Nel 1989, il gruppo glam rock americano Mötley Crüe ha pubblicato il suo album di maggior successo, “Dr. Feelgood”. L’album ha venduto 6,5 milioni di copie, è stato nominato per un Grammy e ha raggiunto la prima posizione nelle classifiche americane. Non è solo l’album più venduto della band, ma segna anche il loro allontanamento dalle passate brutte esperienze con la droga, che sono anche trattate tematicamente in alcuni testi.

Credits: Shutterstock 147280472 / landmarkmedia

I Mötley Crüe sono ancora oggi live on the road

I quattro “hair metallers” non sono più riusciti a eguagliare il successo di questo album. Ma grazie al film biografico “The Dirt” del 2019, hanno vissuto una sorta di rinascita e sono ancora in giro dal vivo. Se abbiamo già parlato di “Kickstart my heart” in un workshop passato, oggi ci concentreremo sulla title track “Dr. Feelgood”.

Il chitarrista Mick Mars è molto flessibile nella scelta delle chitarre

Fino a poco tempo fa, le chitarre dei Mötley Crüe erano realizzate da Mick Mars, che ora si è ritirato. Spesso venivano utilizzati modelli di B.C. Rich, Kramer o Gibson Les Paul. Ma c’erano anche Stratocaster, per lo più dotate di humbucker al ponte e tremoli Floyd Rose. Dal punto di vista degli amplificatori, Mars è un classico chitarrista Marshall, appassionato di testate JCM800 da 100W con relativo cabinet 4×12″. Dopo gli anni Ottanta, tuttavia, è stato visto anche con testate Soldano e Rivera.

Due chitarre costituiscono l’intro di “Dr. Feelgood”

Inizia con un persistente suono sulla corda a vuoto E basso, seguito dal riff dell’introduzione e del ritornello. Anche questo è in E e contiene una grande linea di basso cromatico, oltre a un accordo di E7#9. La parte della strofa si sposta poi sulla sottodominante di A. La parte introduttiva è impreziosita da una seconda chitarra. Questa suona principalmente armonici naturali sulle corde di G e D sopra il 5°, 7° e 12° tasto e li “immerge” in ritmi di ottava con l’aiuto della leva del vibrato. Nell’originale, le chitarre sono accordate un semitono più basso, cioè in Eb. Per semplicità, tuttavia, qui utilizzo l’accordatura standard.

0:00
0:00
Mötley Crüe – Dr. Feelgood – Originale
Mötley Crüe – Dr. Feelgood – Backing Track

Il suono della chitarra di “Dr. Feelgood” funziona anche strumenti semplici

Il suono di Mick è relativamente “diretto” e non richiede molti fronzoli. Una chitarra humbucker e un amplificatore con distorsione britannica sono i più adatti a questo scopo. È possibile far esplodere un po’ l’amplificatore con un pedale di distorsione come l’Ibanez Tubescreamer, il Boss SD-1, un ProCo Rat o simili. Un pizzico di riverbero fornisce un suono più naturale. Ecco un suggerimento con un Marshall 2203 e un plug-in Tubescreamer, entrambi di Universal Audio:

suggerimento per il sound

E ora buona fortuna con “Dr. Feelgood”!

Marshall JCM 800 Reissue 2203

Marshall JCM 800 Reissue 2203

Valutazione dei clienti:
(26)

*Questo post contiene link affiliati e/o widget. Quando acquistate un prodotto tramite un nostro partner affiliato, riceviamo una piccola commissione che ci aiuta a sostenere il nostro lavoro. Non preoccupatevi, pagherete lo stesso prezzo. Grazie per il vostro sostegno!

Emanuele Pellegrino
Ultime pubblicazioni di Emanuele Pellegrino (vedi tutte)