Saper accordare il proprio strumento è certamente una delle abilità fondamentali che un chitarrista deve possedere. È letteralmente parte del “buon tono” e crea la premessa per fare musica in compagnia. Oltre alla possibilità di accordare solo a orecchio, il mercato offre anche una vasta gamma di accordatori che si presentano in vesti molto diverse. Qui vorrei fornirvi una piccola guida al mondo degli accordatori!

Accordatore: ecco come funziona e le tipologie

Poiché in relazione agli accordatori vengono utilizzati diversi termini tecnici, vorrei definire qui innanzitutto i termini più comuni.

Accordatori cromatici

La maggior parte degli accordatori funziona “cromaticamente”, cioè a step di semitono. Ciò significa che riconoscono tutte le 12 note della scala cromatica, il che significa che qualsiasi corda può essere accordata a qualsiasi nota. Questo è molto utile quando si utilizzano accordature che si discostano dall’accordatura standard, come le accordature drop o open. Molti accordatori, soprattutto quelli a clip, possono essere impostati su G per la chitarra, V per il violino o B per il basso. In questo caso, solo le rispettive corde dello strumento vengono riconosciute nell’accordatura abituale. Alcuni produttori offrono anche accordature speciali aperte o drop come preselezioni fisse. Tutto ciò può essere particolarmente utile per i principianti che non hanno ancora familiarità con i nomi delle corde. Tuttavia, i chitarristi più esperti dovrebbero optare per la versione cromatica.

Accordatori polifonici

Il termine “polifonico” indica che non viene riconosciuta una sola nota, ma più note contemporaneamente. Si tratta di uno sviluppo relativamente recente che si può trovare nei prodotti di TC Electronic e Korg. Qui è possibile suonare tutte le corde contemporaneamente e riconoscere immediatamente sul display quali di esse sono intonate.  

tc electronic PolyTune 3 Tuner/Buffer

tc electronic PolyTune 3 Tuner/Buffer

Valutazione dei clienti:
(980)

Accordatori strobo

Gli accordatori strobo sono tra i più precisi e solitamente più costosi sul mercato. Mentre un accordatore convenzionale misura il periodo medio della forma d’onda, un accordatore stroboscopico genera una frequenza di riferimento e poi visualizza la differenza rispetto alla corda. Alcuni accordatori consentono anche di passare dalla modalità standard a quella stroboscopica. La lettura può richiedere un po’ di tempo per abituarsi all’inizio, ma questo design è molto popolare tra i guitar tech.

Calibrazione

La maggior parte delle composizioni musicali sono accordate sulla tonalità di concerto A, che dal 1939 è di 440 Hz. Questa è certamente anche l’impostazione di fabbrica con cui vengono forniti gli accordatori. Sebbene 440 Hz definisca la cosiddetta “intonazione normale”, i musicisti orchestrali e gli accordatori di pianoforte si spingono spesso fino a 442 o 443 Hz, e talvolta anche oltre. Pertanto, se si suona spesso con pianisti, ha senso utilizzare un accordatore che consenta la calibrazione libera. Spesso si ha la possibilità di “calibrare” il tono di riferimento A tra 435 e 445 Hz. Alcuni accordatori, come quelli di D’Addario, offrono addirittura una gamma di 415 – 475 Hz.

Accordatori a clip

Questo design ha prevalso per diversi anni ed è ampiamente utilizzato. Ciò è dovuto in parte al prezzo spesso molto conveniente e alle dimensioni compatte, ma anche all’insensibilità al volume ambientale. A differenza degli accordatori a microfono, quelli a clip utilizzano sensori che captano le vibrazioni direttamente dallo strumento. Di norma, si sceglie la paletta dello strumento, perché è qui che il potenziale di vibrazione è più elevato.

Oltre ai vantaggi sopra menzionati, va menzionato come punto negativo il fatto che di solito funzionano con piccole batterie a bottone che devono essere cambiate di tanto in tanto. Chi fa un uso continuativo dell’accordatore a clip dovrebbe quindi avere una batteria di riserva. Fortunatamente, però, alcuni produttori come D’Addario o Nux sono al passo con i tempi e offrono modelli ricaricabili. Questi accordatori hanno una batteria incorporata che può essere facilmente ricaricata tramite USB. Prestate attenzione alla qualità degli accordatori a clip, poiché quelli in plastica a basso costo hanno maggiori probabilità di rompersi e i morsetti e le molle sono spesso punti di rottura classici. 

Se si suona dal vivo con un pickup, bisogna ovviamente ricordarsi di abbassare il volume della chitarra con l’accordatore a clip, se non si vuole che il pubblico partecipi al processo di accordatura. Per questo motivo, molti chitarristi preferiscono utilizzare la nostra prossima categoria: gli accordatori a pedale.

Daddario PW-CT-17BK

Daddario PW-CT-17BK

Valutazione dei clienti:
(249)
Daddario PW-CT-27 Eclipse Rechargable

Daddario PW-CT-27 Eclipse Rechargable

Valutazione dei clienti:
(4)
Daddario PW-CT-12 Micro Headstock Tuner

Daddario PW-CT-12 Micro Headstock Tuner

Valutazione dei clienti:
(1266)
Daddario PW-CT-26 Rechargable USB Tuner

Daddario PW-CT-26 Rechargable USB Tuner

Valutazione dei clienti:
(88)

Accordatori a pedale

Come suggerisce il nome, gli accordatori a pedale sono alloggiati in stompbox e possono essere elegantemente collocati sulla pedana. Vengono attivati tramite un footswitch, con il quale di solito si può decidere da soli se lo stato disattivato mette in mute la chitarra, cioè “muto”, o se il segnale viene lasciato passare. Questi accordatori sono di solito collocati all’inizio della catena degli effetti, per cui vale la pena di valutare se non debbano assumere anche la funzione di “buffer“. A mio parere personale, gli accordatori a pedale dovrebbero avere la possibilità di attivare o disattivare il buffer in modo flessibile. In questo modo, il musicista ha la possibilità di passare a buffer esterni, che a volte sono di qualità superiore rispetto ai modelli utilizzati nell’accordatore. Gli accordatori a pedale richiedono un’alimentazione propria, di solito a 9 volt.

Daddario PW-CT-23 Pedal Tuner

Daddario PW-CT-23 Pedal Tuner

Valutazione dei clienti:
(3)

Accordatori a rack

A partire dagli anni ’80, molti chitarristi hanno preferito i sistemi rack da 19″ e gli accordatori in questo formato sono stati la logica conseguenza. Come i preamplificatori o gli effetti da 19″, sono installati in un rack e hanno un display molto grande. Gli accordatori a rack offrono spesso una serie di funzioni aggiuntive, come diversi metodi di accordatura, accordatura a LED o stroboscopica commutabile e un generatore di suoni di riferimento. Poiché molti chitarristi, anche professionisti, sono passati sempre più alla pedaliera, questo tipo di accordatore è passato un po’ di moda. Inoltre, i musicisti in tournée non hanno sempre i loro rack in vista, il che rende un po’ difficile la lettura nel bel mezzo di un set.

Accordatori da tavolo e app

Gli accordatori da tavolo erano sicuramente la scelta più comune per gli hobbisti e i principianti prima degli accordatori a clip. Erano poco costosi e in alcuni casi avevano anche un metronomo integrato. Utilizzavano un microfono incorporato che registrava la frequenza delle note suonate. Sono quindi piuttosto problematici quando vengono utilizzati dal vivo, poiché il rumore di fondo può disturbare notevolmente il processo di accordatura.

La situazione è molto simile a quella degli accordatori ad app, disponibili anche in versione gratuita per smartphone o tablet. Anche in questo caso entra in gioco il microfono integrato del dispositivo mobile, il che significa che il successo del processo di accordatura dipende fortemente dal rumore ambientale. 

Conclusione

Gli accordatori di tutti i tipi sono diventati molto accessibili e il mercato è enorme. Come per molti prodotti, la decisione di acquistare un accordatore deve basarsi sulla realtà del proprio playing. Anche se personalmente ritengo che saper accordare la chitarra a orecchio sia ancora un’abilità essenziale, ci sono scenari in cui un accordatore è indispensabile. Se suonate in una band e fate molti concerti dal vivo, un accordatore a pedale è sicuramente una buona scelta. Può silenziare lo strumento e spesso funge anche da buffer. L’accordatore a clip è praticamente un “sempreverde” e ha sostituito i vecchi accordatori da tavolo o i diapason. Sono molto economici, stanno in qualsiasi tasca dei pantaloni e rendono indipendenti dal rumore. 

Contenuti Correlati

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Emanuele Pellegrino