Nel 1983 Lionel Richie ha pubblicato il suo secondo album con l’etichetta Motown, intitolato “Can’t slow down”, che è tuttora uno degli album più venduti al mondo con 20 milioni di copie e che gli è valso anche un Grammy. Anche l’elenco dei musicisti presenti in questo disco sembra un “Who’s Who” della scena musicale californiana. Nomi come Abe Laboriel, Richard Marx, Darryl Jones e Jeff Porcaro sono stati coinvolti nella registrazione.

Credits: Shutterstock / di: Ben Houdijk

Un altro artista che partecipò alla produzione fu nientemeno che l’allora ventiseienne Steve Lukather, che all’epoca poteva già vantare una carriera di tutto rispetto con la sua band Toto e che pubblicò quasi contemporaneamente l’album IV con questo gruppo. Oltre a successi come “Hello” o “All night long”, “Can’t slow down” contiene anche il pezzo rock medium-tempo “Running with the night”, sul quale Lukather esegue due assoli. Se il secondo assolo è piuttosto “sciolto” e improvvisato, il primo mostra le qualità tipiche di un assolo da canzone pop degli anni ’80, con una grande struttura, melodie cantabili e un timbro a cui inginocchiarsi. Analizziamo qui in dettaglio questi due assoli lukatheriani.

Lukather ha usato vari modelli di Telecaster e Gibson ES-335 nei suoi primi tempi, ma è evidente che preferiva le Gibson Les Paul. All’epoca del secondo album dei Toto, “Hydra”, acquistò una leggendaria Les Paul Standard del ’59. La chitarra è nota anche come “Rosanna Burst” per il suo speciale colore sunburst e per il suo utilizzo nella hit “Rosanna dei Toto.

Questo strumento è presente in innumerevoli hit della prima carriera in studio di Steve, come “Beat it” di Michael Jackson e, secondo lo stesso Steve, nel già citato assolo di “Running with the night”. Tuttavia, questo è in contraddizione con l’uso del tremolo in alcune parti dell’assolo. Per quanto riguarda gli amplificatori, siamo ancora nell’epoca precedente al periodo dei rack di Lukather e alle soluzioni “amp plus pedal”. In questi anni Steve usava dei Fender 64 o 65 Blackface Deluxe Reverb modificati da Paul Rivera, che a volte esaltava con pedali MXR o con l’Ibanez Tubescreamer. Anche se Luke ha utilizzato sempre più spesso le testate Marshall a partire dai primi anni ’80, a mio parere qui si sente chiaramente l’impronta di un Fender.

Il brano si svolge nella tonalità di Am e presenta un assolo con soltanto Am e F che si alternano. Lukather inizia l’assolo in dodicesima posizione e utilizza una miscela tonale di Am pentatonica e A eolia. Qui incontriamo bending piuttosto imprevedibili, che vanno da incrementi di semitono a bending di un tono e mezzo. Nel profilo dell’assolo si può notare come Luke si faccia strada da un registro medio-alto fino al culmine dell’assolo in un registro molto alto con ampi bending, segnando così una costruzione dell’assolo grandiosa.

0:00
0:00
Steve Lukather & Lionel Richie – Running with the night – Solo 1 – originale
Backing Track

L’assolo dell’outro è disponibile sia in versione integrale che in versione ridotta, e alcune stazioni radiofoniche hanno addirittura tagliato del tutto l’assolo.

La cosa davvero sorprendente è che originariamente Luke aveva suonato questo assolo solo come prova per riscaldarsi in studio. Ma i produttori avevano già il nastro in funzione. A tal proposito, questo solo viene spesso descritto come una “zero take”, poiché ha avuto luogo prima della “prima take” vera e propria.

Qui è possibile ascoltare la versione dell’album tagliata.

0:00
0:00
Steve Lukather & Lionel Richie – Running with the night – Solo 2 – originale
Backing Track

Il modo migliore per ottenere questo sound è con una chitarra humbucker e una quantità moderata di distorsione. Sia da amplificatori a medio gain, sia da pedali overdrive. A causa dei bending acuti, il vostro strumento dovrebbe avere almeno 22 tasti. Sono necessari relativamente pochi effetti e un delay impostato in modo leggero e un tocco di riverbero per un suono più naturale dovrebbero essere assolutamente sufficienti. Ecco un mio suggerimento:

Suggerimento sonoro

E ora divertitevi con l’assolo di Steve Lukather e “Running with the night”!

EMG SL20 Steve Lukather

EMG SL20 Steve Lukather

Valutazione dei clienti:
(198)

*Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Emanuele Pellegrino