Il chorus è un vero e proprio tuttofare tra gli effetti di modulazione. Nelle produzioni, può essere utilizzato su quasi tutti gli strumenti e persino sulle voci, quando si tratta di aggiungere una brillantezza distintiva o un carattere speciale ai brani. Anche se questo effetto è stato considerato obsoleto e addirittura criticato dopo il suo uso eccessivo negli anni ’80, da qualche tempo sta tornando in auge. Vorrei mostrarvi cosa possiamo fare noi chitarristi con un pedale chorus!

Funzionamento e potenziometri di un pedale chorus

Poiché abbiamo già dedicato un articolo a Chorus Phaser e Flanger, vorrei riassumere brevemente il funzionamento di questo effetto. Come il phaser o il flanger, anche il chorus è un effetto di modulazione. Il segnale originale viene prima diviso e la parte divisa viene modulata con un LFO. Viene poi aggiunto nuovamente al segnale dry con un ritardo compreso tra 5 e 25 circa. Per inciso, il segnale “wet” elaborato fornisce da solo il cosiddetto effetto “vibrato”, su cui torneremo più avanti. In breve: se si aggiunge un vibrato ritardato a un segnale dry, si ottiene il chorus! Molti pedali chorus se la cavano benissimo con due soli controlli, Rate e Depth.

Il potenziometro Rate, talvolta etichettato anche come Speed, controlla la velocità della modulazione LFO. Il potenziometro Depth o Width, invece, determina la profondità della curva dell’LFO. Le impostazioni basse producono una modulazione sottile, mentre quelle alte intensificano l’effetto. I pedali chorus più completi offrono anche un controllo di mix che regola continuamente le proporzioni tra il segnale vibrato e quello dry. I controlli lag o delay sono meno comuni. Questi hanno un’influenza sullo sfasamento temporale tra il segnale modulato e quello dry. Di seguito è possibile scoprire cosa si può fare con questi controlli. Le impostazioni esatte e il Chorus utilizzato sono riportati nel video:

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Picking Puliti anni ’80

Cosa sarebbero gli anni ’80 senza il Chorus! Non c’era praticamente nessuna hit che ne fosse priva e quasi tutti i chitarristi di studio avevano uno o addirittura più effetti di chorus nel loro rack. Per ottenere il tipico suono pulito degli anni ’80, è possibile impostare il Rate e il Depth sulle posizioni centrali e regolare le piccole sfumature a proprio piacimento. La verità, tuttavia, è che la maggior parte dei chitarristi aggiungeva un compressore e un po’ di delay o riverbero in quel periodo. Qui di seguito potete ascoltare entrambe le opzioni: il picking pulito con il solo chorus e poi con gli ingredienti aggiuntivi.

0:00
0:00
Chorus anni '80
Chorus anni '80

Rotary-Effect

Il pedale del chorus può essere utilizzato anche per creare eccellenti suoni rotativi. Si tratta dell’effetto prodotto da un altoparlante rotante, come ad esempio i cabinet Leslie. Anche se questa cassa è stata progettata per gli organisti, è stata presto apprezzata da chitarristi come John Scofield, Stevie Ray Vaughan e Paul Kossoff. Per l’effetto rotativo, è necessario ruotare la manopola Speed o Rate al massimo e poi impostare la Depth in base ai propri gusti. In questo modo è possibile creare eccellenti suoni di “finto organo” con la chitarra

0:00
0:00
Rotary-Effect

Chorus-Stacking

L’idea di utilizzare più di un pedale chorus non è del tutto nuova. Dytronics ne ha addirittura combinati tre con il Tri Chorus, ma erano disposti in parallelo e posizionati di conseguenza nell’immagine stereo. Questo non è realmente fattibile su una pedaliera con tre pedali singoli e una configurazione mono.

Tuttavia, è possibile creare suoni di chorus del tutto inaspettati anche “impilando”, cioè commutando due pedali in serie. A tal fine, è consigliabile impostare entrambi i chorus a velocità di modulazione leggermente diverse, che possono quindi sommarsi e intrecciarsi. Qui si possono ascoltare prima entrambi i pedali da soli e infine la combinazione.

0:00
0:00
Chorus Stacking – Chorus 1 da solo
Chorus Stacking – Chorus 2 da solo
Chorus Stacking – entrambi i pedali chorus in serie

Chorus Statico

Questo suono è certamente un po’ più specialistico, ma può essere utile come chitarra overdub o semplicemente per ottenere un suono molto personale. A tale scopo, abbassare il potenziometro Depth/Width a 0. Ciò che rimane è un ritardo molto breve senza alcuna modulazione, che si traduce in un suono leggermente vuoto-metallico. Qui potete ascoltare il mio suono prima senza chorus e poi con l’impostazione “Static”. Infine, ho utilizzato entrambe le tracce in combinazione con un brano di sottofondo e ho effettuato un’intensa regolazione a destra e a sinistra. Nell’esempio utilizzo un TC Electronic Corona.

tc electronic Corona Chorus

tc electronic Corona Chorus

Valutazione dei clienti:
(377)
0:00
0:00
Chorus Statico – Chorus statico disattivato
Chorus Statico – Chorus statico On
Chorus Statico – Double Tracked Guitars

Vibrato-Sounds

Come accennato all’inizio, ogni chorus contiene anche un effetto vibrato che viene mixato con il segnale dry. Per ottenere questo effetto, tuttavia, è necessario un pedale con un controllo di mix che permetta di regolare in modo continuo entrambi i componenti del segnale, come il Walrus Audio Julia. Esistono anche alcuni modelli che possono essere commutati in modalità vibrato tramite uno switch, come il Boss CE-2w o lo Strymon Ola Chorus.

Walrus Audio Julia V2

Walrus Audio Julia V2

Valutazione dei clienti:
(62)
Strymon Ola Chorus Vibrato Pedal

Strymon Ola Chorus Vibrato Pedal

Valutazione dei clienti:
(62)
Boss CE-2w

Boss CE-2w

Valutazione dei clienti:
(138)
0:00
0:00
Vibrato Sound

Flanger-Sounds

Il chorus e il flanger sono effetti molto simili che si differenziano principalmente per la quantità di sfasamento temporale tra il segnale wet e quello dry. Come accennato all’inizio, questo è compreso tra circa 5 e 25 ms per l’effetto chorus, mentre il flanger ha tempi più brevi, da 0,1 a 5 ms circa. Il prerequisito per la conversione del nostro pedale chorus è quindi un controllo manuale del lag o del delay che consenta valori estremamente bassi. Purtroppo non ce ne sono molti sul mercato. Tuttavia, è facile da implementare nel software Tone Print del Corona Chorus di TC Electronic e, naturalmente, in qualsiasi unità multieffetto.

0:00
0:00
Flanger Sound

Effetto “Underwater dream”

Se si portano al massimo i valori di Rate e Depth, si ottiene un effetto “wobbly” molto estremo. Questo suono non è certamente adatto a un uso permanente, ma quando si tratta di creare texture speciali o tipici “mood subacquei”, è una scelta eccellente. È molto convincente se si scelgono le linee o gli accordi in modo altrettanto stravagante ed emozionante.

0:00
0:00
Effetto "Wobbly"

Fake Doubling-Effect

Quest’area di applicazione è stata molto popolare tra gli anni ’80 e ’90 per ispessire i power chords e creare l’illusione di una chitarra raddoppiata. Steve Lukather, Alex Lifeson, ma anche Zakk Wylde usavano algoritmi di chorus e pitch shifter per dare un po’ più di ampiezza alle loro ritmiche. A questo scopo, consiglio di posizionare il chorus dietro la distorsione o nel percorso loop-in dell’amplificatore. Se avete due amplificatori o un modeler a portata di mano, il suono è ovviamente più convincente in stereo.

0:00
0:00
Fake Doubling Effect

Conclusione

Come si può intuire, il chorus può evocare molto di più di un semplice suono pulito anni ’80. Anche se la gamma di applicazioni non è così versatile come quella di un pedale flanger più complesso, è comunque possibile ottenere una grande quantità di suoni speciali. Tuttavia, la flessibilità dipende molto anche dalle opzioni di impostazione disponibili e dalla loro efficienza. Va detto chiaramente che alcuni classici con un elevato fattore “Mojo”, come il Boss CE-2 o l’EHX Small Clone, producono suoni incredibili, ma sono piuttosto limitati in termini di diversità sonora. Di conseguenza, è importante valutare quale pedale sia più adatto ai propri scopi. È inoltre possibile provare diverse collocazioni del pedale del chorus. L’utilizzo dietro lo stadio di distorsione è certamente da manuale, ma si possono creare suoni interessanti anche davanti ad esso!

* Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Emanuele Pellegrino