Paul Kossoff è uno dei più importanti chitarristi rock emersi dall’Inghilterra negli anni Sessanta. Questo decennio in particolare, soprattutto nella scena londinese, è considerato il periodo d’oro della chitarra elettrica, con protagonisti come Jeff Beck, Peter Green, Eric Clapton, Jimmy Page e Ritchie Blackmore. È in questo ambiente che cresce l’allora adolescente Paul Kossoff, che raggiunge per breve tempo la fama mondiale con la sua band Free. La sua tragica morte, avvenuta a soli 25 anni, ha posto fine a una carriera promettente e ha fatto sì che oggi il suo nome non venga più citato molto spesso. Ed è proprio per questo che vogliamo migliorare la situazione con questo workshop!

Suonare Come Paul Kossoff © Shutterstock / Ian Dickson

Biografia di Paul Kossoff

Paul Francis Kossoff è nato il 14 settembre 1950 a Hampstead, Londra. Ha preso in mano la chitarra all’età di nove anni e ha preso lezioni di musica classica fino al suo quindicesimo compleanno. Quando Paul vide i Bluesbreakers di John Mayall con Eric Clapton nel dicembre 1965, si innamorò della chitarra elettrica. Poco dopo, Kossoff lavorò come commesso nel Selmer’s Music Shop e utilizzò i suoi primi soldi per acquistare una chitarra elettrica Eko 500 e successivamente una Les Paul Junior. Grazie al sostegno dei genitori, seguì presto lo strumento che aveva sempre ammirato grazie al primo incontro con Clapton e che è inevitabilmente associato a Kossoff: una Gibson Les Paul Custom, anche se con pickup P90.

Nel 1966, Kossoff si unisce alla band blues-rock Black Cat Bones. Qui incontrò il batterista Simon Kirke, che sarebbe diventato un caro amico e un compagno musicale di lunga data. Quando Kossoff ascoltò il cantante Paul Rodgers con la sua band Brown Sugar, rimase così colpito che lui e Kirke decisero di formare una nuova band con lui e un quarto membro, che trovarono in Andy Fraser.

L’album di debutto dei Free, intitolato Tons of Sobs, fu pubblicato nel 1968, quando tutti i membri della band avevano ancora meno di 20 anni. L’anno successivo pubblicarono il loro secondo album, il self-titled Free. Entrambe le uscite non ebbero molto successo all’inizio, ma la situazione cambiò nel 1970 con Fire and Water. Questo disco è ancora oggi considerato una pietra miliare nella storia del rock. Il singolo di successo All Right Now raggiunse la posizione numero 2 nella classifica britannica dei singoli, la numero 4 nella Billboard Hot 100 statunitense e divenne una hit numero 1 in oltre 20 Paesi.

L’album Highway, pubblicato anch’esso nel 1970, non riuscì a consolidare questo successo. Questa circostanza e le tensioni interne portarono allo scioglimento dei Free nel 1972. Durante questo periodo, l’uso del Mandrax, una droga molto popolare all’epoca, divenne un problema crescente per Paul Kossoff. Kossoff e Simon Kirke lavorano per un breve periodo a un proprio album, Kossoff Kirke Tetsu Rabbit, ma questa sarà l’unica pubblicazione.

Infine, i membri dei Free si riunirono ancora una volta e pubblicarono Free at Last nel 1972 e il loro ultimo album in studio Heartbreaker nel 1973. Quest’ultimo è stato realizzato senza il bassista Andy Fraser e, a causa delle assenze per droga, è stato necessario affiancare a Kossoff un chitarrista in studio. In seguito Paul pubblicò un album da solista intitolato Back Street Crawler e poi formò una band con lo stesso nome, che pubblicò altri due album. Tuttavia, la salute di Paul si deteriorò drasticamente a causa della tisi. Paul Kossoff morì di embolia polmonare su un volo da Los Angeles a New York il 19 marzo 1976.

La strumentazione di Paul Kossoff

Anche se Kossoff ha usato diverse Les Paul e altri marchi durante la sua carriera, è associato soprattutto a due modelli di Les Paul molto specifici, che sono curiosamente difficili da datare. Da un lato, c’era la standard della fine degli anni Cinquanta con finitura in legno naturale, che Kossoff ha suonato dal 1969 al 1974 circa. Questa chitarra aveva originariamente una finitura cherry sunburst, che era stata sabbiata dal precedente proprietario, e presentava i fori di un tremolo Bigsby smontato. Anche la seconda chitarra era una Les Paul Standard, che Kossoff suonò dai primi anni ’70 fino alla sua morte.

Quando Paul lanciò questa chitarra in aria dopo un concerto nel 1972, il manico si ruppe e dovette essere sostituito, causando la perdita del numero di serie. Probabilmente è stata realizzata nel 1958 o nel 1959 e Kossoff è stato visto occasionalmente  anche con una ES-335, una L5S o anche una Strat. Quest’ultima adorna la copertina del suo disco solista Back Street Crawler. Questa Fender ha un corpo del ’62 e presumibilmente un manico in acero del 1967. Dopo la morte di Kossoff, la Strat fu acquistata dal chitarrista degli Iron Maiden Dave Murray.

Gibson Les Paul Standard 50s HCS

Gibson Les Paul Standard 50s HCS

Valutazione dei clienti:
(69)
Gibson 1959 Les Paul Standard GLF ULA

Gibson 1959 Les Paul Standard GLF ULA

Nessuna valutazione del cliente ancora disponibile
Gibson ES-335 Dot 60s Cherry

Gibson ES-335 Dot 60s Cherry

Valutazione dei clienti:
(7)
Fender 67 Strat AVW Heavy Relic

Fender 67 Strat AVW Heavy Relic

Nessuna valutazione del cliente ancora disponibile

Per quanto riguarda gli amplificatori, Paul era un classico utilizzatore di Marshall. Agli inizi dei Free, sembra che usasse un Marshall JTM45 o JTM100 del 1966/67. In seguito passò a un Marshall 100W Super Lead o a un Marshall 1967 Plexi Super Bass, che suonava attraverso cabinet 4×12′ con diffusori G12H. In alcune foto si può vedere Kossoff anche con amplificatori Orange, come l’Orange Matamp OR100. Era molto purista quando si trattava degli effetti. Di tanto in tanto usava un wah o un Leslie, e alcune foto mostrano un MXR Phase 90, introdotto solo nel 1974, due anni prima della morte di Paul.

Marshall JTM45/2245

Marshall JTM45/2245

Valutazione dei clienti:
(40)
Celestion G12H-75 Creamback 16 Ohm

Celestion G12H-75 Creamback 16 Ohm

Valutazione dei clienti:
(67)
Hammond Leslie 2101 MkII

Hammond Leslie 2101 MkII

Valutazione dei clienti:
(11)
MXR Custom Shop Phase 90 LED

MXR Custom Shop Phase 90 LED

Valutazione dei clienti:
(204)

Il workshop su Paul Kossoff

Il modo di suonare di Paul Kossoff ha forti radici nei primi musicisti blues. Questo si può notare nel suo fraseggio e nelle sue dinamiche, oltre che nella sua selezione timbrica.

Tuttavia, il suo punto di forza più importante è sicuramente il suo vibrato incredibilmente musicale, che tra l’altro ha ispirato anche Joe Bonamassa. È veloce e aggressivo, ma ha ancora molta anima. Secondo il cantante dei Free Paul Rodgers, Kossoff ha sempre lavorato per affinarlo. Paul non era certo uno dei chitarristi più rapidi e veloci, ma sapeva esattamente come costruire la tensione nell’assolo e ottenere di più con meno. Per quanto riguarda il materiale tonale, ha fatto molto uso di pentatoniche e blues, combinando abilmente pentatoniche maggiori e minori. Nel suo modo di suonare la ritmica ci sono anche alcuni elementi che all’epoca erano ancora piuttosto insoliti. Tra questi, ad esempio, l’esecuzione di power chord sulle corde di Re e Sol o l’inserimento di quinte o terze nel basso.

Walk In My Shadow Tons of Sobs (1968)

Walk In My Shadow è estratta dal primo album dei Free, Tons of Sobs. La band si era costruita una considerevole base di fan attraverso diversi tour e il loro album di debutto consisteva principalmente nella loro scaletta dal vivo. Questa canzone presenta un classico schema blues in Sol, con Paul che suona un arpeggio in maggiore settima e scivola sulla terza maggiore alla fine.

0:00
0:00
Walk In My Shadow – Tons of Sobs (1968) – Tempo originale con chitarra
Walk In My Shadow – Tons of Sobs (1968) – Tempo originale senza chitarra

I’m a Mover Tons of Sobs (1968)

Sempre in Tons of Sobs, la canzone I’m a Mover è in Sol e si sente un riff basato su note arpeggiate.

0:00
0:00
I’m a Mover – Tons of Sobs (1968) – Tempo originale con chitarra
I’m a Mover – Tons of Sobs (1968) – Tempo originale senza chitarra

I’ll Be Creeping Free (1969)

In I’ll Be Creeping troviamo anche un riff molto blues in Sib, in cui Paul combina elegantemente le terze minori e maggiori. In una sovraincisione di chitarra si può sentire un suono di 7/#9 suonato con un pedale wah.

0:00
0:00
I’ll Be Creeping – Free (1969) – Tempo originale con chitarra
I’ll Be Creeping – Free (1969) – Tempo originale senza chitarra

Fire and Water Fire and Water (1970)

Con il riff introduttivo di Fire and Water, si può facilmente riconoscere da dove gli AC/DC hanno tratto ispirazione. Paul suona un power chord di La sulle corde di Re e Sol all’inizio, usa molte corde aperte e suona i suddetti power chord con una terza al basso.

0:00
0:00
Fire and Water – Fire and Water (1970) – Tempo originale con chitarra
Fire and Water – Fire and Water (1970) – Tempo originale senza chitarra

Wishing Well Heartbreaker (1973)

La produzione dell’album Heartbreaker era già pesantemente influenzata dalla condizione di tossicodipendenza di Paul. Poiché l’affidabilità di Kossoff lasciava molto a desiderare, “Snuffy” Walden fu assunto come chitarrista per le sessioni, cosa che infastidì molto Paul. Anche se non viene nominato nel singolo di successo Wishing Well, la chitarra del brano è di Kossoff, come conferma anche Simon Kirke.

0:00
0:00
Wishing Well – Heartbreaker (1973) – Tempo originale con chitarra
Wishing Well – Heartbreaker (1973) – Tempo originale senza chitarra

Fire and Water – Assolo Live a Beat-Club in Germania (1970)

Stai visualizzando un contenuto segnaposto da Youtube. Per accedere al contenuto effettivo, clicca sul pulsante sottostante. Si prega di notare che in questo modo si condividono i dati con provider di terze parti.

Ulteriori informazioni

Ecco una sorpresa speciale per voi: l’assolo di Paul Kossoff su Fire and Water. Tuttavia, questa versione non è tratta dall’omonimo album in studio, ma dalla registrazione dal vivo a Beat-Club del 1970. Si può ascoltare un grande crescendo per tutte le 16 battute e, naturalmente, un sacco di lick archetipici del blues.

0:00
0:00
Fire and Water – Assolo – Live a Beat-Club in Germania (1970) – Tempo originale con chitarra
Fire and Water – Assolo – Live a Beat-Club in Germania (1970) – Tempo originale senza chitarra

Se vi state chiedendo perché il grande successo All Right Now non è presente nel workshop, potete stare tranquilli. Potete trovare sia il riff che l’assolo qui:

Ottenere il suono

Per ottenere il suono di Paul, è preferibile avere una chitarra con humbucker e un amplificatore con una distorsione britannica abbastanza satura. Con Kossoff, si può davvero sentire l’amplificatore che va in ginocchio e che ovviamente eroga un volume appropriato. Il resto dipende dalle mani, perché il suono di Kossoff ha molto a che fare con l’attitudine e il vibrato delle dita. Potete aggiungere un po’ di riverbero per ottenere un bel suono ambientale. Ecco un suggerimento con il plugin Neural DSP Fortin.

Suggerimento per il suono – Neural DSP Fortin

Spero che vi divertiate molto con Paul Kossoff!

*Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Riccardo Yuri Carlucci
Ultime pubblicazioni di Riccardo Yuri Carlucci (vedi tutte)