In questo articolo vi presentiamo una guida su come costruire e assemblare una pedaliera fai da te per chitarristi. Ho una borsa nella mia sala prove e quando finisco di provare e devo andare ad un concerto, ci metto dentro i miei effetti a pedale e dato che di solito sono un po’ in ritardo, ci metto dentro tutti i cavi che trovo sul pavimento e corro via. Arrivato al locale, svuoto la borsa sul pavimento del palco e cerco di ricordare com’era la disposizione dei miei pedali. Dopo un po’ di tempo e imprecazioni sono pronto a suonare qualcosa al tecnico del suono locale ma purtroppo a quel punto è già fuori a cena, proprio come i miei colleghi della band. Mi fanno male le ginocchia. Ho fame. Non voglio più vivere così.

Introduzione 

Non ho più voglia di preoccuparmi di eventuali cavi fuori posto durante la prima canzone di un concerto. Non voglio attaccare mezzo rotolo di nastro adesivo sul pavimento del palco per far sì che i miei effetti stiano al loro posto. E a chi piace ricevere una sfuriata del frontman perché non hai suonato l’arpeggio desiderato nell’intro della canzone in corso, ma hai dovuto chiedere al bassista una batteria da 9 volt?

È giunto il momento di pensare a come organizzare tutti i pedali e i cavi che mi piace collegare tra la chitarra e l’amplificatore in modo che funzionino in modo adeguato a lungo termine. 

Ho quindi bisogno di qualcosa che di solito viene descritto con il termine inglese “pedalboard”.

Un dispositivo solido e personalizzato che garantisca un funzionamento impeccabile degli effetti; dopo tutto, una componente essenziale (ma purtroppo spesso sottovalutata!) degli strumenti del mestiere di un musicista, sia esso professionista o principiante, dal vivo o in studio.

Da qualche tempo, diversi produttori hanno riconosciuto l’esigenza di molti musicisti di avere una soluzione pratica per la pedaliera e offrono vari prodotti in questo segmento di mercato, alcuni dei quali di grande successo. Tuttavia, poiché un tale “equipaggiamento” dovrebbe essere adattato in modo ottimale alle esigenze individuali del rispettivo musicista, consiglio vivamente di prendere in considerazione di costruirsi la propria pedaliera da soli.

Le pedaliere professionali, cioè quelle costruite da esperti del settore come tecnici del suono, sono molto costose e talvolta nemmeno i professionisti possono permettersele o accedervi. In alternativa, è possibile realizzare la propria pedaliera con un po’ di bricolage, e sarete in grado di affrontare senza problemi i rischi del tour quotidiano.

Questo workshop vi mostrerà come potrete trasformare la vostra caotica pedaliera di casa in una pedaliera semi-professionale, senza troppi sforzi economici, manuali o di tempo. Insieme percorreremo il cammino dalle prime considerazioni preliminari fino ad una pedaliera completa con un setup standard. Buon divertimento!

Progettazione

Prima di tutto, di solito è opportuno porsi tre domande principali, le cui risposte costituiscono la base per il resto della progettazione:

  • Quali dispositivi voglio inserire?
  • In quale ordine deve passare il segnale dello strumento attraverso gli effetti, cioè come deve essere il percorso del segnale?
  • Qual è la disposizione perfetta dei diversi pedali sulla pedaliera in base alle mie necessità?

È importante ricordare che la disposizione dei pedali sulla pedaliera non deve necessariamente corrispondere alla loro rispettiva funzione nel percorso del segnale. In questo modo è possibile, ad esempio, attivare contemporaneamente la distorsione e il delay per gli assoli, anche se sono inseriti in punti diversi nella catena degli effetti. Ha senso anche posizionare i dispositivi di accordatura nel secondo livello, ma direttamente dopo lo strumento nel circuito del segnale, per non rendere più difficile il loro funzionamento a causa di altri effetti che potrebbero essere ancora attivi.

Si consiglia di disporre prima i pedali a terra su un foglio di cartone e di sistemarli in modo adeguato

Non appena avrete raggruppato tutti i vostri pedali preferiti e li avrete collegati in modo opportuno dal punto di vista sonoro, è consigliabile disporli su un foglio di cartone e spostarli finché non avrete trovato l’ interfaccia che più vi aggrada.  In questo modo si possono sperimentare diversi allestimenti, segnare la loro posizione con un pennarello e misurare il loro perimetro più facilmente.Successivamente, misureremo le differenze di altezza che devono essere create o adattate.

Una volta montato il tutto, è necessario assicurarsi che le connessioni dei pedali abbiano spazio sufficiente ovunque, utilizzando alcune prese jack e cavi di alimentazione. Non ci deve essere contatto diretto tra le parti, né i cavi devono essere piegati o allungati troppo, per ridurre al minimo le sollecitazioni meccaniche durante la riproduzione e il trasporto.

Ora che la struttura “architettonica” di base è pronta, si può  determinare il numero, la lunghezza e la tipologia dei cavi necessari. A questo punto è possibile misurare anche la superficie della pedaliera e le dimensioni del “secondo piano”.

Di seguito è riportata una panoramica dei pedali utilizzati nella pedaliera di esempio di questo workshop:

Dunlop Crybaby Classic GCB95 F

Dunlop Crybaby Classic GCB95 F

Valutazione dei clienti:
(196)
Electro Harmonix Small Clone

Electro Harmonix Small Clone

Valutazione dei clienti:
(512)
Boss BD-2 Overdrive

Boss BD-2 Overdrive

Valutazione dei clienti:
(575)
T-Rex Fuel Tank Chameleon

T-Rex Fuel Tank Chameleon

Valutazione dei clienti:
(347)
Lehle Little Lehle III

Lehle Little Lehle III

Valutazione dei clienti:
(21)

Il passo successivo è quello di trovare un case (o una borsa) per il trasporto adeguato. Le dimensioni interne minime necessarie sono determinate dalle dimensioni appena calcolate (larghezza/altezza/profondità).

Sul mercato dell’usato è spesso possibile trovare case relativamente economici e validi con un design professionale, in alternativa possiamo acquistarne uno nuovo ad un prezzo ragionevole. A seconda delle dimensioni desiderate, è consigliabile cercare un flight case per giradischi, tastiere o piccole console audio o luci.

Se trovate una custodia un po’ troppo grande, sfruttare lo spazio in eccesso per inserire uno scomparto per i cavi più lunghi e i pezzi di ricambio. È utile anche che tutto ciò che si trova all’interno sia già rivestito di gommapiuma.

Quando si esplora il mercato delle custodie, è generalmente consigliabile cercarne una di costruzione solida e professionale. Ciò significa che è necessario utilizzare del compensato di legno rivestito di almeno 7 mm di spessore, profili in alluminio, angoli tondi e le cosiddette chiusure “a farfalla”. Le illustrazioni per le istruzioni di costruzione di questo workshop mostrano anche come dovrebbe essere una custodia da trasporto di questo tipo.

Ecco una nota sul tema degli alimentatori:

Raccomando vivamente l’acquisto di un unico alimentatore  con uscite separate, dal voltaggio adatto alla vostre apparecchiature. Lavorare con solo batterie da 9 volt non è particolarmente sicuro ed è poco pratico, costoso a lungo termine ed ecologicamente non ideale. Sconsiglio vivamente gli alimentatori universali economici con cavi a cascata, in quanto sono spesso fonte di rumore e hanno una durata di vita estremamente limitata soprattutto nei viaggi a causa della loro costruzione. Inoltre, questi alimentatori sono spesso soggetti a sovraccarichi della corrente richiesta dai dispositivi collegati, il che porta a risultati -diciamo così – “indesiderati” in termini di suono(oltre al rischio di poter sovraccaricare i nostri pedali). È meglio acquistare qualcosa di sensato e spendere un tantino di più, che ci possa permettere una durata nel tempo estremamente maggiore.

Ora, si va al negozio di bricolage…

Istruzioni per la costruzione

L’inizio è stato fatto. Siete seduti davanti alla vostra custodia economica ma solida che il cordiale corriere ha consegnato in tutta sicurezza alla vostra porta. Avete appena preso le esatte misure interne per evitare spiacevoli sorprese poco prima della fine (“Accidenti la custodia  non si chiude!”). Inoltre, siete già orgogliosi proprietari di un alimentatore affidabile. L’unica cosa che resta da fare è procurarsi i seguenti materiali e alcuni piccoli attrezzi, che troverete anche nelle illustrazioni:

  • Pannello di legno compensato per la base della pedaliera e pannelli per sovrastrutture / pareti divisorie in legno, spessore da 15 a 18 mm, tutti già tagliati su misura nel negozio di bricolage (consiglio il legno di betulla perchè è resistente, facilmente tagliabile ed è difficile che si spezzi o si deformi nel tempo) 
  • Almeno quattro piedini in gomma per il montaggio sul retro, alti 10 mm.
  • Un metro di cinghia da 20 mm di larghezza o due maniglie a scelta
  • Carta vetrata, viti, rondelle, vernice idrorepellente, colla, nastro adesivo.
  • Un numero sufficiente di connettori jack e di cavi (al metro) per realizzare cavi patch adeguati (se non si vuole o non si sa saldare, si possono usare prodotti già assemblati). Se possibile, tuttavia, io salderei sempre da solo! Di solito è consigliabile utilizzare connettori jack angolati per risparmiare spazio. 
  • Nastro di fissaggio Dual lock del marchio 3M, larghezza circa 20 mm – o materiale analogo in quantità sufficiente.

L’elenco degli attrezzi minimi necessari è alla portata di tutti:

  • Avvitatore a batteria con punta per legno e acciaio da 4 mm, punta per avvitamento, punta a taglio e punta tonda (in alternativa, dei cacciaviti) 
  • Metro
  • Un angolo da misurazione di 90°
  • Matita, pennarello
  • Taglierino
  • Livella a bolla (se come me cercate la precisione assoluta)

Una volta che tutti i singoli componenti sono nelle vostre mani, il passo successivo è quello di avvitare insieme i pannelli di legno. L’ideale sarebbe completare prima la struttura di supporto per gli effetti sopraelevati e poi collegarla al pannello di base. Prima di avvitare le viti dovete preforare il pannello con una punta più fine delle viti che userete, e successivamente fare un foro a cono (con una punta tonda) per ospitare le teste delle viti, in modo da garantire un collegamento solido e impedire che il legno si rompa o si scheggi.

Una volta terminato il supporto, carteggiare tutti i bordi esterni. Tutto ciò che serve è un blocco di carteggiatura e carta vetrata. Se disponibile, è ovviamente più comodo carteggiare con una carteggiatrice, ma si può sempre fare alla “vecchia maniera”. La levigatura impedisce inoltre che le fibre del legno vengano strappate durante l’uso. 

Dopo che la struttura è finita e priva di polvere, è il momento di iniziare con la verniciatura. È importante utilizzare una vernice idrorepellente e rivestire anche i punti più difficili da raggiungere. In questo modo si impedisce all’umidità di penetrare nel legno. 

Mentre aspettiamo che la vernice si asciughi sulla nostra futura pedaliera, abbiamo il tempo per adattare il flight case al suo nuovo scopo. Nel nostro esempio specifico, la custodia era originariamente destinata a uno strumento per la registrazione. Pertanto, offre un po’ di spazio in più rispetto a quello effettivamente necessario alla pedaliera. C’è quindi spazio per un pratico scomparto per i cavi o per i pezzi di ricambio. Si toglie un po’ di gommapiuma dal fondo, la si taglia ai lati e si avvita un divisorio tagliato su misura e verniciato.

Nel nostro caso, quattro piedini alti in gomma sono fissati all’esterno del case. Poiché l’esperienza ha dimostrato che durante il trasporto questi piedini danno sempre fastidio (prima che si rompano), è meglio eliminarli subito: basta forare i rivetti dall’interno o svitare i piedini e l’esterno della custodia ed è di nuovo bella piatta.

Il passo successivo è la disposizione dei nostri effetti a pedale. Indipendentemente dai pedali che si vogliono montare sulla pedaliera, consiglio di utilizzare solo nastro autoadesivo ad alte prestazioni in plastica dura. Consiglio un nastro a strappo chiamato “Dual lock” del marchio 3M, è davvero imbattibile per questo tipo di lavoro. Poiché questo prodotto è protetto da brevetto, il materiale è purtroppo relativamente costoso e le alternative sono rare. Offre un’ottima tenuta durante il funzionamento e il trasporto. Inoltre, consente di mantenere una certa flessibilità nella disposizione dell’attrezzatura e in caso di incidenti. Se invece avvitate saldamente i pedali alla pedaliera, questi sono esposti in modo permanente a troppe sollecitazioni meccaniche e spesso ci vuole troppo tempo per sostituire un cavo difettoso.

Per applicare correttamente il nastro sopra descritto al nostro pannello di legno della rispettiva unità d’effetto, questa deve essere il più piatta possibile. I piedini in gomma e gli eventuali vani batteria sporgenti, non più necessari grazie alla nuova alimentazione, devono essere rimossi.

Consiglio: se nel pedale rimangono delle aperture a causa della rimozione delle parti, chiudetele dall’esterno con del nastro adesivo(consiglio quello isolante) per proteggere l’elettronica da eventuale polvere.

Successivamente premere il nastro adesivo il più possibile in senso orizzontale. Può capitare che il nastro si allenti in seguito sotto carico. In questo caso, un po’ di colla è utile. L’esperienza insegna che poi non si muove più nulla.

Dopo che la vernice sul vostro pannello in legno si è asciugata il passo successivo è il retro della pedaliera: i piedini in gomma, che dovrebbero garantire un appoggio stabile anche sui palchi più malandati, vengono rapidamente avvitati. Soprattutto gli artisti scalzi dovrebbero assicurarsi che le viti utilizzate non penetrino nella parte superiore. Poiché il compensato è estremamente rigido e quindi difficilmente si piega, quattro piedini sono del tutto sufficienti fino a una larghezza di circa 60 centimetri.

Ora, naturalmente, è necessario un metodo che permetta di sollevare la pedaliera dentro e fuori dalla custodia in modo sicuro. A tale scopo, tagliate due fasce di cinghia e fissatele a sinistra e a destra della pedaliera. A tal fine, è sufficiente inserire una vite con rondella dal basso attraverso la cinghia nel legno a ciascuna estremità. Dopo aver tagliato le strisce su misura, è necessario bruciare brevemente le estremità con un accendino per evitare che si sfilaccino. Il vantaggio decisivo rispetto a una soluzione che utilizza delle maniglie (anch’essa possibile) è il risparmio di spazio (a mio avviso inoltre le maniglie a sbalzo potrebbero rompersi facilmente).

Avendo applicato il nastro adesivo in senso orizzontale sui nostri pedali, ora è sufficiente incollare alcune strisce in senso orizzontale sulla pedaliera. In linea di massima, ad eccezione dei pedali wah-wah e volume, sono sufficienti due strisce di “Dual lock 3M” per fila. Tuttavia, dispositivi specifici come l’alimentatore centrale, che nel nostro esempio è posizionato sotto il secondo piano, devono essere fissati con strisce tagliate appositamente. È opportuno fissare questo alimentatore come primo dispositivo. Poi si forniscono le uscite con cavi DC di lunghezza adeguata.

I cavi audio dovrebbero essere costruiti, ma non voglio andare oltre lo scopo di questo articolo.

Se invece volete costruire i vostri cavi vi consiglio questo prodotto: Daddario PW-GPKIT-10 Cable Station

Daddario PW-GPKIT-10

Daddario PW-GPKIT-10

Valutazione dei clienti:
(296)

Ora è arrivato il grande momento e potete finalmente collocare i vostri fedeli pedali sulla vostra nuova pedaliera. A questo scopo, di solito procedo da destra a sinistra e collego sia i cavi di alimentazione che quelli jack prima di “incastrare” gli effetti.

Quando infine si sistemano e si fissano i pedali, è importante assicurarsi che nessun dispositivo o connettore sporga oltre il chassis e che i cavi installati non corrano il rischio di essere tirati o attorcigliati. Inoltre, se possibile, scegliete la posizione dei dispositivi di ingresso e di uscita della pedaliera in modo che i cavi dallo strumento e dall’amplificatore possano uscire dalla parte posteriore. In questo modo si possono evitare incidenti fin dall’inizio durante le esibizioni dal vivo.

Ora collegate il tutto e date una bella plettrata sulla chitarra!

La nostra pedaliera di esempio 

A questo punto vorrei parlare della nostra pedaliera di esempio. Per non complicare troppo le cose, si tratta di una configurazione relativamente ridotta. I dispositivi installati determinano la seguente catena di segnali tra strumento e amplificatore:

  • Accordatore a pedale con hard bypass, funzione mute e display LED di semplice lettura (tc electronic polytune)
  • Pedale WahWah (il buon Crybaby di Dunlop)
  • Modulation (Electro Harmonix Small Clone)
  • Pedale Overdrive (Boss blues driver)
  • Effetto delay (Boss DD-7)
  • A/B box (qui un Little Lehle, ad esempio per la commutazione tra due amplificatori)
Lehle Little Lehle III

Lehle Little Lehle III

Valutazione dei clienti:
(21)
Boss DD-8 Digital Delay

Boss DD-8 Digital Delay

Valutazione dei clienti:
(105)
Boss BD-2w Blues Driver

Boss BD-2w Blues Driver

Valutazione dei clienti:
(92)
Electro Harmonix Small Clone

Electro Harmonix Small Clone

Valutazione dei clienti:
(512)
Dunlop Crybaby GCB95

Dunlop Crybaby GCB95

Valutazione dei clienti:
(1337)
tc electronic PolyTune 3 Tuner/Buffer

tc electronic PolyTune 3 Tuner/Buffer

Valutazione dei clienti:
(978)

Ho scelto un Fuel Tank Chameleon della T-Rex come alimentatore perché è molto versatile, soprattutto per quanto riguarda le possibili tensioni di uscita.

T-Rex Fuel Tank Chameleon

T-Rex Fuel Tank Chameleon

Valutazione dei clienti:
(347)

Nel vostro caso, il posto del box A/B potrebbe ovviamente essere preso dal selettore di canale di un amplificatore. Per quanto riguarda il posizionamento dei pedali, spesso è pratico collocare sia l’ingresso che l’uscita della pedaliera sul lato rivolto verso di voi. In questo modo, e lasciando spazio sufficiente per collegare i cavi di ingresso e di uscita, si ha la possibilità di risolvere rapidamente i problemi in caso di emergenza. Inoltre, si evitano grovigli di cavi sotto i piedi e quindi inutili tensioni su materiali e nervi.

Dunlop Crybaby Classic GCB95 F

Dunlop Crybaby Classic GCB95 F

Valutazione dei clienti:
(196)
Lehle Little Lehle III

Lehle Little Lehle III

Valutazione dei clienti:
(21)
T-Rex Fuel Tank Chameleon

T-Rex Fuel Tank Chameleon

Valutazione dei clienti:
(347)
Boss BD-2w Blues Driver

Boss BD-2w Blues Driver

Valutazione dei clienti:
(92)
Electro Harmonix Small Clone

Electro Harmonix Small Clone

Valutazione dei clienti:
(512)
L’impegno economico e di tempo di lavoro viene mantenuto entro limiti gestibili

Le dimensioni del secondo livello nel nostro esempio di pedaliera sono state scelte in modo tale che, da un lato, l’alimentatore e il cavo di alimentazione si trovino comodamente al di sotto e, dall’altro, il dislivello creato in questo modo impedisce che le impostazioni della prima fila vengano inavvertitamente toccate. Al contrario, non c’è il rischio di attivare involontariamente l’accordatore e quindi di silenziare la catena del segnale.

La pedaliera è inoltre progettata in modo tale che tutti i cavi di collegamento possano uscire in un unico punto e che nessun connettore, cavo o altra parte installata internamente sporga dai bordi. Questa circostanza riduce al minimo i rischi di inciampo e protegge da connettori e prese difettose. In contrasto con il flusso dei segnali, lo Small Clone, piuttosto grande, è posizionato sul pianale all’esterno a sinistra per creare spazio al centro per i cavi DC dell’alimentatore. Inoltre, i pedali Boss adiacenti (distorsione e delay) permettono al nostro chitarrista fittizio di richiamare il suo sound da solista di attivarli contemporaneamente con un piede. Il pedale wah-wah sul lato destro è sufficientemente distante dal resto della configurazione, essendo il dispositivo più sollecitato meccanicamente, riceve anche una porzione extra di nastro adesivo.

Le maniglie di cinghia sono abbastanza lunghe da permettere di riporre la pedaliera nella custodia con un semplice movimento della mani. L’imbottitura interna evita che le parti rigide urtino l’una contro l’altra durante il trasporto: corde, cavi, pezzi di ricambio o simili trovano posto nello scomparto ricavato nella custodia. Nel complesso, questo tipo di autocostruzione consente di assemblare e smontare in modo rapido e sicuro e di trasportare tutte le singole parti in modo comodo e non dannoso. Le dimensioni e il peso netto di questa pedaliera consentono persino di portarla come bagaglio a mano in aereo (a condizione che si prenoti una compagnia aerea che lo permetta).

Di tanto in tanto si vedono pedaliere che sono saldamente attaccate al fondo della rispettiva custodia. A prima vista, sembra una soluzione pratica, del tipo “togli il coperchio e vai!” Tuttavia, poiché con una simile struttura tutti gli impatti provenienti dall’esterno si ripercuotono direttamente sui dispositivi montati all’interno, consiglio di separare la pedaliera e il case l’uno dall’altro.

E ora una parola sui costi economici e di manodopera: Supponendo che abbiate già tutti gli strumenti necessari, per i cavi patch e un buon alimentatore, dovrete pagare circa 125,00€. Purtroppo, il nastro sigillante a pressione che consiglio costa circa € 5,00 al metro, il che non è poco. Per andare sul sicuro, ipotizziamo un bisogno di 6 metri, pari a 30,00 €. Continuiamo con il legno tagliato per 13,00 euro e un metro di cinghia al prezzo di 1,00 €. Per i materiali di ferramenta come viti, rondelle, fascette, vernice e carta vetrata, ipotizziamo generosamente un importo di 30,00€. È possibile acquistare un flight case sul mercato dell’usato per circa 50,00 €.

In sintesi, come appassionati e ambiziosi compositori di musica, dovreste rendervi conto di quanto segue: Investite una quantità relativamente piccola di denaro e qualche ora del vostro tempo. Il risultato, però, è un guadagno molte volte superiore sotto entrambi i punti di vista. Sarete meno irritati,avrete meno, finirete la costruzione più velocemente, le ginocchia non faranno più male così rapidamente, potrete andare a mangiare, e se tutto va bene, vi divertirete di più.

Conclusioni

Per motivi di semplicità, la nostra pedaliera d’esempio è stata costruita in modo piuttosto semplice e generico. Nei singoli casi, tuttavia, non ci sono limiti alla vostra creatività. A seconda delle vostre esigenze personali e del vostro equipaggiamento, ci sono una moltitudine di possibili modifiche e dettagli che possono aiutarvi sul palco. Esempi comuni sono, oltre a effetti molto più numerosi e stravaganti, l’integrazione di interruttori di canale per gli amplificatori, trasmettitori, D.I. box per le chitarre acustiche, illuminazione a LED, amplificatori buffer per compensare lunghe tratte di cavi e molto altro ancora.

Non bisogna quindi sottovalutare il pericolo di accumulare più configurazioni di quelle che si è in grado di padroneggiare. La tecnica non è fine a se stessa. Serve ad aiutarvi ad esprimervi nel modo in cui preferite. In modo ottimale, tutta la vostra attenzione deve essere rivolta alla canzone che state suonando e alle persone per le quali e con le quali state facendo musica.

Questo era il modo più semplice per ottenere una pedaliera di effetti personalizzata.

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Leonardo Maschio