La Sire Larry Carlton H7 è il modello semiacustico dell’attesissima nuova serie di chitarre, progettata secondo le specifiche della leggenda della fusion Larry Carlton. Grazie alla collaborazione con Marcus Miller, il produttore indonesiano Sire Guitars ha fatto scalpore nella community dei bassisti dal 20 16, con i suoi strumenti dal prezzo accessibile e dal suono eccellente.

Con Larry Carlton Sire Guitars è riuscita a conquistare un altro importante musicista, non a caso soprannominato Mr. 335, dato che nel corso della sua carriera ha suonato spesso l’omonimo modello Gibson. Le aspettative sono ancora più alte per la prima chitarra che abbiamo ricevuto in prova, perché anche questo modello è in vendita ad un prezzo sorprendentemente contenuto. Il nostro test vi svelerà quanta “semi-acustica” si ottiene in termini di qualità.

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Dotazione di fabbrica

La Sire Larry Carlton H7 viene venduta in una semplice scatola di cartone, ornata dall’effigie dell’omonimo chitarrista. La chitarra viene fornita senza borsa, cosa non insolita per questa fascia di prezzo, ma sono presenti gli immancabili accessori per la regolazione. Il produttore propone anche una gig bag opzionale sul suo sito web. A un primo esame, la chitarra, con il top in acero fiammato in finitura sunburst, fa un’impressione molto chic e sembra ben fatta. Solo a un esame molto ravvicinato il binding sul manico mostra piccole imperfezioni nel passaggio alla tastiera. Il nostro esemplare di prova pesa poco meno di quattro chili, il che non lo rende uno dei modelli più leggeri del suo genere, ma è comunque nella norma.

Il body

Il body della Sire Larry Carlton H7 presenta gli ingredienti classici e collaudati del modello ed è realizzato in acero. Come già detto, le venature dell’archtop sono davvero belle da vedere. Il modello è disponibile in Vintage Sunburst. In alternativa, la chitarra è disponibile anche nelle finiture See Through Red e Cherry Sunburst. Un’altra caratteristica tipica è la possibilità di bloccare il sustain, che riduce la suscettibilità al feedback a volumi più alti, motivo per cui questo tipo di modello è molto apprezzato anche dai chitarristi rock. Il doppio cutaway è leggermente più arrotondato rispetto al modello storico.
Per amor di precisione, va anche detto che le “orecchie di Topolino” di Gibson erano ancora più larghe e rotonde nei primi anni di produzione. Il design double cutaway della Sire Larry Carlton H7 mi ricorda più i modelli successivi di Ibanez. A parte questo, Sire non rinuncia all’immancabile battipenna, che, in combinazione con il binding color crema, sottolinea l’aspetto classico dello strumento.

Il manico

Anche il manico incollato rimane fedele all’approccio classico ed è realizzato in mogano. La tastiera è in ebano, con 22 tasti medium jumbo ben posizionati e un raggio di 12″. Il profilo del manico a C, con i bordi della tastiera discretamente arrotondati, lo rende davvero molto morbido in mano. Tra un attimo ne parleremo meglio. La lunghezza della scala è tipicamente di 24,75″ (628 mm) e la larghezza del capotasto misura 40 mm, il che corrisponde agli storici modelli ES-335 del 1966 circa.

L’elettronica e l’hardware

I due humbucker, provenienti dalla produzione Sire, sono stati regolati secondo le richieste di Larry Carlton e sono quindi denominati Larry Carlton Vintage Humbucker. Come di consueto, sono disponibili un selettore a tre posizioni e due potenziometri di volume e tono per la regolazione tonale dei pickup. L’intero hardware è cromato e proviene anch’esso dalla produzione dell’azienda. Nel dettaglio, troviamo un classico ponte Tune-O-Matic con stopbar e le meccaniche del modello Sire Premium Diecasting.

Essendo un grande appassionato di chitarre elettriche semiacustiche e del modo di suonare di Larry Carlton, sono molto curioso di vedere cosa mi aspetta con la Sire Larry Carlton H7. Come immaginavo, la chitarra fa già una buona impressione quando la suono per la prima volta. Ho già menzionato il peso di quasi 4 kg, leggermente più elevato del solito. È vero anche che i modelli semiacustici più leggeri possono tendere ad essere sbilanciati sulla tracolla. Il peso del nostro modello di prova, tuttavia, fa sì che la chitarra sia perfettamente bilanciata sulla tracolla, per cui il peso maggiore diventa un fattore meno percepibile in questa situazione.

Per il resto, il setup della Sire Larry Carlton H7 è ben riuscito e consente una suonabilità facile e fluida. I bordi discretamente arrotondati della tastiera non possono essere dimenticati, in quanto offrono una sensazione molto piacevole quando si impugna il manico. Il set di corde 010-046 montato in fabbrica consente un uso versatile dello strumento.

Larry Carlton tuttavia suona corde in calibro 010-052, cioè con corde più spesse per i bassi, che ho adottato personalmente qualche tempo fa sui miei modelli semiacustici e che ho imparato ad apprezzare. Nel suono acustico di base, la chitarra appare relativamente brillante e vivace. Già a questo punto si può notare la differenza rispetto ad alcuni modelli ES di fascia alta, che suonano leggermente più rotondi, morbidi e legnosi.

Ora è finalmente giunto il momento di ascoltare la chitarra amplificata. Per le registrazioni, è pronto un trio classico composto da un Fender Silverface Bassman del ‘74 per i suoni puliti e da un Vox AC15 e un Marshall Mini Silver Jubilee per i suoni distorti. Tutti i segnali passano attraverso un box Universal Audio OX per le simulazioni dei diffusori e vengono poi registrati attraverso un’interfaccia Universal Audio Apollo.

Iniziamo dal canale pulito, con un primo esame delle tre posizioni dei pickup.

0:00
0:00
Clean: tutte e tre le posizioni
I pickup della Sire Larry Carlton H7 conferiscono a questo strumento un suono arioso e trasparente

È un piacere sentirla! Larry Carlton, apprezzato per il suo suono raffinato, è stato evidentemente in grado di contribuire con la sua esperienza anche in questo caso. I pickup hanno una certa brillantezza che non suona mai tagliente, ma che conferisce anzi al suono complessivo un aspetto arioso e trasparente.

Allo stesso tempo, questo assetto assicura che il pickup al manico sia voluminoso, ma non corra il rischio di esaltare eccessivamente il range dei bassi. Mi ha colpito soprattutto la posizione centrale con entrambi gli humbucker. Con questo suono, la chitarra può davvero reggere il confronto con la musica pop nelle più diverse situazioni.

Ancora una volta, diventa chiaro perché la 335 sia stata un ospite gradito in così tanti studi nel corso dei decenni. Come prevedibile, la chitarra si trova naturalmente a suo agio anche in un contesto jazz. Qui vale la pena di abbassare un po’ i toni. Ascolteremo ora altri tre esempi di suonato con il canale pulito.

0:00
0:00
Campioni audio: Jazz (pickup al manico con toni leggermente chiusi
Smooth Funk (entrambi i pickup + compressore)
Funk Chords (entrambi i pickup)

Quando l’amplificatore inizia a distorcere, è il momento di dare un’occhiata più da vicino al pickup al ponte. Anche in questo caso, la chitarra suona davvero bene. Soprattutto con i suoni a basso e medio gain dell’amplificatore Vox, l’orientamento tonale della chitarra è davvero convincente.

Con la Sire Larry Carlton H7 si può in ogni caso fare anche rock. Per le situazioni di high gain, i pickup potrebbero avere bisogno di un po’ più di mordente, ma non è la specialità di questo modello e quindi questo non deve essere inteso come una critica.

Ecco due esempi a testa per il distorto con amplificatore Vox e Marshall.

0:00
0:00
Overdrive: Powerchord-Riffing (pickup al ponte)
Overdrive: Dynamic Fingerpicking (pickup al ponte)
Overdrive: Blues Rock (pickup al ponte)
Overdrive: Heavy Rock (pickup al ponte)

Infine, ascolteremo un breve brano di esempio suonato con la chitarra. Anche in questo caso ho utilizzato l’amplificatore Fender.

Per la chitarra ritmica ho usato anche un pedale Dunlop Cry Baby Wah. Per quanto riguarda la chitarra solista, ho utilizzato un pedale MXR Dyna Comp posizionato davanti all’amplificatore.

0:00
0:00
brano esempio Sire Larry Carlton H7

Missione compiuta! Nonostante il prezzo relativamente basso, la Sire Larry Carlton H7 si rivela una chitarra elettrica semiacustica autentica, molto suonabile e dal bell’aspetto. Particolarmente degni di nota sono i pickup, regolati con gusto. Se siete alla ricerca di un modello di questo tipo, dovete assolutamente provare la Sire Larry Carlton H7!

La semiacustica Sire Larry Carlton H7 è autentica e dotata di pickup dal suono fantastico: suonatela!!!
Larry Carlton H7 VS

Larry Carlton H7 VS

Valutazione dei clienti:
(30)

Specifiche tecniche:

  • Produttore: Sire Guitars
  • Modello: Larry Carlton H7
  • Tipo: Chitarra elettrica (Semi-Hollow)
  • Paese di origine: Indonesia
  • Finitura: Vintage Sunburst
  • Top: acero fiammato
  • Retro e parti laterali: acero
  • Manico: Mogano
  • Profilo del manico: C-Shape
  • Tastiera: Ebano
  • Raggio della tastiera: 12
  • Tasti: 22 tasti medium jumbo
  • Lunghezza scala: 24,75″ (628 mm)
  • Pickup: 2x Larry Carlton Vintage Humbucker
  • Controlli: 2 potenziometri del volume, 2 potenziometri dei toni, selettore a tre posizioni
  • Hardware: Hardware cromato, meccaniche Sire Premium Diecasting, ponte Sire Standard Tune-O-Matic con stopbar
  • Peso: 3,99 kg
  • Prezzo al pubblico: € 658,00 (marzo 2023)

*Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Riccardo Yuri Carlucci
Ultime pubblicazioni di Riccardo Yuri Carlucci (vedi tutte)