreto che viene suonato in sottofondo anche nel ritornello. Nel gergo dei produttori, questo viene anche definito un side hook di grande successo.

Intro/Ritornello

Qui, inoltre, sentiamo il meraviglioso sound di chitarra di The Edge e notiamo come è in grado di farla letteralmente cantare. Per la base del suono, abbiamo bisogno solo di un overdrive e di un delay, che permetta alle note di sfumare in modo morbido attraverso le ripetizioni dell’eco. Ecco, dunuqe, le impostazioni:

0:00
0:00
Walk On – Intro/Ritornello
  • Chitarra: Les Paul con Humbucker | Pickup al ponte | Volume: MAX | Tone: MAX
  • Overdrive: Gain: ore 11 | Tone: ore 12 | Volume: ore 11
  • Delay: Time: 433 ms | Feedback: ore 10 | Level: ore 12 | 3/16 a 104 bpm
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

Zooropa

La canzone che dà il titolo al CD pubblicato nel 1993, che presenta una band molto incline all’elettronica. In questa fase, i quattro sperimentarono infatti molto con suoni ed effetti. Il sound della chitarra di questa canzone è di conseguenza piuttosto “futuristico”.

Intro

La canzone inizia dopo un’intro di quasi due minuti realizzata con vari collage sonori, suoni di pad atmosferici e un accompagnamento di pianoforte che si sviluppa gradualmente per poi essere ripreso dalla linea di chitarra. Sembra ci siano un sacco di effetti, ma è affatto così, perché ci sono solo un auto-wah e due delay collegati in serie ad un suono di base distorto all’inizio. È possibile creare suoni stravaganti anche con pochi effetti, basta sapere quali combinare e come impostarli. E The Edge è senza dubbio un maestro in questo! I due delay sono stati collegati in modo tale che il segnale di eco del primo fosse inviato al secondo delay. Questo crea un suono di eco molto ampio. Per l’esempio seguente, tuttavia, ho utilizzato la “versione economica” e ho collegato un solo delay.

0:00
0:00
Zooropa – Dry
Zooropa – Delay

Nell’esempio la frase viene suonata una volta senza (Dry) e poi con il delay.

  • Chitarra: Les Paul con Humbucker | Pickup al ponte | Volume: MAX | Tone: MAX
  • Touch Wah: Decay: ore 8 | Manual: ore 12 | Sens: ore 11 | Mode: Up
  • Overdrive: Gain: ore 9 | Tone: ore 11 | Volume: ore 12
  • Delay: Time: 479 ms | Feedback: ore 11 | Level: ore 13 | 3/16 a 94 bpm
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

Get On Your Boots

Arriva il primo singolo dall’album “No Line On The Horizon”. Come in Vertigo, il riff è la base della canzone.

Riff

Il maestro dei suoni distorti più inusuali presenta un’altra variante del pedale fuzz. Un suono distorto e pesante, ma che non suona sgradevole. Ciò significa che abbiamo bisogno di una chitarra humbucker e di un pedale fuzz – niente di più. Tuttavia, ho abbassato un po’ il controllo dei toni della chitarra per far suonare il tutto in modo più morbido.

0:00
0:00
Get on your boots
  • Chitarra: Les Paul con Humbucker | Pickup al ponte | Volume: MAX | Tone: ore 6
  • Fuzz: Gain: ore 13 | Tone: ore 11 | Volume: ore 12
  • Amp: setting clean | Bass: ore 11 | Middle: ore 12 | Treble ore: 12 | Presence: ore 13

*Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Edoardo Morena